Il ristorante dove (quasi sempre) sbagliano gli ordini

| Ha aperto a Tokyo da poco e si chiama proprio così, Restaurant of Mistakes Orders. Il motivo è semplice: tutto il personale è rappresentato da persone affette da deficit mentali

+ Miei preferiti
All’apparenza è un ristorante come tutti gli altri: si entra, ci si accomoda, si legge il menù e si ordina al cameriere. Ma non c’è nessuna certezza che il piatto ordinato sia quello che arriverà al tavolo. Succede nel 37% dei casi, eppure nessuno si arrabbia, nessuno chiede di parlare con il direttore o minaccia querele, perché questo è il “Restaurant of Mistaken Orders”, il ristorante degli ordini sbagliati.

Si tratta di un’iniziativa dall’alto valore sociale lanciata da poco a Tokyo, in Giappone, attraverso un locale pop-up che ha scelto di assumere soltanto persone affette da disabilità mentale, persone che ce la mettono tutta, ma a volte dimenticano e altre sbagliano a segnare gli ordini.

Il ristorante è un’idea di Shiro Oguni, imprenditore che dopo una visita in un centro di disabilità mentale ha deciso di offrire un’opportunità da chi in genere è dimenticato dalla società: “Avevo dei pregiudizi sulle persone affette da demenza, come tutti, ma si tratta di persone molto tenere che perdono la memoria e si trovano a girare senza una meta. Malgrado questo sono perfettamente in grado di cucinare, servire e apparecchiare, anche se lo fanno con i loro tempi e a volte non in modo così preciso. La nostra idea è una goccia nel mare per cambiare la convinzione che si tratti di persone inaffidabili, colpite da una malattia che affligge 35milioni di persone al mondo e con una tendenza all’aumento che secondo gli esperti entro il 2050 potrebbe toccare i 115 milioni”.

Fra chi serve ai tavoli, individuato grazie ad una collaborazione con “Maggie’s Tokyo”, un centro specializzato nella cura dell’Alzheimer, spicca una signora avanti negli anni che spesso dimentica cosa sta facendo e si siede al tavolo con gli ospiti, altri che servono caffè con cannucce e una che si è intestardita con un grosso macinapepe con cui riempie i tavoli, a meno di non essere guidata. In compenso, assicurano i clienti, i piatti sono ottimi e l’esperienza a dir poco entusiasmante. 

Galleria fotografica
Il ristorante dove (quasi sempre) sbagliano gli ordini - immagine 1
Il ristorante dove (quasi sempre) sbagliano gli ordini - immagine 2
Il ristorante dove (quasi sempre) sbagliano gli ordini - immagine 3
Il ristorante dove (quasi sempre) sbagliano gli ordini - immagine 4
Ristoranti
I Bastianich scaricano Mario Batali
I Bastianich scaricano Mario Batali
La B&B Hospitality Group, società che possedeva decine di ristoranti in tutto il mondo è in crisi a causa delle accuse piovute sul nome dello chef, da diversi anni socio del celebre giudice di MasterChef
MasterChef Experience
MasterChef Experience
Apre a Dubai il primo ristorante ispirato al talent show culinario più celebre di tutti. Nel menù le migliori ricette dei vincitori di tutto il mondo
Le stelle Michelin Italia 2020
Le stelle Michelin Italia 2020
33 novità su un totale di 374 ristoranti stellati: Milano trionfa con Enrico Bartolini, mentre Vissani ne perde una e grida alla congiura
Il galateo a tavola all’estero
Il galateo a tavola all’estero
Ogni paese ha le proprie abitudini e magari considera sconveniente qualcosa che per altri, al contrario, è del tutto normale. "TheFork" ha stilato un piccolo vademecum per i vacanzieri
Jamie Oliver: un buco da 28 milioni di euro
Jamie Oliver: un buco da 28 milioni di euro
Sono i conti che circolano in questi giorni nel Regno Unito: lo chef costretto a mettere mano al proprio patrimonio per saldare dipendenti e creditori
Lavorare per Antonino
Lavorare per Antonino
Il celebre chef napoletano è alla ricerca di diverse figure professionali per i suoi locali. Il link per candidarsi
Noi due nel mondo (e a tavola)
Noi due nel mondo (e a tavola)
Guida pratica al gran figurone epocale per San Valentino: i ristorante “table for two”, dove celebrare l’amore da soli
Chiude il naked restaurant di Parigi
Chiude il naked restaurant di Parigi
Dopo Londra e New York, la cena completamente nudi aveva conquistato anche la Ville Lumiére. Ma dopo poco più di un anno i proprietari annunciano la chiusura per problemi finanziari
Michelin 2018: quando una stella nasce
Michelin 2018: quando una stella nasce
Assegnato il massimo riconoscimento per l'edizione 2018 della guida più celebre del mondo. Novità, conferme e delusioni nell'olimpo degli chef
Vado di fretta, solo un po' di tartufo
Vado di fretta, solo un po
Quando la realtà supera la fantasia, può succedere che nasca il primo fast food al mondo dedicato al tubero più prezioso. Con prezzi da pranzo veloce e sapori da ristorante stellato