Jamie Oliver: un buco da 28 milioni di euro

| Sono i conti che circolano in questi giorni nel Regno Unito: lo chef costretto a mettere mano al proprio patrimonio per saldare dipendenti e creditori

+ Miei preferiti
Venticinque milioni di sterline, al cambio attuale quasi 28 milioni di euro: è l’entità del “buco” lasciato da “Jami’es Italian”, la catena di ristoranti creata da Jamie Oliver, il celebre chef inglese.

Jamie, si legge sui tabloid inglesi in queste ore, è stato costretto a mettere mano al suo ingente patrimonio personale attingendo un milioone per pagare gli ultimi stipendi dei circa 1.000 dipendenti licenziati in 22 dei 23 ristoranti. Non gli è andata meglio con le aziende fornitrici, che avanzano 83 milioni di sterline di perdite dopo aver tentato di dare una mano allo chef per salvare la catena di ristorazione.

Il “Jamie Oliver Holdings”, il conto personale dello chef, ha fornito prestiti garantiti per 18,3 milioni di sterline all’attività di ristorazione, di cui recupererà solo 2 milioni di sterline.

Tra i creditori, HSBC si farà carico di quasi la metà delle perdite totali di 83 milioni di sterline dopo aver prestato a “Jamie’s Italian” 39,4 milioni di sterline di debiti garantiti.

La star dei fornelli ha fondato “Jamie’s Italian” nel 2008, insieme al suo ex mentore Gennaro Contaldo, ampliando la presenza in tutto il Regno Unito con 40 locali. Nel 2017, sei filiali sono state chiuse per far fronte a un debito di 71,5 milioni di sterline: Jamie dichiara che l’azienda ha “semplicemente esaurito i contanti”.

Oliver, che ha raggiunto la fama con una serie di programmi televisivi e libri di cucina, ha guadagnato circa 240 milioni di sterline da quando è diventato uno dei più amati personaggi televisivi.

Ristoranti
I Bastianich scaricano Mario Batali
I Bastianich scaricano Mario Batali
La B&B Hospitality Group, società che possedeva decine di ristoranti in tutto il mondo è in crisi a causa delle accuse piovute sul nome dello chef, da diversi anni socio del celebre giudice di MasterChef
MasterChef Experience
MasterChef Experience
Apre a Dubai il primo ristorante ispirato al talent show culinario più celebre di tutti. Nel menù le migliori ricette dei vincitori di tutto il mondo
Le stelle Michelin Italia 2020
Le stelle Michelin Italia 2020
33 novità su un totale di 374 ristoranti stellati: Milano trionfa con Enrico Bartolini, mentre Vissani ne perde una e grida alla congiura
Il ristorante dove (quasi sempre) sbagliano gli ordini
Il ristorante dove (quasi sempre) sbagliano gli ordini
Ha aperto a Tokyo da poco e si chiama proprio così, Restaurant of Mistakes Orders. Il motivo è semplice: tutto il personale è rappresentato da persone affette da deficit mentali
Il galateo a tavola all’estero
Il galateo a tavola all’estero
Ogni paese ha le proprie abitudini e magari considera sconveniente qualcosa che per altri, al contrario, è del tutto normale. "TheFork" ha stilato un piccolo vademecum per i vacanzieri
Lavorare per Antonino
Lavorare per Antonino
Il celebre chef napoletano è alla ricerca di diverse figure professionali per i suoi locali. Il link per candidarsi
Noi due nel mondo (e a tavola)
Noi due nel mondo (e a tavola)
Guida pratica al gran figurone epocale per San Valentino: i ristorante “table for two”, dove celebrare l’amore da soli
Chiude il naked restaurant di Parigi
Chiude il naked restaurant di Parigi
Dopo Londra e New York, la cena completamente nudi aveva conquistato anche la Ville Lumiére. Ma dopo poco più di un anno i proprietari annunciano la chiusura per problemi finanziari
Michelin 2018: quando una stella nasce
Michelin 2018: quando una stella nasce
Assegnato il massimo riconoscimento per l'edizione 2018 della guida più celebre del mondo. Novità, conferme e delusioni nell'olimpo degli chef
Vado di fretta, solo un po' di tartufo
Vado di fretta, solo un po
Quando la realtà supera la fantasia, può succedere che nasca il primo fast food al mondo dedicato al tubero più prezioso. Con prezzi da pranzo veloce e sapori da ristorante stellato