Nanà: i sapori della nonna on delivery

| Nasce "Nanà Chef Away", un sito e una app da cui ordinare le specialità di alcune delle migliori gastronomie torinesi: perché l'appetito vien navigando (in rete)

+ Miei preferiti

Se i giovani non vanno alla gastronomia, sarà la gastronomia ad andare dai giovani. Detto così, sembra lo sgraziato adattamento di un celebre detto proverbiale, ma in concreto è realmente ciò che si nasconde dietro al progetto "Nanà Chef Away", presentato questa mattina presso la sede dell'Ascom Torinese.

Un'idea che parte dall'antica tradizione delle gastronomie torinesi, botteghe a volte minuscole in cui da sempre basta entrare per scoprire universi interi fatti di specialità di ogni tipo, pronte da mettere in tavola. Una tradizione radicata, ma che inevitabilmente ha finito per scontrarsi con il mondo 3.0, fatto di velocità supersoniche che tolgono il piacere della spesa per lasciare il posto alla rete, croce e delizia delle nuove generazioni. Nel caso specifico, l'avvento prepotente del fenomeno "food delivery", la consegna a domicilio di qualsiasi cosa desideri la gola, da scegliere sullo schermo di uno smartphone e vedersi recapitare all'ora e nel giorno preferito. Un trend che ha letteralmente spiazzato una categoria artigianale come le gastronomie, più tarate per la dimensione del quartiere e abituate ad accontentare le signore che allungavano il giro dopo il mercato. Take away antesignani che hanno resistito fino a rendersi conto che quella clientela, per quanto affezionata, non bastava più a far quadrare i conti.

"Nanà, Chef Away" vuol essere proprio la risposta a tutto questo: il punto d'incontro fra un presente che si misura in byte e la tradizione dell'insalata russa e il vitello tonnato fatti come faceva la nonna. Per la prima volta, nel carrello virtuale di www.nanachefaway.it non finiscono piatti di ristoranti, ma porzioni di specialità preparate da una dozzina, per adesso, delle più celebri e blasonate gastronomie torinesi, selezionate con grande cura dopo una lunga fase di ricerca. Dalla "Gastronomia Rosada" di via Magenta, al "Pastificio Ferri" di corso Giulio Cesare, da "Scaiola", nel cuore della Crocetta, alla macelleria "Brezzo e Colombano", la Coalvi più antica d'Italia. E ancora "Grani di Pepe" di Orbassano, il "Pastificio Sapori" di via Mazzini e la loro gastronomia, in via San Tommaso, "Ferrero", in via Bertola, "Desiderio" di via Vanchiglia, "Pasta e Pasticci", maestri del gusto di Druento e la "Biobottega" di corso Vittorio Emanuele.

Ristoranti
I Bastianich scaricano Mario Batali
I Bastianich scaricano Mario Batali
La B&B Hospitality Group, società che possedeva decine di ristoranti in tutto il mondo è in crisi a causa delle accuse piovute sul nome dello chef, da diversi anni socio del celebre giudice di MasterChef
MasterChef Experience
MasterChef Experience
Apre a Dubai il primo ristorante ispirato al talent show culinario più celebre di tutti. Nel menù le migliori ricette dei vincitori di tutto il mondo
Le stelle Michelin Italia 2020
Le stelle Michelin Italia 2020
33 novità su un totale di 374 ristoranti stellati: Milano trionfa con Enrico Bartolini, mentre Vissani ne perde una e grida alla congiura
Il ristorante dove (quasi sempre) sbagliano gli ordini
Il ristorante dove (quasi sempre) sbagliano gli ordini
Ha aperto a Tokyo da poco e si chiama proprio così, Restaurant of Mistakes Orders. Il motivo è semplice: tutto il personale è rappresentato da persone affette da deficit mentali
Il galateo a tavola all’estero
Il galateo a tavola all’estero
Ogni paese ha le proprie abitudini e magari considera sconveniente qualcosa che per altri, al contrario, è del tutto normale. "TheFork" ha stilato un piccolo vademecum per i vacanzieri
Jamie Oliver: un buco da 28 milioni di euro
Jamie Oliver: un buco da 28 milioni di euro
Sono i conti che circolano in questi giorni nel Regno Unito: lo chef costretto a mettere mano al proprio patrimonio per saldare dipendenti e creditori
Lavorare per Antonino
Lavorare per Antonino
Il celebre chef napoletano è alla ricerca di diverse figure professionali per i suoi locali. Il link per candidarsi
Noi due nel mondo (e a tavola)
Noi due nel mondo (e a tavola)
Guida pratica al gran figurone epocale per San Valentino: i ristorante “table for two”, dove celebrare l’amore da soli
Chiude il naked restaurant di Parigi
Chiude il naked restaurant di Parigi
Dopo Londra e New York, la cena completamente nudi aveva conquistato anche la Ville Lumiére. Ma dopo poco più di un anno i proprietari annunciano la chiusura per problemi finanziari
Michelin 2018: quando una stella nasce
Michelin 2018: quando una stella nasce
Assegnato il massimo riconoscimento per l'edizione 2018 della guida più celebre del mondo. Novità, conferme e delusioni nell'olimpo degli chef