Hailey Baldwin, la signora Bieber

| Una delle eredi della dinastia artistica dei Baldwin, modella dalla carriera in grande ascesa, è anche riuscita a mettere le briglie a Justin Bieber, l’impenitente del pop per eccellenza

+ Miei preferiti
L’aria è sempre un po’ scocciata, un mezzo broncio e una dose di noia che traspare quasi in ogni foto. In fondo per Hailey Baldwin, secondogenita di Stephen Baldwin, a sua volta fratello di Alec, il più celebre dei Baldwin, gli effetti collaterali della celebrità sono pane quotidiano. La sua è una dinastia capitana dai quattro fratelli baldwin, originari di Massapequa, tutti attori e tutti (rarità), figli degli stessi genitori: Carol Newcomb e Alexander Rae Baldwin Jr. Ma non solo, perché sua zia è la cantante Chynna Phillips, moglie di zio William, e in linea del tutto teorica l’altra zia sarebbe Kim Bansinger, per lungo tempo legata a zio Alec.

Hailey, per farla breve, in mezzo ai riflettori ci è nata e cresciuta: a nove anni partecipa al documentario “Living It: Unusual Suspect”, quattro anni dopo zio Alec la vuole al “Saturday Night Live”. Ma a lei piace ballare: prende lezioni frequentando le migliori scuole e gli insegnanti più qualificati, ma una frattura al piede la costringe a smettere.

Per fortuna sua non ha alcun bisogno di iscriversi all’ufficio di collocamente e in più è alta, bella e bionda, quanto basta perché a 18 anni firmi il suo primo contratto come modella con la “Ford Models”, abbandonata due anni dopo per la “IMG Models”, scuderia che vanta nomi come Kate Moss, Gigi Hadid e Giorgia May Jagger. Nel 2017 conquista il titolo di “Donna più sexy del mondo” assegnato dal “Maxim Hot 100 Party” e da quel momento il nome di Hailey Baldwin entra nella stratosfera del fashion system: Tommy Hilfiger, Guess, Sonia Rykiel, Moschino e Philipp Plein se la contendono a suon di dollari.

In realtà, a darle la notorietà mondiale è più la love story con Justin Bieber, il bad boy della musica americana, con all’attivo denunce per aggressione, minacce, vandalismo, guida in stato di ebbrezza, tentata rapina e rissa. Ma soprattutto uno dei più grandi e impenitenti sciupafemmine in circolazione.

Quanto basta per attirare l’attenzione di Hailey Baldwin, che inizia a frequentare Justin nel 2016, ma in modo segreto, visto che lei è legata al cantante Shawn Mendes e lui a Selena Gomez. Chiuse le rispettive storie, i due escono alla luce del sole: è l’inizio del 2018 e si capisce subito che non si tratta del solito amorazzo fra celebrity, e che Hailey è riuscita a domare quel cavallo imbizzarrito di Justin. Pochi mesi dopo, il 13 settembre dello stesso anno, i due si sposano in gran segreto in municipio, a New York. Il mondo, e i milioni di followers che li seguono, lo scoprono soltanto mesi dopo, il giorno del Ringraziamento, quando Justin scrive “Il mio primo Thanksgiving Day da uomo sposato”. Manca all’appello l’annunciata cerimonia religiosa che invano tentano di programmare e ogni volta annullano per problemi e impegni professionali. 

Hailey Rhode Bieber Baldwin è nata a Tucson, Arizona, il 22 novembre del 1996: il padre è Stephen, ultimo dei fratelli Baldwin, la madre Kennya Deodato, figlia di un musicista brasiliano. Ha una sorella più grande, Alaia, anch’essa modella. 

Galleria fotografica
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 1
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 2
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 3
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 4
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 5
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 6
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 7
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 8
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 9
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 10
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 11
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 12
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 13
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 14
Hailey Baldwin, la signora Bieber - immagine 15
Ritratti
Andrea, il principe che ha perso l’azzurro
Andrea, il principe che ha perso l’azzurro
Una nuova biografia traccia un impietoso ritratto del terzogenito della Regina, cresciuto fra privilegi, ammirato da chi non lo conosceva e poco amato da chi l’ha frequentato. Fino al passo falso con l'amico pedofilo
Torino, via Carlo Abarth
Torino, via Carlo Abarth
La città italiana dove il geniale preparatore austriaco ha trovato terreno fertile per le sue idee, ha scelto di ricordarlo a 70 anni dalla nascita del marchio che ancora oggi porta il suo cognome