È esplosa la psicosi “ranitidina”

| Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete

+ Miei preferiti
L’allarme “ranitidina” è ormai esploso, e a nulla vale l’aggiunta di “via precauzionale” alla disposizione dell’Agenzia Italiana del Farmaco di ritirare i farmaci che contengono la molecola, seguita da quello dell’omologa agenzia europea (EMA) di verificare in tutti i medicinali in commercio la presenza di tracce di “N-nitrosodimetilammina”.

Queste ultime, meglio conosciute come “nitrosammine”, sono composti organici classificati come possibili agenti cancerogeni, che in caso di assunzione per lungo termine possono aumentare i rischi di contrarre un tumore. A far scattare l’ordine di ritiro dei farmaci un report dell’agenzia internazionale di ricerca sul cancro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che avrebbe individuato tracce di nitrosammine in alcuni farmaci prodotti dalla “Saraca Laboratories LTD”, un’azienda indiana.

La ranitidina è un farmaco basato su una molecola il cui effetto è “l’inibizione della produzione di acidi da parte dello stomaco”: viene comunemente usato in caso di trattamenti per ulcere gastriche e reflusso gastroesofageo, commercializzato in Italia come “Zantac”, “Ranidil”, “Ranitidina”, “Raniben” e “Zantac Antiacido” (da non confondere con il Buscopan).

Malgrado il consiglio di rimandare l’assunzione dei farmaci fino alla conclusione delle analisi – che non saranno completate prima di tre anni, vista l’enorme quantità di medicinali da passare al setaccio - gli esperti consigliano di evitare la psicosi: qualora fosse accertata, la presenza di nitrosammine è comunque a livelli bassissimi, addirittura inferiore a quella di una grigliata di carne cotta troppo. Così come si sconsiglia di interrompere improvvisamente l’assunzione di medicinali senza prima aver consultato il proprio medico.

Ma simili notizie, purtroppo, sono una manna dal cielo per le fake news: in rete circolano elenchi farlocchi di farmaci cancerogeni, in modo così massiccio da aver convinto l’agenzia del farmaco a pubblicare l’elenco completo di quelli in cui è stato accertata la presenza di ranitidina.

“È necessario sottolineare che non esiste un pericolo imminente di salute per il paziente che abbia già assunto medicinali contenenti ranitidina e la sospensione è e resta solo a scopo cautelativo in attesa di ulteriori indagini”, ha aggiunto la Federfarma Bergamo per fare chiarezza.

Galleria fotografica
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 1
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 2
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 3
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 4
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 5
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 6
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 7
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 8
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 9
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 10
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 11
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 12
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 13
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 14
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 15
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 16
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 17
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 18
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 19
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 20
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 21
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 22
È esplosa la psicosi “ranitidina” - immagine 23
Salute
Due colossi farmaceutici alle corde
Due colossi farmaceutici alle corde
La tedesca Bayern e l’americana Johnson & Johnson alle prese con cause e denunce. La prima tenta di chiudere il 95% delle pendenze con 11 miliardi dollari, la seconda condannata a sborsare 2,1 miliardi per il talco cancerogeno
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
Il Regno Unito è uno dei primi Paesi a preoccuparsi degli effetti collaterali del coronavirus: le migliaia di malati di cancro rimasti senza cure e trattamenti
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
Il numero di casi di coronavirus in tutto il mondo supera i 90.000, e anche se al momento non si parla ancora di pandemia, l’unica strada possibile per adesso è il contenimento
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi