Aducanumab, Crenezumab e Solanezumab

| Sono i nomi degli anticorpi monoclonali utilizzati - senza successo - dai ricercatori per scoprire una cura all’Alzheimer. Secondo una recente indagine, mangiare due cucchiaini di frutta secca al giorno potrebbe rallentarne l’avanzamento

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Gaetano Perusini è stato un medico italiano nato a Udine nel 1879 e morto l’8 dicembre 1915, dopo essere stato colpito alcuni giorni prima da schegge di granata mentre soccorreva commilitoni feriti sul fronte friulano durante una battaglia della Prima Guerra Mondiale. Benché sia scomparso a soli 36 anni e non abbia potuto proseguire l’attività di ricerca, il suo contributo alla definizione degli aspetti clinici e neuropatologici della demenza neurodegenerativa è stato fondamentale, tanto che il nome corretto della disfunzione da lui studiata è “malattia di Alzheimer-Perusini”. Lo stesso Alzheimer nutriva una profonda stima per il più giovane collega italiano. Eppure oggi nessuno più si ricorda del suo nome e dei suoi lavori, e il nome della malattia da lui studiata è diventata semplicemente l’Alzheimer.

Piuttosto curiosamente, 11 giorni dopo la scomparsa di Perusini, il 19 dicembre 1915 morì a soli 51 anni anche lo psichiatra e neuropatologo tedesco Alois Alzheimer, dopo che un mese prima era stato colto da un problema renale che lo aveva costretto a letto.

Alzheimer aveva descritto per la prima volta la patologia che porta il suo nome nel 1906. Oltre cent’anni dopo sono più di 30 milioni i malati in tutto il mondo e si stima che nel 2050 saranno almeno 120 milioni le persone colpite dalla malattia, circa l’1,2 per cento della popolazione terrestre.

L’Alzheimer è la più comune forma di demenza degenerativa invalidante: circa il 70% dei casi di demenza è dovuto a questa malattia. Di norma, si manifesta oltre i 65 anni e solo raramente in età più giovane. Il sintomo precoce più frequente è la difficoltà nel ricordare fatti accaduti da poco tempo, quindi si manifestano afasia, disorientamento, cambiamenti repentini di umore, depressione, incapacità di prendersi cura di sé, problemi nel comportamento e infine si perdono anche le capacità mentali basilari: l’aspettativa media di vita è dai tre ai nove anni una volta diagnosticata la malattia.

Le sue cause e la progressione con cui peggiora non sono ancora chiare. La patologia è strettamente associata a placche e ammassi riscontrati nel cervello, ma non è conosciuto il motivo della degenerazione.

All’attuale stadio della medicina, i trattamenti terapeutici offrono lievi benefici e non possono fare altro che rallentare parzialmente il decorso della patologia. Finora sono stati realizzati qualcosa come 500 studi clinici con oltre 150 potenziali farmaci per trovare una cura all’Alzheimer, ma purtroppo ancora nessuno ha scoperto un trattamento che arresti o inverta il decorso della malattia.

Le ricerche più recenti hanno utilizzato i cosiddetti “anticorpi monoclonali” che prendono di mira le catene di amminoacidi presenti nel cervello dei malati di Alzheimer con l’obiettivo di ridurne l’accumulo. I nomi degli ultimi anticorpi utilizzati dai ricercatori medici sono pressoché impronunciabili: Solanezumab, Crenezumab o Aducanumab. La sperimentazione di quest’ultimo, nonostante avesse manifestato alcune interessanti opportunità, è stata sospesa alcuni giorni fa dopo che i dati emersi dai due studi più recenti hanno messo in evidenza la certezza che non avrebbe raggiunto nessun risultato positivo. L’azienda farmaceutica giapponese EISAI, titolare della sperimentazione con l’Aducanumab, ha ora focalizzato la sua attenzione su un altro anticorpo monoclonale sperimentale, il BAN2401, che agisce in modo simile ai precedenti. Il farmaco sarà provato su oltre 1.500 pazienti con lievi alterazioni cognitive o lieve demenza da malattia di Alzheimer. 

Nonostante i fallimenti del passato, il costo già sostenuto per la sperimentazione (sembra 1 miliardo e 200 milioni di dollari in tre anni) e con soltanto un esile e presunto beneficio per pochi pazienti, i test proseguono in quanto – anche in considerazione degli ingenti investimenti già effettuati – vale la pena non lasciare nulla di intentato pur se alcuni investitori biotecnologici e analisti ritengono che tutti gli studi debbano essere immediatamente interrotti perché inutilmente costosi.

Quindi, senza nessun trattamento efficace contro l’Alzheimer in arrivo a breve termine: il miglior consiglio che forniscono i medici è provare a evitare che si manifestino i sintomi della demenza. Il primo tratto distintivo è il declino cognitivo e per rallentarlo possono contribuire cambiamenti nello stile di vita: svolgere stimolanti attività mentali come per esempio compilare i cruciverba, fare esercizio fisico e mantenere una dieta sana, senza grassi saturi, carboidrati raffinati e zucchero. Alcuni giorni fa il Daily Mirror ha riportato la notizia che mangiare un paio di cucchiaini di frutta secca al giorno aumenterebbe le funzioni cerebrali del 60 per cento. L’articolo – ovviamente enfatizzandone i risultati – riprende uno studio durato una decina d’anni (pubblicato sul Journal of Nutrition Health and Aging) in cui sono state valutare le diete di 5 mila cinesi over 55: sembra che chi ha consumato nel periodo del test più di 10 grammi di frutta secca al giorno ha meno probabilità di mostrare una diminuzione delle funzioni cognitive rispetto a chi ne ha consumato meno di 10 grammi.

Attenzione però, perché buona parte dei ricercatori scientifici non concordano con questo studio. Solo al 67 per cento dei partecipanti allo studio sono state testate almeno due volte la capacità cognitive e nei casi presi in esame le prestazioni del cervello sono sempre diminuite: per le persone che hanno mangiato più di 10 grammi di frutta secca al giorno il declino è stato semplicemente più lento. Nessun aumento delle funzioni cerebrali, quindi, come invece riportato dal Daily Mirror.

Ma sono numerosi i punti deboli dello studio: non ha tenuto in considerazione altri fattori (come salute generale, stile di vita, esercizio fisico) che influenzano l’evolversi della malattia ed è improbabile quindi che il consumo di un particolare alimento sia sufficiente per scongiurare la demenza. Inoltre, sono stati i partecipanti a segnalare il consumo di frutta secca compilando un questionario, elemento da interpretare con molta cautela in quanto non verificabile.

In sintesi, forse un paio di cucchiaini di frutta secca rallentano l’evoluzione della malattia ma è molto poco probabile che riducano il rischio che insorga e quasi certo che non migliorino le funzioni celebrali di chi già ne soffre.

L’Alzheimer è sicuramente una patologia grave che ha un’elevata incidenza in tutto il mondo (anche nei Paesi in via di sviluppo) con una conseguente crescita del costo economico e sociale: alcune indagini ritengono che nei prossimi dieci anni la spesa mondiale per la cura dei pazienti affetti da demenza aumenterà dell’85 per cento, passando dagli attuali 600 a oltre 1.100 miliardi di dollari all’anno. La malattia di Alzheimer diventerà così la patologia con il maggior impatto economico per i sistemi sanitari nazionali e le comunità sociali del pianeta.

Eppure, oggi la ricerca sulle demenze riceve finanziamenti sensibilmente minori rispetto a quanto stanziato, per esempio, in favore della ricerca contro il cancro.

Salute
Strumenti infetti, centinaia a rischio HIV
Strumenti infetti, centinaia a rischio HIV
Le autorità sanitarie inglesi inviano lettere a 563 pazienti di uno studio dentistico che non sterilizzava in modo corretto gli strumenti per invitarli a sottoporsi al test HIV. Destinatari tra rabbia e paura
Morire di sepsi (in ospedale)
Morire di sepsi (in ospedale)
dati sconvolgenti: 49 mila morti nel 2016, secondo il rapporto Osservasalute 2018. Vittime anziani, lungodegenti, malati oncologici, immunodepressi. Fonti di contagio nei reparti, dai cateteri alla scarsa igiene durante i ricoveri
DILAGA EPIDEMIA EBOLA
Migliaia di casi in Congo, strage di bambini
DILAGA EPIDEMIA EBOLA<br>Migliaia di casi in Congo, strage di bambini
Oltre 1600 casi aumenta di ora in ora il numero dei contagiati mentre la guerriglia attacca i centri sanitari. Uccisi malati e un epidemiologo. L'ONU: "Intervenga la comunità internazionale". Pericolo virus in Africa e nei flussi migratori
Ecstasy uccide 15enne
Ecstasy uccide 15enne
Ragazzina inglese stroncata in pochi minuti da una dose di droga MDMA durante una festa. Il dolore gli amici: "Persa la mia migliore amica, le droghe turbano il futuro. Non prendetele"
Il caso Roundup devasta la Bayer
Il caso Roundup devasta la Bayer
Tre giurie californiane hanno stabilito risarcimenti record a favore di persone ammalate di cancro per aver utilizzato il diserbante: 2 miliardi di dollari a una coppia di giardiniere. Gli altri casi. Effetto valanga
Farmaci generici, prezzi gonfiati
Farmaci generici, prezzi gonfiati
Usa, 20 aziende farmaceutiche sotto inchiesta, 15 manager indagati. Speculazioni sui farmaci anche per cancro e diabete: 40 Stati fanno causa. "Truffa vergognosa"
Morbillo, nave da crociera in quarantena
Morbillo, nave da crociera in quarantena
Era stata noleggiata da Scientology, ora è ormeggiata nell'isola di Santa Lucia. I passeggeri non possono scendere a terra. Alcuni adepti in passato erano contrari ai vaccini. In Usa, per colpa dei NO VAX, è epidemia
La minaccia NO VAX anche in Italia'>MORBILLO, DILAGA L'EPIDEMIA
La minaccia NO VAX anche in Italia
MORBILLO, DILAGA LLa minaccia NO VAX anche in Italia' class='article_img2'>
A gennaio raddoppiano i casi di morbillo in Italia, ormai è emergenza. Negli Usa l'appello di Trump: "Vaccinatevi". I dati e l'analisi. Le responsabilità dei grillini e le giravolte del governo giallo-verde
I super batteri hanno raggiunto lo spazio
I super batteri hanno raggiunto lo spazio
Cambiamenti climatici e capacità di adattamento rendono alcune famiglie di microrganismi resistenti alle cure. Il pericolo non è solo più per persone deboli o anziane: dei batteri sono arrivati a bordo della Stazione Spaziale Internazionale
Forever young
Forever young
Ricerche mediche avanzate hanno portato alla scoperta nel nostro corpo di cellule zombie che non si riproducono e causano il nostro invecchiamento. Grazie ai nuovi farmaci senolitici sembra che il decadimento fisico possa essere rallentato