Bioingegneria per ricostruire il seno dopo il tumore

| La prima volta in Italia. Straordinaria evoluzione, tutta tricolore, per consentire alla donne operate un ritorno alla normalità senza protesi

+ Miei preferiti
Per la prima volta in Italia è stata creata una rivoluzionaria matrice dermica umana, utilizzata su una donna per la ricostruzione del seno dopo un tumore: una pelle "fatta in casa", utilizzando quella del donatore, che apre nuovi orizzonti nella medicina e nella chirurgia. Soltanto in Italia, ad una donna su 10 viene diagnosticato un tumore alla mammella nel corso della vita e, sebbene la mortalità sia in forte diminuzione, rappresenta ancora oggi la prima causa di morte oncologica femminile. L'evoluzione delle tecniche chirurgiche, insieme alla chemioterapia ed alla radioterapia, permette la ricostruzione ad un quarto delle pazienti sottoposte ad asportazione totale della mammella .

Un traguardo raggiunto dalla Città della Salute di Torino, all'avanguardia nella bioingegneria, e frutto di anni di ricerca e di sperimentazione. Grazie a questo rivoluzionario protocollo tutto italiano, è possibile utilizzare matrici dermiche umane acellulari (pezzi di derma privati della componente cellulare e di altri elementi in grado di provocare una reazione di rigetto), che permettono di completare il percorso ricostruttivo protesico in modo più veloce, con una minore traumaticità e con un miglior risultato estetico finale. 

"Rientrato dalla mia esperienza negli USA, il mio obiettivo primario è stato applicare le matrici dermiche umane nel contesto della ricostruzione mammaria post-oncologica, che in Italia on esistevano - racconta il dottor Pietro Maria Ferrando della Chirurgia Plastica e Ricostruttiva della Città della Salute di Torino (diretta dal dottor Fabrizio Malan) - con queste premesse, insieme al professor Paolo Bogetti della Clinica Universitaria (diretta dal professor Stefano Bruschi), il dottor Maurizio Stella e la dottoressa Carlotta Castagnoli della Banca della Cute della Città della Salute abbiamo elaborato un protocollo di studio innovativo che ha portato allo sviluppo di una matrice dermica umana da donatore caratterizzata, rispetto alla cute utilizzata per i pazienti grandi ustionati, dalla capacità di essere ripopolata dalle cellule del paziente in cui viene impiantata e quindi di riprodursi e rigenerare un tessuto vitale dove prima non esisteva".

Dopo il completamento dello scrupoloso iter sperimentale e l'approvazione da parte del Comitato Etico Aziendale, la matrice dermica umana è stata utilizzata per la prima volta per la ricostruzione protesica su una paziente sottoposta a mastectomia pochi giorni fa. L'intervento ha avuto successo ed il decorso post-operatorio è stato ottimale.

Si tratta della prima applicazione clinica su persona di questo prodotto, all'avanguardia nel panorama della bio-ingegneria.

"Nell'ideare queste nuove matrici dermiche umane - prosegue il dottor Ferrando - abbiamo cercato di migliorare le performance biomeccaniche e di integrazione dei tessuti, così da eliminare alcune delle complicanze che possono derivare dall'utilizzo delle matrici dermiche di origine animale. Inoltre l'origine da donatore permette di crearle "su misura", ovvero di forma e dimensione specifiche per le singole pazienti, oltre ad un consistente risparmio sui costi d'intervento".

Una volta validato, il nuovo protocollo permetterà il suo impiego anche in altri ambiti clinici, come la ricostruzione della parete addominale dopo laparocele, la cura delle ulcere cutanee, la chirurgia ortopedica ed urologica, espandendone le potenzialità ed i benefici. 

Salute
Forever young
Forever young
Ricerche mediche avanzate hanno portato alla scoperta nel nostro corpo di cellule zombie che non si riproducono e causano il nostro invecchiamento. Grazie ai nuovi farmaci senolitici sembra che il decadimento fisico possa essere rallentato
Candida Auris, la peste del nuovo millennio
Candida Auris, la peste del nuovo millennio
Se ne parla ancora troppo poco: è un fungo nato dalla resistenza dei batteri agli antibiotici. Sembra una semplice influenza, ma è in grado di uccidere nel giro di 90 giorni. Migliaia di casi in tutto il mondo
OxyContin, l’antidolorifico che crea dipendenza
OxyContin, l’antidolorifico che crea dipendenza
Prescritto soprattutto degli Stati Uniti, è accusato di migliaia di morti: sarebbe stato diffuso dalla Purdue Pharma sapendo che crea dipendenza, effetto curabile con un altro farmaco
Quando il traffico fa ingrassare
Quando il traffico fa ingrassare
Sono numerosi i metodi per evitare di aumentare di peso, alcuni decisamente bizzarri e poco probabili benché “certificati” da ricerche universitarie. Sembra che anche scegliere dove vivere aiuta a evitare di mettere su kg in eccesso
Aducanumab, Crenezumab e Solanezumab
Aducanumab, Crenezumab e Solanezumab
Sono i nomi degli anticorpi monoclonali utilizzati - senza successo - dai ricercatori per scoprire una cura all’Alzheimer. Secondo una recente indagine, mangiare due cucchiaini di frutta secca al giorno potrebbe rallentarne l’avanzamento
Seconda condanna, la Bayer crolla in borsa
Seconda condanna, la Bayer crolla in borsa
Per la seconda volta, un tribunale si è pronunciato ritenendo l’erbicida Roundup causa del cancro che ha colpito un agricoltore californiano. In tutti gli Stati Uniti altre 11.200 denunce attendono una sentenza
Burioni al leghista Fedriga: 'Dovevi vaccinarti!'
Burioni al leghista Fedriga:
Massimiliano Fedriga, governatore del Friuli è in ospedale con la varicella. Lui è contrario alle vaccinazioni obbligatorie. Il messaggio dello scienziato agli adulti: "Non vaccinarsi è un rischio, non solo per gli altri"
La verdura bio è davvero sana?
La verdura bio è davvero sana?
Prende sempre più piede la coltivazione biologica, da molti vista come la soluzione ai problemi di inquinamento, da altri semplicemente come un metodo meno efficace che non soddisferà i bisogni di cibo della popolazione del pianeta
"Ho la leucemia, la gara più difficile"
"Ho la leucemia, la gara più difficile"
La storia della campionessa di nuoto, la 18enne Rikako Ikee, ha commosso il Giappone. "E' più dura di quanto temevo". La solidarietà e la voglia di combattere. Gare sospese
Fumo, il nuovo mal d’Africa
Fumo, il nuovo mal d’Africa
Dalla Svizzera verde all’Africa nera, miliardi di sigarette dall’elevato contenuto di nicotina, catrame e monossido di carbonio. Secondo i produttori piacciono così, ma il dubbio è che ci sia l’intenzione di aumentare l’assuefazione