"Cercasi bimbo/a con orecchioni per ricerca"

| Medico No Vax censurato con durezza dal mondo scientifico e dalla ministra Grillo: "In Italia non ci sono spazi per stregoni che vogliono spaventare le famiglie". Il medico Fabio Franchi aveva lanciato un appello sui social

+ Miei preferiti
Il Movimento 5S ancor prima delle lezioni del 4 marzo 2018, aveva in qualche modo aperto una porta alle istanze dei No Vax. Ora, gli apprendisti stregoni si sono finalmente resi conto di aver commesso un tragico errore e corrono al riparo, anche se i danni provocati alla salute di tanti innocenti, bambini compresi, sono già gravi. Adesso il ministro Grillo (non Beppe) intervenie duramente sul caso di un noto medico No Vax che prima annuncia su Facebook il via ad un 'esperimento' per cui cerca un bimbo con la parotite in corso, cioè i popolari orecchioni, poi lo elimina e minimizza, ma senza rivelare i dettagli su quali fossero le sue intenzioni. Tra il post del medico no vax Fabio Franchi e la ritrattazione, medici, ricercatori, parlamentari e la stessa ministra Grillo insorgono. Il testo del messaggio diffuso sul social è chiaro. "Sto cercando un bambino/a - rigorosamente volontario/a - che abbia la parotite IN ATTO e sia residente nelle Marche (o zone limitrofe). Si tratta - scrive il medico triestino, autore fra gli altri di un libro negazionista sull'Hiv - di un esperimento che rispetta la convenzione di Oviedo e non infrange le regole del Codice di Norimberga".
La notizia ha ovviamente impiegato poco a fare il giro del web. Tra i primi a commentare il post, il medico ed esperto di debunking Salvo Di Grazia e il virologo Roberto Burioni, che su Twitter che hanno scritto "Bisognerebbe fare qualcosa". L'immunologo italiano Guido Silvestri della Emory University di Atlanta, promotore insieme a Burioni del 'Patto per la Scienza'. "Non è il momento di dire basta? - afferma Silvestri -. Ma cosa altro deve fare l'ex-medico Fabio Franchi perché intervenga una qualche Procura della Repubblica per iniziare un provvedimento penale nei suoi confronti? Questo è il signore che ha scritto un libro per 'dimostrare' che HIV e AIDS non esistono, diffondendo in Italia teorie che hanno provocato centinaia di migliaia di morti nel mondo: le stesse teorie seguite dal camionista anconetano Claudio Pinti, ora in galera per aver infettato diverse persone con HIV. Questo Franchi, non pago dei disastri fatti dalla sua teoria preferita, il negazionismo dell'AIDS, è diventato uno degli interpreti di punta del mondo no-vax, e di recente ha addirittura mandato una 'diffida legale' a medici come Burioni, Lopalco, Ricciardi e Villani perché (secondo lui) diffondono una pseudo-scienza sui vaccini. Robe dell'altro mondo".
Sulla spinta dell'ondata di indignazione, arriva poi la marcia indietro del medico, in pensione dal 2011 dopo aver prestato servizio agli Ospedali Riuniti di Trieste. "Ho sospeso la ricerca, non mi aspettavo questa reazione - spiega Franchi all'Ansa - non è un esperimento, è una cosa molto più banale: fra qualche giorno, quando potrò, darò tutti i dettagli. Non si tratta né di esperimenti né di terapie, rispetto la legge e il codice deontologico, e quindi non c'è niente di cui aver paura o da nascondere. Ma i dettagli li saprete fra qualche giorno. Sto facendo una ricerca estesa, perché su questa malattia manca la documentazione, non si sa niente dell'epidemiologia".
La ministra Grillo replica con una nota. "Voglio rassicurare tutti i genitori e i cittadini sul fatto che in questo Paese non è assolutamente consentito effettuare ricerche o esperimenti scientifici al di fuori delle regole stabilite dalle leggi. Ho già dato mandato ai miei uffici per le verifiche del caso e sollecito inoltre la Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo) ad attivarsi per i necessari approfondimenti sull'autore del post. Nessuno in Italia può pensare di fare lo stregone giocando con le vite dei pazienti e speculando sulle paure o i dubbi dei cittadini".
 
Salute
Due colossi farmaceutici alle corde
Due colossi farmaceutici alle corde
La tedesca Bayern e l’americana Johnson & Johnson alle prese con cause e denunce. La prima tenta di chiudere il 95% delle pendenze con 11 miliardi dollari, la seconda condannata a sborsare 2,1 miliardi per il talco cancerogeno
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
Il Regno Unito è uno dei primi Paesi a preoccuparsi degli effetti collaterali del coronavirus: le migliaia di malati di cancro rimasti senza cure e trattamenti
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
Il numero di casi di coronavirus in tutto il mondo supera i 90.000, e anche se al momento non si parla ancora di pandemia, l’unica strada possibile per adesso è il contenimento
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia