Chirurgia 3d, la salvezza dall'endoscopio

| La prima volta in Otorino-Molinette: asportato un rarissimo angiofibroma rinofaringeo che aveva colpito un bimbo di 11 anni dal naso al cervello

+ Miei preferiti
Intervento da record nel reparto di Otorino-Laringoiatria delle Molinette. E' stato asportato in modo non invasivo con un endoscopio 3D, passando attraverso una narice, un rarissimo angiofibroma rinofaringeo che colpiva un bimbo di 11 anni dal naso al cervello. Un intervento innovativo e rivoluzionario.  

L'angiofibroma rinofaringeo (AR) è una rara neoplasia che colpisce quasi esclusivamente bambini e ragazzi di età compresa tra i 7 ed i 21 anni, un tumore molto delicato che  può creare  emorragie anche durante l'intervento di asportazione. Anche se classificata come lesione benigna, l'angiofibroma ha un comportamento invasivo che può anche arrivare alla morte del paziente. Si sviluppa solitamente a livello della fossa nasale e da qui espandersi verso occhi e cervello.
La classificazione della patologia si basa sulle dimensioni: il 
caso che si è presentato al reparto di Otorinolaringoiatria pediatrica (diretta dal dottor Paolo Tavormina) della Città della Salute di Torino è quello di un bambino di 11 anni, affetto da un angiofibroma giovanile in uno stadio estremamente avanzato, che dal naso si estendeva fino all'interno del cervello (stadio IV), con una completa erosione dell'osso che separa il naso dalla base del cranio. 

Il bambino, dopo le procedure necessarie per ridurre al massimo il sanguinamento - effettuata dal Neuroradiologo professor Mauro Bergui - è stato operato da un'equipe combinata di Otorinolaringoiatria universitaria (diretta dal professor Roberto Albera) e di Neurochirurgia universitaria (diretta dal professor Alessandro Ducati). 

Con l'ausilio di un'avanzata strumentazione endoscopia 3D HD e di neuronavigazione TC-RMN guidata, l'équipe multidisciplinare formata dal professor Giancarlo Pecorari e dottoressa Claudia Bartoli (otorinolaringoiatri), dai neurochirurghi dottor Francesco Zenga, dal dottor Paolo Pacca e dall'anestesista dottor Sante Atlante, ha portato a termine con successo l'intervento. Si parla di successo poiché le dimensioni del tumore sono considerate una difficile sfida chirurgica con il solo approccio endoscopico: eppure, per la prima volta, una patologia così complicata è stata affrontata esclusivamente per via endoscopica tridimensionale che ha permesso una più elevata accuratezza e precisione dell'intervento. 

Un'operazione lunga (circa 7 ore), realizzata esclusivamente per via transnasale, con una perdita di sangue molto contenuta. L'asportazione del male è stata completa, non solo nell'enorme porzione del naso ma anche nell'estensione intracranica, dove aveva ormai raggiunto un diametro di circa di 7 cm dal naso al cervello. Il bambino non dovrebbe avere nessun danno estetico, funzionale o neurologico. In più, il decorso post-operatorio è stato rapido: dopo circa 20 giorni il bimbo è stato dimesso e restituito alla sua vita. 

Salute
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Lo scoppio di una malattia simil-influenzale potrebbe uccidere 80 milioni di persone in tutto il mondo in meno di due giorni. Lo dice un report di esperti che lancia l’allarme: il dovrebbe prepararsi
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Dopo 146mila casi e 622 morti accertate da gennaio a oggi, le autorità hanno proclamato l’allarme nazionale: colpite sette delle 17 regioni del paese asiatico
Trump e la strage delle puerpere
Trump e la strage delle puerpere
Nonostante le conoscenze e le tecnologie siano sempre più evolute, ancora oggi nel mondo si muore di parto. Nei Paesi in via di sviluppo è fondamentale il contributo del mondo occidentale messo in forse da politiche nazionaliste
In America è ormai sindrome da svapo
In America è ormai sindrome da svapo
Tre morti e oltre 200 persone ricoverate con problemi respiratori: finiscono sotto accusa le ricariche acquistate in canali non ufficiali e i mix artigianali con la cannabis
Mangia patatine per anni e perde la vista
Mangia patatine per anni e perde la vista
Un adolescente inglese che riusciva a mangiare soltanto patatine ha perso la vista per una grave mancanza di vitamine e minerali che ha compromesso i nervi ottici
Morbillo, ragazza contagia anche Disneyland
Morbillo, ragazza contagia anche Disneyland
Allarme sanitario: a rischio chi è entrato in contatto con l'adolescente neozelandese che ha visitato le mete più popolari della California, Universal Studios compresi. La pubblicità dei NO VAX ha causato una grave epidemia di morbillo