Chirurgia 3d, la salvezza dall'endoscopio

| La prima volta in Otorino-Molinette: asportato un rarissimo angiofibroma rinofaringeo che aveva colpito un bimbo di 11 anni dal naso al cervello

+ Miei preferiti
Intervento da record nel reparto di Otorino-Laringoiatria delle Molinette. E' stato asportato in modo non invasivo con un endoscopio 3D, passando attraverso una narice, un rarissimo angiofibroma rinofaringeo che colpiva un bimbo di 11 anni dal naso al cervello. Un intervento innovativo e rivoluzionario.  

L'angiofibroma rinofaringeo (AR) è una rara neoplasia che colpisce quasi esclusivamente bambini e ragazzi di età compresa tra i 7 ed i 21 anni, un tumore molto delicato che  può creare  emorragie anche durante l'intervento di asportazione. Anche se classificata come lesione benigna, l'angiofibroma ha un comportamento invasivo che può anche arrivare alla morte del paziente. Si sviluppa solitamente a livello della fossa nasale e da qui espandersi verso occhi e cervello.
La classificazione della patologia si basa sulle dimensioni: il 
caso che si è presentato al reparto di Otorinolaringoiatria pediatrica (diretta dal dottor Paolo Tavormina) della Città della Salute di Torino è quello di un bambino di 11 anni, affetto da un angiofibroma giovanile in uno stadio estremamente avanzato, che dal naso si estendeva fino all'interno del cervello (stadio IV), con una completa erosione dell'osso che separa il naso dalla base del cranio. 

Il bambino, dopo le procedure necessarie per ridurre al massimo il sanguinamento - effettuata dal Neuroradiologo professor Mauro Bergui - è stato operato da un'equipe combinata di Otorinolaringoiatria universitaria (diretta dal professor Roberto Albera) e di Neurochirurgia universitaria (diretta dal professor Alessandro Ducati). 

Con l'ausilio di un'avanzata strumentazione endoscopia 3D HD e di neuronavigazione TC-RMN guidata, l'équipe multidisciplinare formata dal professor Giancarlo Pecorari e dottoressa Claudia Bartoli (otorinolaringoiatri), dai neurochirurghi dottor Francesco Zenga, dal dottor Paolo Pacca e dall'anestesista dottor Sante Atlante, ha portato a termine con successo l'intervento. Si parla di successo poiché le dimensioni del tumore sono considerate una difficile sfida chirurgica con il solo approccio endoscopico: eppure, per la prima volta, una patologia così complicata è stata affrontata esclusivamente per via endoscopica tridimensionale che ha permesso una più elevata accuratezza e precisione dell'intervento. 

Un'operazione lunga (circa 7 ore), realizzata esclusivamente per via transnasale, con una perdita di sangue molto contenuta. L'asportazione del male è stata completa, non solo nell'enorme porzione del naso ma anche nell'estensione intracranica, dove aveva ormai raggiunto un diametro di circa di 7 cm dal naso al cervello. Il bambino non dovrebbe avere nessun danno estetico, funzionale o neurologico. In più, il decorso post-operatorio è stato rapido: dopo circa 20 giorni il bimbo è stato dimesso e restituito alla sua vita. 

Salute
'Elephant Man' torna a sorridere
Il WP racconta la storia commovente di un 27enne paraguaiano affetto da neurofibromatosi. medici californiani hanno deciso di operarlo gratuitamente per restituirlo a una "vita normale"
Micro-frammenti di pneumatici, danni alla salute
Micro-frammenti di pneumatici, danni alla salute
Non solo micro-polveri ma anche le sostanze prodotte da usura freni, le plastiche dei pneumatici possono causare gravi danni alla salute, secondo uno studio KCL di Londra. Ogni anno 9mila morti nella capitale Uk per aria inquinata
Non ha soldi, 'prigioniera' in ospedale
Non ha soldi,
Una 18enne in vacanza negli Usa (senza assicurazione) cade dallo scooter e si ferisce. Trasportata all'UCLA di Los Angeles è stata operata in terapia intensiva. Costo finale 150 mila dollari. Raccolta su GoFundMe per liberarla
Medico uccide 25 pazienti con il Fentanil
Medico uccide 25 pazienti con il Fentanil
Omicidi di massa in un ospedale dell'Ohio. Lui si difende: "Volevo solo lenire le loro sofferenze". Ma alcuni pazienti non erano malati terminali. Scoperto da un farmacista per le sue continue richieste di anti-dolorifici. Piaga oppioidi
Il laser che polverizza i tumori
Il laser che polverizza i tumori
Il macchinario è al momento in fase di studio all’interno di un centro di ricerca nei dintorni di Praga, ed è frutto delle ricerche di tre giovani scienziati italiani. Nel giro di cinque anni potrebbe essere pronto il primo prototipo
Effetto No Vax, morbillo boom
Effetto No Vax, morbillo boom
Record ad aprile con 299 casi in 4 mesi. Già 864 segnalazioni in 19 regioni. Prima vittima. Più alta l'età media dei contagiati. Rischio di superare quota 3000 nel 2019, in forte aumento rispetto al 2018
Siringhe infette, epidemia di Aids
Siringhe infette, epidemia di Aids
Su 1500 abitanti di Allah Dino Seelro, Pakistan, la metà è positiva all'Hiv, compresi decine di bambini. Sotto accusa gli aghi delle siringhe usati. Allarme delle autorità sanitarie. Arrestato pediatra, responsabile di 90 contagi
Epidemia oppioidi, Bigpharma sotto accusa
Epidemia oppioidi, Bigpharma sotto accusa
Grandi case farmaceutiche in Usa sotto accusa per l'epidemia di oppioidi utilizzati negli anti-dolorifici più diffusi. Risarcimenti miliardarie e proteste. Manca informazione corretta su rischi dipendenza
Malata ai polmoni, scala l'Aconcagua
Malata ai polmoni, scala l
Isabella, 55 anni, 5 figli, sulla più alta, quasi 7 mila metri, vetta delle Ande argentine. Ha tumore in fase avanzata, in piena terapia. Una sfida impossibile, con la figlia. La storia sul NYT
Strumenti infetti, centinaia a rischio HIV
Strumenti infetti, centinaia a rischio HIV
Le autorità sanitarie inglesi inviano lettere a 563 pazienti di uno studio dentistico che non sterilizzava in modo corretto gli strumenti per invitarli a sottoporsi al test HIV. Destinatari tra rabbia e paura