Da 23 anni al fast-food

| Non è una condanna, ma la storia di una coppia di anziani inglesi che da oltre due decenni non ha mai perso la sosta quotidiana nel loro McDonald’s preferito

+ Miei preferiti
A volte ci sono storie capaci di mettere in discussione le più affermate teorie: se è vero che il cibo dei fast-food non è dei più sani, come ripetono i nutrizionisti da decenni, allora è difficile spiegarsi la curiosa vicenda di Tom e Pauline Jones.

Inglesi di Bath, 83 anni lui, 82 lui, la città termale della contea del Somerset e patria di alcune specialità gastronomiche amate in tutto il Regno Unito, come le tortine da tè “Sally Lunn bun”, i dolci “Bath bun” e i biscotti “Bath Oliver”. Tentatzioni che non interessano Tom e Pauline, che ogni giorno, da 23 anni a questa parte, mangiano al McDonald’s di Southgate Street, il loro preferito.

Prima di arrivare si fanno a piedi circa 4 km, attraversano il centro della loro cittadina, guardano i negozi con calma, poi si siedono ai tavoli dopo aver ordinato: rigorosamente Big Mac per lui, per lei invece un menù che cambia quasi ogni giorno. Sempre così, da 23 anni a questa parte.

“Veniamo qui sette giorni alla settimana, tutti i giorni: e tranne quando siamo stati in vacanza, non abbiamo perso un solo giorno. Ci piace la cordialità del personale, sempre disponibile, e perfino l’arredamento. Le sciocchezze che si dicono sul cibo dei fast-food, che fa ingrassare a fa male, sono tutte sciocchezze: noi due siamo in perfetta forma fisica”.

Salute
UK, nuovi farmaci contro il cancro
UK, nuovi farmaci contro il cancro
Entro un anno i farmaci saranno disponibili nelle strutture pubbliche, sono in grado di agire con successo contro rare forme di tumore ma presto anche per i più comuni. Prezzi accessibili e verifiche avanzate
Zecche in Italia, più 400 per cento
Zecche in Italia, più 400 per cento
A causa dell'aumento delle temperature i pericolosi insetti stanno invadendo anche le aree del Nord. Nuovi test diagnostici. Trasmettono malattia molto gravi
'Elephant Man' torna a sorridere
Il WP racconta la storia commovente di un 27enne paraguaiano affetto da neurofibromatosi. medici californiani hanno deciso di operarlo gratuitamente per restituirlo a una "vita normale"
Micro-frammenti di pneumatici, danni alla salute
Micro-frammenti di pneumatici, danni alla salute
Non solo micro-polveri ma anche le sostanze prodotte da usura freni, le plastiche dei pneumatici possono causare gravi danni alla salute, secondo uno studio KCL di Londra. Ogni anno 9mila morti nella capitale Uk per aria inquinata
Non ha soldi, 'prigioniera' in ospedale
Non ha soldi,
Una 18enne in vacanza negli Usa (senza assicurazione) cade dallo scooter e si ferisce. Trasportata all'UCLA di Los Angeles è stata operata in terapia intensiva. Costo finale 150 mila dollari. Raccolta su GoFundMe per liberarla
Medico uccide 25 pazienti con il Fentanil
Medico uccide 25 pazienti con il Fentanil
Omicidi di massa in un ospedale dell'Ohio. Lui si difende: "Volevo solo lenire le loro sofferenze". Ma alcuni pazienti non erano malati terminali. Scoperto da un farmacista per le sue continue richieste di anti-dolorifici. Piaga oppioidi
Il laser che polverizza i tumori
Il laser che polverizza i tumori
Il macchinario è al momento in fase di studio all’interno di un centro di ricerca nei dintorni di Praga, ed è frutto delle ricerche di tre giovani scienziati italiani. Nel giro di cinque anni potrebbe essere pronto il primo prototipo
Effetto No Vax, morbillo boom
Effetto No Vax, morbillo boom
Record ad aprile con 299 casi in 4 mesi. Già 864 segnalazioni in 19 regioni. Prima vittima. Più alta l'età media dei contagiati. Rischio di superare quota 3000 nel 2019, in forte aumento rispetto al 2018
Siringhe infette, epidemia di Aids
Siringhe infette, epidemia di Aids
Su 1500 abitanti di Allah Dino Seelro, Pakistan, la metà è positiva all'Hiv, compresi decine di bambini. Sotto accusa gli aghi delle siringhe usati. Allarme delle autorità sanitarie. Arrestato pediatra, responsabile di 90 contagi
Epidemia oppioidi, Bigpharma sotto accusa
Epidemia oppioidi, Bigpharma sotto accusa
Grandi case farmaceutiche in Usa sotto accusa per l'epidemia di oppioidi utilizzati negli anti-dolorifici più diffusi. Risarcimenti miliardarie e proteste. Manca informazione corretta su rischi dipendenza