DILAGA EPIDEMIA EBOLA
Migliaia di casi in Congo, strage di bambini

| Oltre 1600 casi aumenta di ora in ora il numero dei contagiati mentre la guerriglia attacca i centri sanitari. Uccisi malati e un epidemiologo. L'ONU: "Intervenga la comunità internazionale". Pericolo virus in Africa e nei flussi migratori

+ Miei preferiti

MICHAEL O'BRIEN

Dilaga l’epidemia del virus Ebola nel Congo: più di 1.600 persone sono state infettate dal virus Ebola nella regione del Nord Kivu nella RDC e più di 1.000 persone sono morte finora, la grande maggioranza di donne e bambini. Ad almeno 10 mesi dall'inizio dell'epidemia, il numero di decessi è in costante aumento e il tasso di mortalità è superiore a quello dei focolai precedenti, pari a circa il 67%. Di ritorno da una visita ai suoi team nella regione, David Miliband, il capo del Uni’ i intervento sanitario ONU ha lanciato un drammatico allarme: ”La situazione è molto più pericolosa della statistica di 1.000 morti, di per sé la seconda più grande nella storia, suggerisce e la sospensione dei servizi chiave minaccia di creare un punto di inflessione letale nella traiettoria della malattia, Il pericolo è che il numero di casi sfugga al controllo, nonostante un vaccino e un trattamento comprovato”. Con il concreto pericolo che il virus possa varcare i confini del coCongo per allargarsi nell’Africa Centrale e infine, utilizzare i flussi migratori per contaminare anche l’Occidente.

Le squadre IRC avvertono che la situazione nel Nord Kivu sta rendendo impossibile combattere l’avanzare della la malattia. E intanto tre centri sanitari sono stati dati alle fiamme dai ribelli Mai-Mai a Butembo, una delle città al centro della crisi. Due pazienti sono stati uccisi durante l'assalto a un centro di cura a Katwa.

Anche il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha espresso profonda inquietudine. In marzo, aveva detto che l'epidemia di Ebola si stava contraendo e sarebbe finita in sei mesi. Ma le previsioni ottimistiche sono state subito smentite. Il direttore regionale per l'Africa, il Matshidiso Moeti, ha detto “di essere profondamente preoccupato per la situazione. I casi sono in aumento a causa di atti di violenza che ogni volta ci riportano indietro", ha detto.  A Butemb un epidemiologo dell'OMS, il dottor Richard Mouzoko, è stato ucciso da uomini armati mentre lui e i suoi colleghi stavano tentando di arginare l’epidemia di Ebola.

"Stiamo entrando in una fase in cui avremo bisogno di grandi cambiamenti nella risposta", ha detto il dottor Tedros. "L'OMS e i partner non possono affrontare queste sfide senza che la comunità internazionale intervenga per colmare il notevole deficit di finanziamento". Solo la metà dei fondi attualmente richiesti è stata ricevuta, il che potrebbe portare l'OMS e i partner a ritirare alcune attività quando sono più necessarie.

Coloro che si trovano in prima linea nel Nord Kivu temono che non si intravede una fine. Whitney Elmer, direttore nazionale del Mercy Corps, una delle ONG umanitarie che lavorano per prevenire la diffusione, ha detto che c'è stato "un drastico cambiamento nella situazione della sicurezza", che sta causando un forte aumento del numero di casi.

Nell'ultimo mese ci sono stati circa 400 casi - la cifra più alta per quel periodo di tempo dall'inizio dell'epidemia - e il numero di nuovi casi è aumentato ad un tasso molto più alto di quello visto in precedenza. ”Siamo molto preoccupati", ha detto Elmer, aggiungendo che c'era un reale potenziale di diffusione dell'epidemia nel vicino Ruanda o Uganda.

 

I

Salute
Due colossi farmaceutici alle corde
Due colossi farmaceutici alle corde
La tedesca Bayern e l’americana Johnson & Johnson alle prese con cause e denunce. La prima tenta di chiudere il 95% delle pendenze con 11 miliardi dollari, la seconda condannata a sborsare 2,1 miliardi per il talco cancerogeno
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
Il Regno Unito è uno dei primi Paesi a preoccuparsi degli effetti collaterali del coronavirus: le migliaia di malati di cancro rimasti senza cure e trattamenti
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
Il numero di casi di coronavirus in tutto il mondo supera i 90.000, e anche se al momento non si parla ancora di pandemia, l’unica strada possibile per adesso è il contenimento
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia