Due colossi farmaceutici alle corde

| La tedesca Bayern e l’americana Johnson & Johnson alle prese con cause e denunce. La prima tenta di chiudere il 95% delle pendenze con 11 miliardi dollari, la seconda condannata a sborsare 2,1 miliardi per il talco cancerogeno

+ Miei preferiti
Due colossi farmaceutici sono finiti alle corde nelle stesse ore, entrambi condannati a mettere mano alle proprie casse per risolvere pesanti questioni finite nei tribunali che si trascinano da anni.

La prima, la “Bayer AG”, multinazionale tedesca che ha inventato l’Aspirina, ha deciso di mettere la parola fine alla vicenda che ha come imputato il diserbante “Roundup”, punta di diamante della “Monsanto”, azienda rilevata dalla Bayern nel 2018. Il diserbante, assai popolare negli Stati Uniti, è finito sotto accusa per la presenza di glifosfato, una sostanza considerata cancerogena, dando il via ad una vera valanga fatta da circa 100mila azioni giudiziarie.

La Bayern ha dichiarato di essere pronta a mettere sul piatto 11 miliardi di dollari, cifra con cui spera di raggiungere un accordo per chiudere il 95% delle cause in corso, lasciando la porta aperta a chi invece si è già dichiarato contrario a qualsiasi tipo di accordo extragiudiziario. Secondo i piani dell’azienda, circa la metà della cifra – pari a cinque miliardi – sarà pagata entro la fine di quest’anno, altri cinque entro il prossimo anno e la cifra restante nel 2022. Alle vittime andranno rimborsi variabili, da 5mila a 250mila dollari, in base alle trattative. L’intesa dovrà comunque essere ratificata in sede giudiziaria.

E non se la passa molto meglio un altro colosso farmaceutico, la “Johnson & Johnson”, appena condannata da un tribunale del Missouri al pagamento di 2,1 miliardi di dollari di risarcimento per la presenza di amianto nel talco, uno dei prodotti di punta dell’azienda. Secondo i risultati dell’inchiesta, la presenza accertata di amianto avrebbe causato cancro alle ovaie a 22 donne abituali consumatrici. Nella sentenza, l’azienda avrebbe “immesso sul mercato consapevolmente prodotti pericolosi”.

Anche nel caso della J&J, si tratta di una delle migliaia di cause presentate in diversi stati americani, che hanno costretto l’azienda a eliminare il suo talco dal mercato americano e canadese.

Salute
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
Il Regno Unito è uno dei primi Paesi a preoccuparsi degli effetti collaterali del coronavirus: le migliaia di malati di cancro rimasti senza cure e trattamenti
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
Il numero di casi di coronavirus in tutto il mondo supera i 90.000, e anche se al momento non si parla ancora di pandemia, l’unica strada possibile per adesso è il contenimento
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi