E dopo i vegani ecco i 'respiriani'

| Una 25enne di Minneapolis afferma di nutrirsi "soprattutto di aria", concedendosi solo succhi di frutta e cibi liquidi. Non mangia alimenti solidi, "se non durante le feste con gli amici". Migliaia di seguaci

+ Miei preferiti
La 25enne Audra Bear di Minneapolis, Minnesota, afferma di alimentarsi coi il "respiro", il che significa che la maggior parte della sua energia sarebbe ottenuta facendo esercizi di respirazione e stando lontano da qualsiasi cibo solido, il suo digiuno più lungo è durato 97 giorni, fa esercizi di respirazione per una o tre ore al giorno e solo occasionalmente mangia cibo solido quando fuori con la sua famiglia o con gli amici per motivi celebrativi. Ma i suoi pasti di solito consistono di tè, frullati, frutta e verdura in purea e aria. 
La venticinquenne, che ha adottato la dieta "respiratoria" 8 mesi fa, a quanto pare giura su questo stile di vita, sostenendo che porta " salute e felicità". Lei chiama anche la natura e il sole come il miglior "potenziatore" naturale, dicendo che il suo ambiente è ciò che la rende la più rilassata, energetica e sana. "Non consiglierei a nessuno di digiunare senza prima aver imparato a conoscere la tecnica del respiro. Si può mangiare se si sceglie di, per l'intrattenimento o ambienti sociali, sapere che la vostra energia è ricavata dalla forza vitale che vi circonda. La maggior parte dei giorni bevo solo tè, succhi di frutta, succhi verdi e acqua fresca di cocco...". Audra ha accettato di farsi esaminare e seguire da un team di medici in modo da verificare le conseguenze della sua tecnica che rischia di coinvolgere altri seguaci che la seguono in migliaia sui social. 
Salute
Due colossi farmaceutici alle corde
Due colossi farmaceutici alle corde
La tedesca Bayern e l’americana Johnson & Johnson alle prese con cause e denunce. La prima tenta di chiudere il 95% delle pendenze con 11 miliardi dollari, la seconda condannata a sborsare 2,1 miliardi per il talco cancerogeno
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
Il Regno Unito è uno dei primi Paesi a preoccuparsi degli effetti collaterali del coronavirus: le migliaia di malati di cancro rimasti senza cure e trattamenti
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
Il numero di casi di coronavirus in tutto il mondo supera i 90.000, e anche se al momento non si parla ancora di pandemia, l’unica strada possibile per adesso è il contenimento
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia