Epidemia oppioidi, Bigpharma sotto accusa

| Grandi case farmaceutiche in Usa sotto accusa per l'epidemia di oppioidi utilizzati negli anti-dolorifici più diffusi. Risarcimenti miliardarie e proteste. Manca informazione corretta su rischi dipendenza

+ Miei preferiti

La Johnson & Johnson, una delle più grandi aziende farmaceutiche al mondo, è sotto accusa - con altre aziende farmaceutiche - in una causa da molti miliardi di dollari nello stato americano dell'Oklahoma. L'azienda - riportano i media americani - è finita nel mirino del procuratore generale dello stato, Mike Hunter poiché non avrebbe dato informazioni sufficienti ai consumatori sui rischi di dipendenza dagli antidolorifici. È la prima di almeno 2.000 cause intentate da governi statali e locali contro aziende farmaceutiche negli Stati Uniti. Altre due aziende che avrebbero dovuto essere processate assieme alla Johnson & Johnson hanno preferito raggiungere un accordo stragiudiziale.

Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitensi, in media ogni giorno almeno 130 americani muoiono per overdose di oppioidi come la morfina o simili. Nel 2017, il 68% delle 70.200 persone decedute per questo motivo, aveva una prescrizione o utilizzava un oppiaceo illegale.

Johnson & Johnson, dal canto suo, ha però rigettato ogni accusa e ribadito che “commercializza i propri prodotti in modo responsabile”. 

Tempo fa fotografa americana Nan Goldin protestò al Guggenheim Museum di New York poiché la fondazione aveva accettato il finanziamento famiglia Sackler proprietaria dell’azienda farmaceutica che produce l’Oxycontin, un antidolorifico che secondo i contestatori sarebbe all’origine della diffusione degli oppiodi non solo negli Usa. Le overdose di droga ora uccidono più di 72.000 persone all'anno negli Stati Uniti - circa 200 persone al giorno - secondo i dati governativi dei Centers for Disease Control. La maggior parte di questi decessi - 49.000 - sono causati da oppioidi, inclusi antidolorifici prescritti come OxyContin che contengono l'ossicodone narcotico, o eroina e fentanil, che si comportano tutti come oppio o morfina ma sono molto più potenti e micidiali. C’è stata un'ondata di cause legali che asseriscono l'inganno sulla sicurezza di OxyContin, che l'azienda aveva ammesso di averlo definito in modo non corretto il marchio in un procedimento penale del 2007.

Salute
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Lo scoppio di una malattia simil-influenzale potrebbe uccidere 80 milioni di persone in tutto il mondo in meno di due giorni. Lo dice un report di esperti che lancia l’allarme: il dovrebbe prepararsi
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Dopo 146mila casi e 622 morti accertate da gennaio a oggi, le autorità hanno proclamato l’allarme nazionale: colpite sette delle 17 regioni del paese asiatico