Filippine: allarme per la febbre dengue

| Oltre 100mila casi accertati e quasi 500 decessi hanno fatto scattare l’allarme lanciato dalle autorità sanitarie. Secondo l’OMS, la zanzara Aedes potrebbe spostarsi e colpire diverse altre zone del mondo

+ Miei preferiti
Le autorità sanitare delle Filippine hanno dichiarato lo stato di allerta nazionale per un focolaio di febbre dengue, malattia virale infettiva tropicale trasmessa dalle zanzare “Aedes”. Dall’inizio dell’anno si registrano 106.630 casi, con 456 decessi, per la maggior parte bambini di meno di cinque anni: l’85% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

I focolai delle epidemie sono stati individuati in quattro regioni (Mimaropa, Western Visayas, Central Visayas e Northern Mindanao) che ospitano più di 20 milioni di persone, ovvero il 20% della popolazione filippina. I funzionari sanitari stanno anche monitorando la situazione in altre nove regioni, tra cui Davao, la provincia di origine del presidente Roderigo Duterte, dove la dengue al momento è contenuta.

I sintomi della dengue ricordano quelli dell’influenza, con febbre, cefalea, dolori muscolari e articolari, oltre a sfoghi cutanei che ricordano quelli del morbillo. In genere soltanto una piccola percentuale dei casi sviluppa una febbre emorragica che può essere letale. Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dei diversi milioni di persone infettate ogni anno in tutto il mondo, circa 500mila sviluppano sintomi gravi che richiedono un ricovero ospedaliero, e di queste circa 13mila muoiono.

Relativamente comune nei pasi a clima tropicale e sub-tropicale, come le Filippine, l’India e il Brasile, un recente studio ha svelato che l’aumento delle temperature globali causate dalla crisi climatica potrebbe vedere le zanzare della dengue - insieme ad altre malattie come la chikungunya, la febbre gialla e la Zika - spostarsi verso nord, colpendo gli Stati Uniti meridionali, l’Australia e le zone costiere della Cina e del Giappone.

L’aumento esponenziale di casi di dengue si aggiunge ad un focolaio di morbillo a livello nazionale, che secondo le autorità filippine quest’anno mette a rischio 2,6 milioni di bambini.

I modi più efficaci per prevenire la dengue includono la ricerca e la distruzione dei luoghi di riproduzione delle zanzare, l’uso di repellenti per le zanzare e l’individuazione precoce dei primi segni della malattia.

Salute
Due colossi farmaceutici alle corde
Due colossi farmaceutici alle corde
La tedesca Bayern e l’americana Johnson & Johnson alle prese con cause e denunce. La prima tenta di chiudere il 95% delle pendenze con 11 miliardi dollari, la seconda condannata a sborsare 2,1 miliardi per il talco cancerogeno
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
Il Regno Unito è uno dei primi Paesi a preoccuparsi degli effetti collaterali del coronavirus: le migliaia di malati di cancro rimasti senza cure e trattamenti
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
Il numero di casi di coronavirus in tutto il mondo supera i 90.000, e anche se al momento non si parla ancora di pandemia, l’unica strada possibile per adesso è il contenimento
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia