Forever young

| Ricerche mediche avanzate hanno portato alla scoperta nel nostro corpo di cellule zombie che non si riproducono e causano il nostro invecchiamento. Grazie ai nuovi farmaci senolitici sembra che il decadimento fisico possa essere rallentato

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Fosse un lavoratore dipendente italiano, Marian Gold sarebbe piuttosto alterato: a maggio compirà 65 anni ma per la pensione dovrebbe ancora attendere qualche anno. Invece Gold è un cantante tedesco che tuttora saltella sui palcoscenici – interpretando brani synth-pop insieme con la sua band – con un’invidiabile vitalità. Vigore che non gli è mai mancato, visto che afferma di aver avuto tra il 1998 e il 2013 sette figli da quattro donne diverse.

All’apice del successo negli anni Ottanta, Gold riscosse una grande notorietà insieme con il suo gruppo Alphaville, principalmente grazie a una canzone dal titolo “Forever Young” che affermava: “voglio essere giovane per sempre, vuoi davvero vivere per sempre? Per sempre e per sempre…”

Per Jan Van Deursen il problema della pensione non esiste proprio. Olandese non ancora sessantenne, vive da quasi vent’anni negli Stati Uniti dove lavora alla “Mayo Clinic” di Rochester, in Minnesota. Nel 2000 fu molto colpito dal fatto che un esperimento da lui condotto su alcuni topi, invece di generare tumori come previsto, li aveva trasformati: il loro aspetto era diventato decrepito e a soli tre mesi di vita la loro pelliccia si era diradata e gli occhi appannati dalla cataratta. Van Deursen e il suo team si resero conto che i topi stavano invecchiando rapidamente in quanto i loro corpi erano stati attaccati da uno strano tipo di cellule che non si dividevano e non morivano. Come uccidere queste cellule “zombie” e ritardare il precoce invecchiamento dei topi? I ricercatori della Mayo Clinic nel 2011 scoprirono che eliminando le cellule che sarebbero diventate “zombie” il corpo invecchiava molto più lentamente e negli anni successivi numerosi esperimenti hanno confermato che le cellule “senescenti” si accumulano durante l’invecchiamento degli organi e che la loro eliminazione può alleviare, o addirittura prevenire, certe malattie. La ripulitura cellulare nei topi ha consentito di ripristinare forma fisica, densità della pelliccia e funzione renale, ha anche ridotto malattie polmonari e riparato la cartilagine danneggiata. E non solo: uno studio del 2016 ha messo in evidenza che senza cellule zombie la durata della vita dei topi avrebbe potuto essere prolungata.

Per sterminare queste cellule sono nati i “senolitici”, una nuova categoria di farmaci che dovrebbero servire a contrastare e a far regredire il processo d’invecchiamento su basi finalmente scientifiche e non con semplici consigli del genere “più attività fisica” o “una mela al giorno”.

Attualmente ciascun senolitico riesce ad attaccare solamente un tipo di cellula senescente e quindi sono necessari numerosi tipi di farmaco per affrontare le diverse malattie legate all’invecchiamento.  Un problema in più da affrontare, in quanto ogni cellula potrebbe avere un modo diverso di proteggersi, quindi è necessario sperimentare diverse combinazioni farmaceutiche per eliminarle tutte. Il meccanismo attuato dalle cellule zombie sembra essere presente in molte malattie della vecchiaia, dall’Alzheimer al Parkinson, dalle artriti alle difficoltà cardiache e respiratorie.

Ma il vero problema che devono affrontare i ricercatori medici non è questo. Come spiega James Kirkland, responsabile delle ricerche sull’invecchiamento alla Mayo Clinic, la gente non vuole vivere fino a 130 anni sentendosi vecchio e non potendo più comportarsi come ha sempre fatto. Invece, vorrebbe vivere fino a 100 anni bloccando l’invecchiamento intorno ai 60. Certo, non è come essere Dorian Gray che lasciava invecchiare il ritratto al posto suo, ma è pur sempre qualcosa.

Sembrerebbe che in laboratorio con i topi il risultato di rallentare l’invecchiamento sia già stato raggiunto e quindi la possibilità di restare per sempre giovani cantata dagli Alphaville è più vicina di un tempo.

Tuttavia, come al solito, mentre la medicina e la ricerca corrono veloci verso il futuro, lo stesso ritmo non viene tenuto da chi deve emanare nuove leggi e gestire il cambiamento. In Italia, nel 1960 l’aspettativa di vita media (uomini e donne insieme) era di 69 anni mentre oggi è vicina agli 83. Questa maggior durata della vita ha avuto pesanti ripercussioni sociali: una volta non tutti riuscivano a conoscere i propri nonni, oggi – nonostante le nascite avvengano a età sempre più avanzata – sono molto meno quelli che non hanno la possibilità di incontrarli. Inoltre, mentre 50 anni fa un sessantenne aveva di fatto già un piede nella fossa, oggi gli ottantenni si vedono rinnovare abbastanza facilmente la patente e conducono una vita autonoma senza eccessivi problemi.

È invece il sistema pensionistico, che ha fatto ben pochi passi in avanti, arrivando al collasso. Se già oggi il rapido prolungamento della vita sta creando problemi gravi all’ingresso nel mondo del lavoro delle nuove generazioni, è facile immaginare quanti ne creerà – nel breve volgere di pochi anni – una folta schiera di novantenni arzilli come gente di 60 che non ne vorrà sapere di smettere di lavorare, di gestire il potere e occupare posizioni di prestigio.

Senza neppure dover andare troppo indietro nel tempo, le soluzioni a questo genere di problemi c’erano: da un lato le epidemie che sterminavano la popolazione e permettevano così un rapido ritorno alla crescita una volta terminato il contagio. Dall’altro la litigiosità dell’homo sapiens sempre pronto a dichiarare guerra ai propri simili consentendo così al genere umano di ripartire con più opportunità per i sopravvissuti.

Ma forse non arriveremo a tanto, basterà non rendersi conto che dobbiamo difenderci dai cambiamenti climatici in atto sul nostro pianeta e che ci stermineranno per dire addio a ogni aspettativa di vita. A quel punto canteremo tutti insieme “Who wants to live forever?” dei Queen.

Salute
Filippine: allarme per la febbre dengue
Filippine: allarme per la febbre dengue
Oltre 100mila casi accertati e quasi 500 decessi hanno fatto scattare l’allarme lanciato dalle autorità sanitarie. Secondo l’OMS, la zanzara Aedes potrebbe spostarsi e colpire diverse altre zone del mondo
Gli operatori telefonici non sempre capiscono quanto il malato è grave: catena di morti in UK
Gli operatori telefonici non sempre capiscono quanto il malato è grave: catena di morti in UK
Bagni in mare, muore divorato da batterio carnivoro
Bagni in mare, muore divorato da batterio carnivoro
Smog, i veleni nei cuori dei bambini
Smog, i veleni nei cuori dei bambini
Una ricerca della Lancaster University lancia un allarme globale: miliardi di particelle inquinanti nel cuore e nel cervello anche dei giovanissimi. Potranno causare malattie cardiopatiche e altre patologie
Il caso Esketamina, droga o antidepressivo?
Il caso Esketamina, droga o antidepressivo?
L’approvazione in tempi record di un nuovo farmaco antidepressivo sotto forma di spray nasale ha acceso la curiosità dei media, che hanno scoperto il nome del principale sponsor: Donald Trump
La 'morte silente' uccide un altro atleta
La
La morte del 27enne giocatore di baseball Tyler Skaggs, trovato morto in un hotel dopo una partita, ricorda la tragica fine del capitano della Fiorentina Dario Astori. Inchiesta esclude suicidio. In lutto il mondo dello Sport USA
"Neo-laureati in Pronto Soccorso? Una follia"
"Neo-laureati in Pronto Soccorso? Una follia"
La denuncia del sindacato Anaao-Assomed: "In pericolo la salute dei pazienti". Arrivano sostituti pagati a gettone che non sanno nemmeno parlare in italiano. Tra scandali e indifferenza
E dopo i vegani ecco i 'respiriani'
E dopo i vegani ecco i
Una 25enne di Minneapolis afferma di nutrirsi "soprattutto di aria", concedendosi solo succhi di frutta e cibi liquidi. Non mangia alimenti solidi, "se non durante le feste con gli amici". Migliaia di seguaci
UK: allarme epidemia
UK: allarme epidemia
Dodici persone sono morte e altre 32 infettate dall’iGAS, un violento streptococco che si trasmette anche solo con il contatto casuale. La cura antibiotica efficace se assunta ai primi sintomi: l’allarme lanciato dalle autorità dell’Essex
San Francisco, bannate le e-cigarette
San Francisco, bannate le e-cigarette
Le autorità sanitarie: "Danneggiano il cervello dei giovani abituandoli all'assuefazione". Decine i negozi dell'area a rischio chiusura. Attesa per la decisione FDA