GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino

| Il Regno Unito è uno dei primi Paesi a preoccuparsi degli effetti collaterali del coronavirus: le migliaia di malati di cancro rimasti senza cure e trattamenti

+ Miei preferiti
Il coronavirus continuerà ad uccidere anche quando sarà stato vinto e debellato. Il prossimo anno, secondo le previsione dell’NHS, il servizio sanitario nazionale inglese, circa 18mila persone in più della media potrebbero morire di cancro, mentre i medici tenteranno l’impossibile per recuperare il tempo in cui tutte le loro energie si sono concentrate sulla lotta al Covid-19.

Gli esperti hanno avvertito che i decessi indiretti della pandemia - dovuti a cancro, infarto, salute mentale e altro ancora - supereranno quelli del virus stesso, che finora ha ucciso 21.000 persone nel solo Regno Unito. A questi andranno aggiunti almeno 6.270 morti in più, che insieme alle persone che attualmente convivono con la malattia conclamata, la cifra sale a 17.915.

Il Royal College of Surgeons ha lanciato l’allarme: il NHS dovrà affrontare un arretrato di 2 milioni di operazioni non correlate al coronavirus, una mole di lavoro che richiederà “molti anni” per essere smaltito. Il dottor Derek Alderson ne è convinto: “Penso che servirà molto tempo per rimetterci in pari. Abbiamo bisogno di più sale operatorie e più posti letto, dobbiamo mantenere il settore indipendente”. Il segretario alla Sanità Matt Hancock ha assicurato che i cicli di cure riprenderanno a brevissimo, poiché i ricoveri da Covid-19 hanno raggiunto il picco ed è iniziata la discesa.

Lo studio dell’University College di Londra è uno dei primi a indagare sulla minaccia di morte indiretta causata dalla pandemia, e anche se il governo aggiorna di continuo quante persone sono morte a causa del virus, non è chiaro quanti muoiano indirettamente.

La maggior parte dei pazienti affetti da cancro al momento non ha accesso ai servizi sanitari, il che ritarda le cure: i trattamenti di chemioterapia sono diminuiti del 60% e le visite sono calate del 76%.

I dati sono stati presi da otto ospedali in Inghilterra gestiti da tre trust – “Leeds Teaching Hospitals NHS Trust”, il “Royal Free” di Londra e la “University College London Hospitals” - più i cinque trust sanitari dell’Irlanda del Nord.

Prima della pandemia, ogni anno in Inghilterra si assisteva a circa 89.576 decessi per cancro su oltre 3,5 milioni di pazienti.  Dei decessi, 31.354 erano in pazienti affetti da tumori fulminanti, di recente diagnosi. 

Secondo il parere del professor Harry Hemingway, direttore dell’UCL Institute of Health Informatics: “L’impatto complessivo dell’emergenza Covid-19 sui decessi dei pazienti affetti da cancro potrebbe essere sostanziale. Ci sono molti fattori che operano in questo campo, tra cui i rapidi cambiamenti nei protocolli di diagnosi e trattamento, le misure di allontanamento sociale, i cambiamenti nel comportamento delle persone nella ricerca di cure mediche e l’impatto economico indotto dalla pandemia”.

I ricercatori hanno anche fornito cifre scioccanti per gli Stati Uniti, con una stima per il prossimo anno di 33.890 decessi in più di pazienti con cancro diagnosticato di recente. “Siamo convinti che i paesi debbano capire rapidamente come l’emergenza stia influenzando gli esiti della ricerca e le cure sul cancro, altrimenti rischiamo di dover aggiornare in modo allarmante le statistiche dei morti”.

La ricerca ha anche svelato che quasi otto decessi extra virus su dieci che si sono verificati tra i pazienti affetti da cancro erano persone che soffrivano di malattie cardiache, pressione alta, obesità e diabete.  “Nei prossimi anni, il numero di decessi dovuti all’interruzione di cure per il cancro sarà probabilmente superiore al numero di morti per coronavirus - ha commentato Richard Sullivan, professore al King’s College di Londra – l’interruzione e il ritardo delle cure saranno causa di notevoli sofferenze: i servizi di screening tumorale si sono fermati, il che significa che perderemo l’occasione di prendere per tempo molti tumori curabili. E quando riavvieremo la normale erogazione dei servizi dopo la revoca del blocco, l’arretrato di casi sarà una sfida enorme per i sistemi sanitari di tutto il mondo”.

Salute
Due colossi farmaceutici alle corde
Due colossi farmaceutici alle corde
La tedesca Bayern e l’americana Johnson & Johnson alle prese con cause e denunce. La prima tenta di chiudere il 95% delle pendenze con 11 miliardi dollari, la seconda condannata a sborsare 2,1 miliardi per il talco cancerogeno
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
Il numero di casi di coronavirus in tutto il mondo supera i 90.000, e anche se al momento non si parla ancora di pandemia, l’unica strada possibile per adesso è il contenimento
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi