Gli esperti: il mondo rischia una pandemia

| Lo scoppio di una malattia simil-influenzale potrebbe uccidere 80 milioni di persone in tutto il mondo in meno di due giorni. Lo dice un report di esperti che lancia l’allarme: il dovrebbe prepararsi

+ Miei preferiti
Il focolaio di una malattia simil-influenzale potrebbe uccidere 80 milioni di persone in tutto il mondo in meno di due giorni: è l’inquietante allarme lanciato dal team di esperti del “Global Preparedness Monitoring Board”, guidati da Gro Harlem Brundtland, ex primo ministro norvegese ed ex direttore generale dell’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, e da Alhadj As Sy, segretario generale della Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, che svela quanto il pianeta sia potenzialmente impreparato di fronte alla “minaccia reale” di una pandemia.

Il durissimo rapporto “A World at Risk”, un mondo a rischio, è stato controfirmato da 15 fra i più influenti esperti di sanità pubblica, che hanno aspramente criticato “lo stato di abbandono” che, secondo loro, ha caratterizzato le risposte dei governi alle più banali emergenze sanitarie. Per questo, secondo gli scienziati, un virus mortale definito genericamente “X” potrebbe spazzare via milioni di persone nel giro di pochissime ore.

Secondo il “Global Preparedness Monitoring Board”, il mondo vive sotto il rischio continuo di pandemie: “Si tratta di minacce reali: in una società sempre più interconnessa come quella in cui viviamo, nell’arco di 36-50 ore un agente patogeno potrebbe circolare liberamente lasciandosi alle spalle conseguenze disastrose come la morte di decine di milioni di persone, il 5% dell’economia globale spazzato via ed enormi problemi di caos sociale”.

Le malattie virali a rischio di epidemie come l’ebola e la SARS sono sempre più difficili da gestire in un mondo dominato da lunghi conflitti e migrazioni forzate, afferma il rapporto, che elenca anche alcune possibili infezioni che potrebbero scatenare l’ipotetica epidemia. Queste ultime sono state suddivise in “emergenti” e “riemergenti”: tra i primi ci sono l’Ebola, i virus Zika e Nipah e cinque diversi tipi di influenza fra cui la West Nile, la resistenza agli antibiotici, il morbillo, la mielite acuta, la febbre gialla, la dengue, la peste e il vaiolo monkeypox.

E malgrado alcuni governi e agenzie hanno fatto sforzi per prepararsi ai possibili focolai, dopo la devastante epidemia di Ebola che fra il 2014 ed il 2016 ha mietuto oltre 10mila vittime in Africa, il rapporto definisce gli sforzi come “grossolanamente insufficienti”. Nel caso di una pandemia, molti sistemi sanitari nazionali, in particolare nei paesi poveri, crollerebbero. “La povertà e la fragilità esacerbano le epidemie di malattie infettive e contribuiscono a creare le condizioni affinché le pandemie prendano piede”, ha commentato Axel van Trotsenburg, uno dei membri del comitato scientifico. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS, ha aggiunto che i Paesi dovrebbero investire di più sulla ricerca e il coordinamento per rafforzare i sistemi sanitari.

All’inizio di quest’anno, l’OMS ha avvertito che un’altra pandemia di influenza, causata da virus aerei, è quasi inevitabile: “Il mondo dovrebbe prepararsi. Per troppo tempo abbiamo permesso un misto di panico e negligenza quando si parla di pandemie: intensifichiamo gli sforzi quando c’è una minaccia seria, poi li dimentichiamo quando la minaccia si placa. È giunto il momento di cambiare metodo di approccio”.

L’ultimo rapporto cita l’influenza spagnola del 1918, che ha ucciso circa 50 milioni di persone, tre volte di più della Prima Guerra Mondiale: diversi studi hanno dimostrato che la maggior parte dei decessi sono avvenuti tra minori di 65 anni e si pensa che il virus abbia attaccato il sistema immunitario del corpo causando una sovrapproduzione di cellule immunitarie che hanno il potere di sopraffare il corpo: più forte era il sistema immunitario, più devastanti diventavano gli effetti dell’influenza spagnola. E se il virus “X” si riproducesse da un ceppo influenzale potrebbe avere un effetto altrettanto devastante.

Salute
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Dopo 146mila casi e 622 morti accertate da gennaio a oggi, le autorità hanno proclamato l’allarme nazionale: colpite sette delle 17 regioni del paese asiatico
Trump e la strage delle puerpere
Trump e la strage delle puerpere
Nonostante le conoscenze e le tecnologie siano sempre più evolute, ancora oggi nel mondo si muore di parto. Nei Paesi in via di sviluppo è fondamentale il contributo del mondo occidentale messo in forse da politiche nazionaliste