I super batteri hanno raggiunto lo spazio

| Cambiamenti climatici e capacità di adattamento rendono alcune famiglie di microrganismi resistenti alle cure. Il pericolo non è solo più per persone deboli o anziane: dei batteri sono arrivati a bordo della Stazione Spaziale Internazionale

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

È ora confermata da dati e analisi l’ipotesi avanzata da tempo dalla comunità scientifica che i cambiamenti climatici (oltre a eventi meteorologici estremi, come inondazioni e ondate di calore) possano svolgere un ruolo importante nello sviluppo di batteri resistenti agli antibiotici.

Già nel 2018 uno studio pubblicato sulla rivista Nature aveva dimostrato che le temperature in aumento in alcune aree degli Stati Uniti erano legate a una maggior resistenza agli antibiotici. Questo incremento della resistenza è definito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità una delle “principali minacce alla salute globale”.

Ora un nuovo studio che conferma questa teoria è stato presentato dai ricercatori dell’Università Medical Center di Göttingen durante il ventinovesimo congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive che si è tenuto ad Amsterdam.

Sulla base dei dati raccolti in 30 nazioni, gli scienziati hanno cercato di verificare se anche in Europa potessero essere presenti tendenze simili a quelle rilevate negli Stati Uniti l’anno precedente. Per farlo, hanno tenuto sotto controllo i dati provenienti dalla Rete Europea di Sorveglianza della Resistenza Antimicrobica.

Lo studio ha messo in evidenza legami statisticamente significativi tra la variazione della temperatura media della stagione calda e la diffusione di alcuni batteri resistenti a diversi tipi di antibatterici. La conclusione cui sono giunti i ricercatori è che – pur non essendo stata scoperta la causa – i fattori climatici contribuiscono significativamente alla previsione della resistenza antimicrobica in diversi tipi di sistemi sanitari e di società. Inoltre, i cambiamenti climatici potrebbero aumentare la trasmissione della resistenza ai carbapenemi, una classe di antibiotici ad ampio spettro d’azione attivi nei confronti di molti batteri, aerobi ed anaerobi.

Durante lo stesso convegno di Amsterdam, un altro team di ricercatori ha annunciato la scoperta che nei Paesi tropicali i batteri preferiscono gli hotel a campeggi, ostelli o pensioni. Il rischio di contrarre infezioni da batteri resistenti agli antibiotici dormendo in un albergo o in una abitazione privata è quattro volte più alta. L’indagine è stata condotta su 230 turisti tedeschi prima e dopo un loro viaggio in alcune nazioni dei Tropici.

Si tratta della prima volta che una ricerca segnala come pernottare in un hotel possa essere rischioso a causa della colonizzazione di una famiglia di batteri, gli Enterobacteriaceae, resistenti a diversi tipi di antibiotico.

Lynn Meurs è la ricercatrice del Robert Koch-Institute di Berlino che ha guidato lo studio e afferma che il team non si aspettava che gli hotel potessero essere un fattore di rischio per l’infezione da batteri. L’indagine ha riscontrato qualche pericolo per la salute soprattutto in persone che sono state ricoverate in ospedale, colpiti da polmoniti, sepsi e infezioni nel tratto urinario, le cui cure sono più difficile rispetto agli attacchi dei batteri sensibili agli antibiotici standard.

Pur avendo un campione ridotto – la ricerca andrebbe confermata con un numero di partecipanti più ampio – lo studio scredita la convinzione che gli enterobacteriaceae si trovino solo negli ospedali e nelle case di residenza per anziani, ma mette in evidenza che a essere più colpiti sono i giovani.

Per Meurs circa il 20 per cento dei turisti che visitano Paesi a basso e medio reddito in regioni tropicali e semi-tropicali tornano a casa positivi a questi batteri. La ricercatrice tedesca conclude affermando che anche la globalizzazione, con viaggi internazionali e intercontinentali più diffusi e frequenti, probabilmente contribuisce a una diffusione molto più rapida delle infezioni da batteri.

La conferma a queste affermazioni arriva da un luogo davvero inaspettato, la Stazione Spaziale Internazionale (SSI) all’esterno della quale sono stati ritrovati batteri durante un’attività extra veicolare all’esterno del segmento russo della SSI. Erano a bordo di un modulo russo lanciato nel 1998: raccolti e inviati immediatamente a Terra per approfondite analisi di laboratorio, dapprima è sembrato che in precedenza non fossero presenti e quindi si è pensato a una forma di vita aliena.

La realtà è invece molto più plausibile: i batteri potrebbero essere arrivati fin lassù trasportati dalle correnti ascensionali che trascinano materia fino alla ionosfera. Oppure, potrebbero essere saliti a bordo di alcuni componenti in fase di lancio (per esempio in oggetti portati dagli astronauti) e aver quindi contaminato l’esterno della stazione spaziale anche a causa dei frequenti cambi di passeggeri al suo interno.

L’aspetto decisamente più interessante e che incute un po’ di timore, è l’incredibile capacità di sopravvivenza di questi batteri, a oltre 400 chilometri dalla Terra e con temperature che variano dai 121° C quando si trovano sul lato illuminato dal Sole ai meno 157° C quando sono in ombra. Senza dimenticare le alterate condizioni di gravità e la forte presenza di radiazioni.

La presenza di questi batteri ha confermato precedenti ricerche sulla famiglia degli escherichia coli che avevano messo in evidenza come, fatto piuttosto sorprendente, le colture cresciute nello spazio fossero ancora più resistenti agli antibiotici rispetto a quelle sviluppate sulla Terra.

Una cosa è chiara: non ci libereremo tanto facilmente da questi batteri.

Salute
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Lo scoppio di una malattia simil-influenzale potrebbe uccidere 80 milioni di persone in tutto il mondo in meno di due giorni. Lo dice un report di esperti che lancia l’allarme: il dovrebbe prepararsi
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Dopo 146mila casi e 622 morti accertate da gennaio a oggi, le autorità hanno proclamato l’allarme nazionale: colpite sette delle 17 regioni del paese asiatico