Il caffè fa bene al cuore, lo dicono anche i cardiologi

| A Torino, il 27 e 28 ottobre, le XXIX Giornate Cardiologiche Torinesi "Advances in Cardiac Arrhythmias and Great innovations in Cardiology"

+ Miei preferiti
Quattro o cinque tazzine di caffè al giorno riducono la mortalità cardiovascolare. Questa ed altre novità inaspettate saranno trattate nelle due Giornate torinesi che vedono riuniti i più eminenti esperti italiani ed internazionali per parlare della salute del cuore. 

A Torino, il 27 e 28 ottobre, le XXIX Giornate Cardiologiche Torinesi "Advances in Cardiac Arrhythmias and Great innovations in Cardiology" presso il Centro Congressi Unione Industriale ospiteranno i cardiologi della Mayo Clinic di Rochester (Minnesota) per discutere dei risultati dei più recenti studi, ricerche ed esperienze sul campo. Presenti anche i maggiori esperti europei, provenienti da Germania, Francia e Svizzera.

L'evento, diventato ormai un polo d'interesse per la cardiologia mondiale, è organizzato e diretto da Fiorenzo Gaita, Direttore della Cattedra di Cardiologia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Torino e Direttore della Cardiologia dell'ospedale Molinette della Città della Salute di Torino, e Sebastiano Marra, Direttore del Dipartimento Cardiovascolare del Maria Pia Hospital di Torino. E i numeri parlano: otre 600 partecipanti tra medici ed operatori, 100 relatori, innumerevoli temi affrontati.

Quest'anno, il Meeting è incentrato sulla prevenzione; forte degli eccezionali risultati di studi condotti prevalentemente in Europa e Stati Uniti, il trend è sempre più quello di prevenire, ossia fare in modo che ci si ammali di meno.

Negli ultimi 30 anni la mortalità per cause cardiovascolari si è dimezzata. Analizzando le cause di tale diminuzione, i ricercatori hanno rilevato che in gran parte è dovuta alla correzione dei fattori di rischio.

"Certamente possiamo affermare che negli ultimi vent'anni abbiamo a disposizione nuovi farmaci, nuove tecniche chirurgiche, che indubbiamente hanno ridotto la mortalità, ma per ¾ il merito è della prevenzione – spiega il dottor Sebastiano Marraed è principalmente su questo fattore che noi medici dobbiamo impegnarci". 

Un principio che dà i risultati più incoraggianti in Europa. Non si può affermare lo stesso in altri Paesi: in Cina accade il contrario grazie ad un'espansione economica che sta portando nel dimenticatoio i principi sani di un corretto stile di vita. Mentre in America sono aumentati i diabetici, gli obesi ed i sedentari, in Cina sono aumentati i soggetti con pressione alta ed i fumatori.

"La mortalità a livello mondiale sta diminuendo grazie ad una nuova consapevolezza sui fattori di rischio. In questo Congresso iniziamo a ragionare in termini di eticità, rispetto dell'individuo, riduzione dell'impatto della malattia nella nostra società".

Ma oltre alla coscienza dei fattori di rischio, altro punto determinante è la conoscenza di ciò che fa bene alla salute del nostro cuore e dell'organismo in generale. In questo senso la novità più interessante, e per molti versi inaspettata, è costituita dal caffè.

"Tre imponenti lavori, una metanalisi (tecnica clinico-statistica che genera un unico dato conclusivo da più studi su uno stesso argomento) e due importanti ricerche, hanno dimostrato gli effetti positivi del caffè indipendentemente dalla caffeina – prosegue Marra -. Quattro o cinque tazzine di caffè al giorno, anche decaffeinato, riducono la mortalità cardiovascolare in follow up che vanno da 10 a 18 anni. A lungo termine, bere caffè ha un effetto positivo. Il lavoro di metanalisi condotto negli Stati Uniti rileva che anche la mortalità per tumore viene significativamente ridotta. Il risultato non è legato alla presenza di caffeina, ma alle sostanze antiossidanti che sono contenute nel chicco di caffè. Il chicco di caffè è la sostanza con più antiossidanti esistente in natura".

Si potrebbe obiettare che il caffè ecciti, agiti e provochi insonnia. Ma a quanto pare anche questi sono luoghi comuni sfatati dalla ricerca. "Esistono dati su oltre 10mila individui che rivelano che chi assume caffè - su lungo periodo - ha meno ansia, dorme meglio, non ha la pressione più alta rispetto a chi non lo beve. Uno studio francese che ha analizzato oltre 200mila persone, su un periodo di 8-10 anni, riferisce dati positivi sulla mortalità. I dati piemontesi confermano che chi beve caffè ha un umore migliore, meno ansia, riposa meglio, non ha pressione o colesterolo più alti".

Analoghi effetti positivi sulla salute del cuore, seppur di più lieve entità, si riconducono all'assunzione di cioccolato fondente all'85-90%.



In primo piano la prevenzione della morte improvvisa.



Come sempre, il Meeting avrà come temi centrali le novità provenienti dai cardiologi americani e da quelli torinesi sull'interventistica.

 

"Solo in Italia, ogni anno, 50mila persone muoiono improvvisamente, vale a dire più di 130 morti al giorno senza che si possa intervenire. - afferma il professor Fiorenzo Gaita - E' una grossa battaglia che si cerca di portare avanti con vari mezzi ". 

 

E prosegue "Forse non tutti sanno che l'Italia è, tra i Paesi occidentali, con poche altre nazioni, all'avanguardia nella prevenzione della morte improvvisa con un 90% di riduzione della mortalità negli atleti sottoposti a screening adeguato. Alle Molinette stiamo utilizzando tecniche interventistiche sempre più innovative, tese a prevenire l'evento fatale in soggetti con predisposizione, ad esempio su pazienti con malattie genetiche che possono condurre ad aritmie maligne ed a morte i

Salute
Forever young
Forever young
Ricerche mediche avanzate hanno portato alla scoperta nel nostro corpo di cellule zombie che non si riproducono e causano il nostro invecchiamento. Grazie ai nuovi farmaci senolitici sembra che il decadimento fisico possa essere rallentato
Candida Auris, la peste del nuovo millennio
Candida Auris, la peste del nuovo millennio
Se ne parla ancora troppo poco: è un fungo nato dalla resistenza dei batteri agli antibiotici. Sembra una semplice influenza, ma è in grado di uccidere nel giro di 90 giorni. Migliaia di casi in tutto il mondo
OxyContin, l’antidolorifico che crea dipendenza
OxyContin, l’antidolorifico che crea dipendenza
Prescritto soprattutto degli Stati Uniti, è accusato di migliaia di morti: sarebbe stato diffuso dalla Purdue Pharma sapendo che crea dipendenza, effetto curabile con un altro farmaco
Quando il traffico fa ingrassare
Quando il traffico fa ingrassare
Sono numerosi i metodi per evitare di aumentare di peso, alcuni decisamente bizzarri e poco probabili benché “certificati” da ricerche universitarie. Sembra che anche scegliere dove vivere aiuta a evitare di mettere su kg in eccesso
Aducanumab, Crenezumab e Solanezumab
Aducanumab, Crenezumab e Solanezumab
Sono i nomi degli anticorpi monoclonali utilizzati - senza successo - dai ricercatori per scoprire una cura all’Alzheimer. Secondo una recente indagine, mangiare due cucchiaini di frutta secca al giorno potrebbe rallentarne l’avanzamento
Seconda condanna, la Bayer crolla in borsa
Seconda condanna, la Bayer crolla in borsa
Per la seconda volta, un tribunale si è pronunciato ritenendo l’erbicida Roundup causa del cancro che ha colpito un agricoltore californiano. In tutti gli Stati Uniti altre 11.200 denunce attendono una sentenza
Burioni al leghista Fedriga: 'Dovevi vaccinarti!'
Burioni al leghista Fedriga:
Massimiliano Fedriga, governatore del Friuli è in ospedale con la varicella. Lui è contrario alle vaccinazioni obbligatorie. Il messaggio dello scienziato agli adulti: "Non vaccinarsi è un rischio, non solo per gli altri"
La verdura bio è davvero sana?
La verdura bio è davvero sana?
Prende sempre più piede la coltivazione biologica, da molti vista come la soluzione ai problemi di inquinamento, da altri semplicemente come un metodo meno efficace che non soddisferà i bisogni di cibo della popolazione del pianeta
"Ho la leucemia, la gara più difficile"
"Ho la leucemia, la gara più difficile"
La storia della campionessa di nuoto, la 18enne Rikako Ikee, ha commosso il Giappone. "E' più dura di quanto temevo". La solidarietà e la voglia di combattere. Gare sospese
Fumo, il nuovo mal d’Africa
Fumo, il nuovo mal d’Africa
Dalla Svizzera verde all’Africa nera, miliardi di sigarette dall’elevato contenuto di nicotina, catrame e monossido di carbonio. Secondo i produttori piacciono così, ma il dubbio è che ci sia l’intenzione di aumentare l’assuefazione