Il Giappone sfocato dei giovani

| La miopia è in forte crescita tra gli studenti delle elementari e medie nipponiche. Si tratta di un segnale di cui tenere conto, in quanto trascurarla può provocare gravi danni (fino alla cecità) e notevoli costi sia sociali sia sanitari

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti
Un team di ricerca della scuola di medicina dell’università di Keio ha condotto l’anno scorso il primo studio negli ultimi vent’anni sull’andamento della miopia dei giovani giapponesi. A guidarlo il professor Kazuo Tsubota, responsabile del dipartimento di Oftalmologia, un oculista che studia in particolare la parte anteriore dell’occhio e il cristallino. Tra i suoi campi d’interesse il trapianto di cornea, la sindrome dell’occhio secco, la chirurgia laser per correggere miopia, ipermetropia e astigmatismo e la chirurgia della cataratta. Recentemente, Tsubota ha ottenuto un ottimo risultato nel trattamento dell’astigmatismo, migliorando sensibilmente la vista e lo stile di vita dei suoi pazienti.

Lo studio ha esaminato circa 1.400 studenti delle scuole elementari e medie dell’area di Tokyo, individuando una possibile correlazione tra la miopia e l’occhio secco. Oltre che da Tsubota, il team era composto dal professore associato Toshihide Kurihara, dal docente Hidemasa Torii e dalla dottoranda Erisa Yotsukura.

Nonostante risalga al 2005 una nota del ministero della salute giapponese che segnalava come la miopia fosse la quarta causa più comune di cecità nella nazione, mettendo in evidenza la necessità di intervenire, è datata ai primi anni Novanta un’analisi su questi aspetti.

La miopia è la condizione dell’occhio in cui la luce si concentra davanti alla retina, e non sulla stessa, facendo apparire sfuocati gli oggetti lontani. Viene diagnosticata con una valutazione refrattiva ed è attribuita a un eccessivo allungamento assiale, che provoca cambiamenti nella forma dell’occhio e aumenta la distanza dalla cornea alla retina. La lunghezza assiale cresce a partire dall’infanzia ed è risaputo che più è lunga maggiore sarà la miopia: pertanto, una precisa misurazione della lunghezza assiale è molto importante nella valutazione della miopia. Al crescere di entrambe aumenta il rischio di complicazioni, come la degenerazione maculare e i danni al nervo ottico.

Il gruppo di ricerca ha misurato sia l’indice di rifrazione sia la lunghezza assiale di tutto il campione e con un questionario ha provato a scoprire correlazioni tra miopia e stile di vita. I risultati hanno messo in evidenza che la prevalenza della miopia in 689 studenti delle scuole elementari era del 76,5% - nel 4% dei casi si trattava di miopia grave – con una lunghezza assiale media era di 23,41 millimetri. Invece in 727 studenti delle scuole medie inferiori la prevalenza della miopia è risultata pari al 94,9%, superiore a tutti i report analoghi a livello mondiale. I casi di miopia elevata erano l’11,3% e la lunghezza assiale media era di 24,73 millimetri.

I risultati della ricerca sono abbastanza allarmanti (compresi i valori della lunghezza assiale) e, pur essendo quasi sicuramente non esaustivi per il ridotto campione, forniscono tuttavia una base da cui partire per futuri studi a livello internazionale, sollevando il giusto allarme sulla crescita della miopia tra i giovani e giovanissimi, contribuendo ad aumentare la consapevolezza necessaria nel mondo medico e politico per fermare quella che potrebbe diventare una malattia che potrebbe pesare pesantemente sia sulla socialità che sul sistema sanitario.

Salute
Due colossi farmaceutici alle corde
Due colossi farmaceutici alle corde
La tedesca Bayern e l’americana Johnson & Johnson alle prese con cause e denunce. La prima tenta di chiudere il 95% delle pendenze con 11 miliardi dollari, la seconda condannata a sborsare 2,1 miliardi per il talco cancerogeno
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
Il Regno Unito è uno dei primi Paesi a preoccuparsi degli effetti collaterali del coronavirus: le migliaia di malati di cancro rimasti senza cure e trattamenti
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
Il numero di casi di coronavirus in tutto il mondo supera i 90.000, e anche se al momento non si parla ancora di pandemia, l’unica strada possibile per adesso è il contenimento
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia