Siringhe infette, epidemia di Aids

| Su 1500 abitanti di Allah Dino Seelro, Pakistan, la metà è positiva all'Hiv, compresi decine di bambini. Sotto accusa gli aghi delle siringhe usati. Allarme delle autorità sanitarie. Arrestato pediatra, responsabile di 90 contagi

+ Miei preferiti

Allah Dino Seelro - una piccola comunità agricola di 1.500 persone - ha il triste record della maggiore concentrazione di casi di Aids a livello globale, Nell’ultimo mese altri 21 contagiati, comprese intere famiglie, compresi 17 bambini. Spiega alla CNN, il Dr. Ramesh Lal Shetiya, il sovrintendente medico presso l'ospedale principale della zona: “I livelli di alfabetizzazione qui sono bassi e l'educazione sulla malattia è scarsa, il che significa che molti non capiscono come hanno contratto il virus”. Le autorità pakistane hanno rivelatoche negli ultimi due mesi, 681 persone - tra cui 537 bambini tra i 2 e i 12 anni - sono risultate sieropositive a Ratodero, un distretto di 330.000 persone nella provincia del Sindh sud-est del Pakistan, che comprende il villaggio di Allah Dino Seelro. Mentre il Pakistan - il sesto paese più popoloso del mondo con oltre 200 milioni di persone - affronta un'epidemia di HIV, gli esperti danno la colpa alla pratica nazionale di medici che riutilizzano gli aghi.

Zafar Mirza, assistente speciale del paese al Primo Ministro per la salute, ha detto in una conferenza stampa a Islamabad domenica: "C'è un problema enorme in Pakistan, dove le siringhe vengono riconfezionate e rivendute".

Una crisi sanitaria

I timori di un'epidemia di HIV sono iniziati in aprile, quando il dottor Imran Arbani, che gestisce una clinica privata a Ratodero, ha notato un picco nei casi della malattia. Da allora, più di 14.000 persone sono state sottoposte a screening in città, secondo un rapporto medico del capo della sanità locale, Masood Solangi, che è stato visto dalla CNN.

Come più persone sono diagnosticate nelle zone infette della provincia del Sindh, a circa 1.000 chilometri dalla capitale Islamabad, i sistemi sanitari sono sotto pressione. "Gli ospedali sono sovraffollati", ha detto Mirza domenica. "Visitare e vedere questo è stata una verifica della realtà sui problemi a terra”. Muzaffar Ghanghro, un pediatra pakistano è in carcere con l’accusa di essere uno dei responsabile dell'epidemia di HIV, a causa delle pessime condizioni igieniche del suo studio medico. Deve rispondere di tentato omicidio e di aver causato danni che mettono in pericolo la vita o causano gravi danni fisici alla vittima. Athar Abbas Solangi, l'avvocato di Ghanghro, dice che il suo cliente non è colpevole. "Il medico è stato trasformato in un capro espiatorio per la crisi più grande della regione", ha detto Solangi, che dice che non c'erano gocce infette o siringhe trovate nella clinica del suo cliente. "La mia opinione è che il lavoro che ha fatto è stato fatto secondo la legge. Il caso contro di lui non può essere provato".

L'HIV è una paura diffusa in Pakistan, dove si stima che 150.000 adulti e bambini vivono con la malattia. L'epidemia attuale è insolita, tuttavia, perché colpisce soprattutto i bambini. Prima della crisi, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, solo 1.200 bambini in tutto il Pakistan stavano ricevendo un trattamento per l’HIV. Data l'età di alcuni dei bambini infettati, le iniezioni non sicure sono state la causa più probabile dell’epidemia. Il problema si estende oltre Ratodero - ed è in corso da anni, ha detto Naseem Salahuddin, il capo del dipartimento di malattie infettive dell'Indus Hospital di Karachi, nel sud del Pakistan.

"Abbiamo finora non è stato fatto nulla, nonostante i nostri allarmi già dal 2017, ha detto Salahuddin, che ha lavorato a stretto contatto con gli ospedali di tutto il paese. Ricevere farmaci tramite iniezioni è una pratica popolare in Pakistan, a causa di una credenza culturale funzionano meglio delle pillole, ha detto Salahuddin. Morale, epidemia di Aids ormai fuori controllo.

Salute
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Lo scoppio di una malattia simil-influenzale potrebbe uccidere 80 milioni di persone in tutto il mondo in meno di due giorni. Lo dice un report di esperti che lancia l’allarme: il dovrebbe prepararsi
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Dopo 146mila casi e 622 morti accertate da gennaio a oggi, le autorità hanno proclamato l’allarme nazionale: colpite sette delle 17 regioni del paese asiatico