Il virus cinese ora fa paura

| Le autorità cinesi hanno confermato che il contagio avviene da uomo a uomo: l’OMS convoca il comitato di emergenza mentre cresce la preoccupazione in tutto il mondo

+ Miei preferiti
Quello che era un timore, si è trasformato in certezza: il misterioso virus partito dal mercato del pesce di Whuan, in Cina, si trasmette da uomo a uomo. L’hanno ammesso, messi con la spalle al muro dalle pressioni internazionali e dai sospetti di insabbiamento, gli esperti della “National Health Commission” cinese. Il coronavirus, che finora ha fatto quattro vittime, secondo alcune stime non confermate potrebbe aver già colpito quasi 2.000 persone contro i 217 casi ufficiali. La conferma delle autorità cinesi è arrivata attraverso le parole di Zhong Nanshan, capo del team di studiosi, che ha parlato due casi di trasmissione avvenuti nella provincia del Guangdong.

Immediata la reazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che attraverso il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus ha convocato per il 22 gennaio a Ginevra il comitato di emergenza per accertare se il caso rappresenti “un’emergenza di salute a livello internazionale e quali raccomandazioni assumere per fronteggiarla”.

La trasmissione al momento ancora limitata ha spinto i vertici dell’OMS a evitare restrizioni, confortata da una situazione che secondo gli esperti è sotto controllo.

Da ieri, all’aeroporto di Fiumicino, un cartello del ministero della sanità italiano invita a “rimandare i viaggi a Wuhan non necessari e di consultare il medico e vaccinarsi contro l’influenza almeno un paio di settimane prima del viaggio”.

L’allarme del coronavirus ha avuto ripercussioni anche in borsa: il timore di un’espansione e la fuga degli investitori ha costretto i mercati di Tokyo, Shangai, Shenzhen, Hong Kong, Seul e Mumbai a chiudere in forte ribasso.

Galleria fotografica
Il virus cinese ora fa paura - immagine 1
Il virus cinese ora fa paura - immagine 2
Salute
Due colossi farmaceutici alle corde
Due colossi farmaceutici alle corde
La tedesca Bayern e l’americana Johnson & Johnson alle prese con cause e denunce. La prima tenta di chiudere il 95% delle pendenze con 11 miliardi dollari, la seconda condannata a sborsare 2,1 miliardi per il talco cancerogeno
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
Il Regno Unito è uno dei primi Paesi a preoccuparsi degli effetti collaterali del coronavirus: le migliaia di malati di cancro rimasti senza cure e trattamenti
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
Il numero di casi di coronavirus in tutto il mondo supera i 90.000, e anche se al momento non si parla ancora di pandemia, l’unica strada possibile per adesso è il contenimento
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia