In America è ormai sindrome da svapo

| Tre morti e oltre 200 persone ricoverate con problemi respiratori: finiscono sotto accusa le ricariche acquistate in canali non ufficiali e i mix artigianali con la cannabis

+ Miei preferiti
Tre vittime accertate e oltre 200 persone ricoverate: negli Stati Uniti si parla ormai di “sindrome da svapo”, ovvero dei disturbi – in alcuni casi anche letali – legati alle sigarette elettroniche. In tutti i casi si tratta di fumatori abituali, che hanno iniziato ad affollare i pronto soccorso degli ospedali lamentando fiato corto, crisi respiratorie acute, vertigini, vomito e diarrea. Unico punto in comune, essere “svapatori”, secondo il neologismo creato per definire l’utente della e-sigarette.

In realtà, iniziano ad accertare in queste settimane le indagini americane, malori e decessi hanno almeno altri due punti in comune: il primo, aver acquistato i liquidi da inalare online o attraverso canali non ufficiali, dove i prezzi sono più bassi ma non c’è alcun controllo sulla qualità, e le sostanze dannose finiscono in cocktail preparati alla meno peggio in laboratori improvvisati. Secondo, la presenza costante di THC, la celebre sigla del tetraidrocannabinolo, la sostanza che rappresenta il principio attivo della marijuana, quella dello sballo. Sotto accusa ci sarebbe il procedimento che trasforma il THC in sostanza inalabile, che necessita di essere mescolato con oli e solventi in grado di rilasciare la sostanza a contatto con il calore delle svapo. Può succedere che qualche goccia d’olio o di solvente rimanga all’interno della sigaretta elettronica, diventando un pericolo per i polmoni. È di questo parere anche la “American Vaping Association”, l’associazione che raggruppa di produttori di sigarette elettroniche e ricambi, che mette sotto accusa l’uso di cannabis mescolato a liquidi a casaccio, creando mix potenzialmente pericolosi.

Sono proprio questi due casi a rendere più difficoltosa l’individuazione del problema negli ospedali, perché spesso chi arriva in preda a problemi non ricorda cosa ha inalato, o evita di raccontarlo per non incorrere in altri problemi, magari con le famiglie.

Al momento, secondo la casistica, le vittime accertate sono tre: l’ultima è stata svelata solo in questi giorni da un funzionario sanitario dell’Oregon, anche se risale agli inizi di luglio. Una donna, di cui non è stato rivelato il nome, giunta in ospedale con una forte crisi respiratoria: è stata attaccata al respiratore e per settimane i medici hanno tentato di salvarla, ma l’infezione si era ormai estesa a tutto il corpo. Anche lei, come la maggior parte di coloro che accusano disturbi, aveva acquistato la ricarica in un cannabis shop.

Salute
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Lo scoppio di una malattia simil-influenzale potrebbe uccidere 80 milioni di persone in tutto il mondo in meno di due giorni. Lo dice un report di esperti che lancia l’allarme: il dovrebbe prepararsi
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Dopo 146mila casi e 622 morti accertate da gennaio a oggi, le autorità hanno proclamato l’allarme nazionale: colpite sette delle 17 regioni del paese asiatico
Trump e la strage delle puerpere
Trump e la strage delle puerpere
Nonostante le conoscenze e le tecnologie siano sempre più evolute, ancora oggi nel mondo si muore di parto. Nei Paesi in via di sviluppo è fondamentale il contributo del mondo occidentale messo in forse da politiche nazionaliste
Mangia patatine per anni e perde la vista
Mangia patatine per anni e perde la vista
Un adolescente inglese che riusciva a mangiare soltanto patatine ha perso la vista per una grave mancanza di vitamine e minerali che ha compromesso i nervi ottici
Morbillo, ragazza contagia anche Disneyland
Morbillo, ragazza contagia anche Disneyland
Allarme sanitario: a rischio chi è entrato in contatto con l'adolescente neozelandese che ha visitato le mete più popolari della California, Universal Studios compresi. La pubblicità dei NO VAX ha causato una grave epidemia di morbillo
Vaping, primo morto per intossicazione
Vaping, primo morto per intossicazione
Sedici Stati USA hanno segnalato 163 casi di persone ricoverate in ospedale per gravi problemi respiratori e cardiaci. Nessuno dei produttori sotto accusa, forse una partita di cartucce difettose. Ora c'è una vittima, in Illinois
Morire per un corpo scultoreo
Morire per un corpo scultoreo
Tanti americani vanno nelle cliniche della Repubblica Domenicana per complicate operazioni estetiche ma 12 pazienti sono morti. Il corpo a forma di bottiglia di Coca Cola, sogno di molte donne. Ma i rischi sono alti
UK, ogni 7 giorni 40 morti di overdose
UK, ogni 7 giorni 40 morti di overdose
Livelli record in Scozia, Galles e Inghilterra. In pochianni un'impennata senza precedenti. Colpa anche del taglio dei servizi decisi dal governo e dall'ondata di nuove sostanze letali sul mercato
Morbillo, epidemia globale in aumento
Morbillo, epidemia globale in aumento
Nuovi focolai della malattia si registrano in tutto il mondo, l'oma ora lancia l'allarme. "Sistemi sanitari in crisi e decesso in aumento". Dati mai così gravi dal 2006. In calo solo dove ci sono state campagne di vaccinazioni