Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv

| Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti

+ Miei preferiti
Dal 5 giugno 1981, giorno in cui fu individuato per la prima volta in cinque omosessuali di Los Angeles, in buona parte del mondo, se preso per tempo l’Aids è diventata una malattia cronica non più mortale. Lo scorso marzo, i giornali scientifici hanno rivelato la vicenda del “paziente di Londra”, com’è chiamato un uomo che dopo un trapianto di cellule staminali non presenta più alcuna traccia del virus dell’Hiv.

Ma è ancora più recente una doccia fredda, svelata da uno studio pubblicato sul “Journal of Acquired Immune Deficiency Syndrome”, in cui si parla per la prima volta di un nuovo ceppo della famiglia “M”, un sottotipo del virus ritenuto colpevole di aver diffuso la pandemia. Lo studio, realizzato dagli “Abbott Laboratories” in collaborazione con l’Università del Missouri di Kansas City, dimostra la capacità del virus, diffuso in diversi sottotipi, abbia sviluppato la capacità di cambiare e mutare nel tempo.

È il primo nuovo ceppo dell’Hiv di gruppo M identificato da quando nel 2000 sono state stabilite le linee guida per la classificazione dei sottotipi. “È una vera sfida per i test diagnostici”, ha commentato Mary Rodgers, coautore del rapporto e principale scienziato della Abbott. La sua azienda testa più del 60% dell’offerta mondiale di sangue alla ricerca di nuovi ceppi, così da rilevarli e classificarli con precisione.

Secondo il dottor Anthony Fauci, direttore del “National Institute of Allergy and Infectious Diseases”, i più moderni trattamenti contro l’Hiv sono efficaci contro questo e altri ceppi, ma l’identificazione di uno nuovo fornisce una mappa più completa di come si evolve la malattia. “Non c’è motivo di farsi prendere dal panico o addirittura di preoccuparsi: non ci sono molte persone che ne sono infettate”. 

Perché la comunità scientifica possa dichiarare di trovarsi di fronte ad un nuovo sottotipo, devono essere rilevati tre casi: i primi due sono stati individuati in Congo nel 1983 e nel 1990. I due ceppi erano molto insoliti e non corrispondevano ad altri ceppi: il terzo campione trovato in Congo è stato raccolto nel 2001 come parte di uno studio volto a prevenire la trasmissione del virus da madre a figlio. Il campione era piccolo, e mentre sembrava simile ai due campioni più vecchi, gli scienziati hanno deciso di testare l’intero genoma per essere sicuri. All’epoca, non esisteva la tecnologia per determinare se questo fosse un nuovo sottotipo.

Così, gli scienziati della Abbott e dell’Università del Missouri hanno sviluppato nuove tecniche per studiare e mappare il campione del 2001: “Come cercare un ago in un pagliaio, e poi tentare di tirare fuori l’ago con una calamita”. Le equipe sono state in grado di sequenziare completamente il campione, il che significa un quadro completo di ciò che è, e determinare che si tratta del sottotipo L del Gruppo M.

Non è chiaro come questa variante del virus possa avere un impatto diverso sull’organismo: le attuali terapie contro l’Hiv possono combattere un’ampia varietà di ceppi virali, e si ritiene che possano combattere anche il nuovo. “La scoperta ci ricorda che per porre fine alla pandemia di Hiv dobbiamo continuare a pensare che questo virus si evolve di continuo e utilizzare gli ultimi progressi nella tecnologia medica e le risorse per monitorarne l’evoluzione”, è stato il commento della dottoressa Carole McArthur, professore del dipartimento di scienze orali e cranio-facciali presso l’Università del Missouri.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, circa 36,7 milioni di persone al mondo convivono con l’Hiv, e l’UNAIDS stima che nel 2016 siano state infettate circa 1,8 milioni di persone.

Salute
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Lo scoppio di una malattia simil-influenzale potrebbe uccidere 80 milioni di persone in tutto il mondo in meno di due giorni. Lo dice un report di esperti che lancia l’allarme: il dovrebbe prepararsi
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Dopo 146mila casi e 622 morti accertate da gennaio a oggi, le autorità hanno proclamato l’allarme nazionale: colpite sette delle 17 regioni del paese asiatico
Trump e la strage delle puerpere
Trump e la strage delle puerpere
Nonostante le conoscenze e le tecnologie siano sempre più evolute, ancora oggi nel mondo si muore di parto. Nei Paesi in via di sviluppo è fondamentale il contributo del mondo occidentale messo in forse da politiche nazionaliste