Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada

| I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose

+ Miei preferiti
Lo scorso mese di agosto, l’Office for National Statistics inglese (ONS) ha certificato 4.359 decessi per avvelenamento da droga in Inghilterra e Galles nel 2018: la cifra più alta da quelle record nel 1993, ma anche il più deciso aumento nel giro di un anno. Più della metà dei decessi, ovvero 2.208, era dovuto a oppiaceo come l’eroina. Statistiche impietose, che raccontano una strage senza fine che ha convinto l’Inghilterra a varare un progetto pilota che prevede la distribuzione per le strade di “Naloxone”, un farmaco salvavita (in Italia conosciuto come “Narcan”) che inverte gli effetti dell’overdose da oppiacei. Affidato ad “Addaction”, un ente benefico che combatte la diffusione di droga e alcool, il progetto pilota di distribuzione del farmaco parte in queste ore a Redcar e Cleveland, due centri nel nord-est dell’Inghilterra.

La causa potenzialmente letale di un’overdose da oppiacei è di rallentare o interrompere la respirazione, esattamente quello che il Naloxone blocca. Finora, aveva accesso al medicinale attraverso un trattamento farmacologico, ma diversi studi hanno dimostrato che le persone al di fuori dei trattamenti ufficiali hanno maggiori probabilità di morire per una causa legata all’assunzione di droghe.

Per Gary Besterfield, service manager di Addaction a Redcar e Cleveland, “Ogni morte per droga è una tragedia e ogni morte è evitabile. Troppe famiglie di Redcar e Cleveland hanno perso i propri cari: è tempo di agire”.

Nell’ambito del progetto pilota, un team di ex tossicodipendenti si occuperà di portare il Naloxone per strada, avvicinando le persone che fanno uso di oppiacei, a cui sarà spiegato quando e come utilizzarlo.

La fase di test durerà 12 settimane e in una fase successiva prevede di introdurre il programma in tutto il Regno Unito.

I dati ufficiali sulle morti per droga hanno rivelato che il nord-est ha registrato il numero più alto, con 96,3 decessi ogni milione di persone, rispetto al 39,4 di Londra, dove il tasso è più basso. Anche le cifre per il Galles, lo Yorkshire e l’Humber sono decisamente alte.

Gli esperti di trattamenti farmacologici, tra cui il “Royal College of Psychiatrists”, hanno reagito con rabbia ai dati, accusando il governo di mettere a rischio la vita delle persone tagliando il finanziamento dei servizi di cure. Gli studi hanno dimostrato che i tagli del governo centrale hanno ridotto la spesa per i servizi di trattamento delle droghe di circa il 27% dal biennio 2015-16, e di oltre il 50% in alcune aree. La Scozia è alle prese con una crisi simile, con un aumento del 27% per raggiungere la cifra record di 1.187 morti per droga, mettendo il paese alla pari con gli Stati Uniti in termini pro capite.

Salute
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Lo scoppio di una malattia simil-influenzale potrebbe uccidere 80 milioni di persone in tutto il mondo in meno di due giorni. Lo dice un report di esperti che lancia l’allarme: il dovrebbe prepararsi
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Dopo 146mila casi e 622 morti accertate da gennaio a oggi, le autorità hanno proclamato l’allarme nazionale: colpite sette delle 17 regioni del paese asiatico
Trump e la strage delle puerpere
Trump e la strage delle puerpere
Nonostante le conoscenze e le tecnologie siano sempre più evolute, ancora oggi nel mondo si muore di parto. Nei Paesi in via di sviluppo è fondamentale il contributo del mondo occidentale messo in forse da politiche nazionaliste