La prima vittima di Netflix

| Un giovane indiano ha chiesto aiuto ai medici: per sei mesi ha chiuso i ponti con la realtà, dedicando tutto il suo tempo alle serie tivù

+ Miei preferiti
Alcuni esperti americani avevano lanciato l’allarme in tempi non sospetti: gli effetti della sovraesposizione da “Netflix” non sono molto diversi da quelli di alcune sostanze stupefacenti. In gergo si chiama “Binge Watching”, ed è la compulsiva tendenza che spinge a dedicare sempre più tempo a serie tivù che possono essere seguite sempre e dovunque, su qualsiasi tipo di dispositivo. Un vero tunnel capace di creare dipendenze che fino a poco tempo fa si pensava sarebbero arrivate in u  futuro prossimo.

Ma in realtà, un precedente c’è già: nei giorni scorsi, un 26enne indiano si è rivolto allo “Shut” (Service for Healthy Use of Technology), dipartimento del “National Institute of Mental Health and Neurosciences” di Bangalore, nello stato del Karnataka, in India. L’uomo ha chiesto aiuto all’equipe medica, raccontando di aver raggiunto uno stadio di dipendenza da Netflix ormai da livelli allarmanti: disoccupato, per più di sei mesi è caduto nella ragnatela del canale che distribuisce online film e serie tivù, tagliando fuori ogni contatto con la realtà.

Niente più amici, fidanzate e ricerca di lavoro: solo e soltanto abbuffate di serie, in preda ad una voracità che pretendeva sempre più tempo.

Manoj Kumar Sharma, lo psicologo a capo della clinica, ha parlato di un’esposizione che difficilmente scendeva a meno di sette ore al giorno, capace di fargli dimenticare i problemi e ritrovare piacere e serenità. A lungo andare, la dipendenza da Netflix gli ha causato problemi al ritmo del sonno, affaticamento della vista e un diffuso senso di spossatezza.

Netflix è un’idea di Reed Hastings e Marc Randolph nata nel 1997 a Scotts Valley, in California. Nel 2013 ha ampliato l’offerta con produzioni originali per il cinema e la televisione. Attualmente è accessibile in tutto il mondo, ad eccezione di Cina, Corea del Nord e Siria.

Salute
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
Il Regno Unito è uno dei primi Paesi a preoccuparsi degli effetti collaterali del coronavirus: le migliaia di malati di cancro rimasti senza cure e trattamenti
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
Il numero di casi di coronavirus in tutto il mondo supera i 90.000, e anche se al momento non si parla ancora di pandemia, l’unica strada possibile per adesso è il contenimento
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi