Legionella, emergenza finita? Forse

| Secondo l'Ats di Milano l'epidemia con decine di casi e alcune vittime provocata dal temporale del 6 luglio che ha "attivato" il batterio annidato nelle torri di raffreddamento

+ Miei preferiti

Tutta colpa di un temporale, quella del 6 luglio, quando una bomba d'acqua aveva colpito Bresso e fintorni, attivando così il batterio della legionale concentrato in una torre di raffreddamento della zona. La cosiddetta fase acuta dell’epidemia è terminata il 31 luglio. Il culmine si è avuto tra il 19 e il 20 luglio, con 19 casi in 48 ore, mentre il primo caso risalirebbe addirittura al 10 di luglio. “I casi ci dimostrano che tutto è avvenuto in un perimetro piuttosto ristretto del centro di Bresso. Infatti i pazienti non bressesi, risulta che abbiano frequentato per lavoro o per il tempo libero questa zona della città”, dice il sindaco Simone Cairo. “Questo ci fa pensare che l’emergenza non riguardi un edificio o un impianto in particolare, ma si sia verificata in ambiente aperto”, hanno detto Maria Bonini e Giorgio Cigonali, di Ats Città Metropolitana. “Dunque tutto porterebbe alle già citate “torri di raffreddamento” degli impianti industriali di aria condizionata. Circa una ventina sui tetti in diverse zone, sui quali di indaga. Anche il professor Cesare Joppolo, esperto di impianti energetici del Politecnico di Milano, ha ammesso la possibilità "che un guasto o un mal funzionamento di una torre possa essere alla base dell’emergenza. E che un evento meteorologico possa esserne la causa”,

Salute
Zecche in Italia, più 400 per cento
Zecche in Italia, più 400 per cento
A causa dell'aumento delle temperature i pericolosi insetti stanno invadendo anche le aree del Nord. Nuovi test diagnostici. Trasmettono malattia molto gravi
'Elephant Man' torna a sorridere
Il WP racconta la storia commovente di un 27enne paraguaiano affetto da neurofibromatosi. medici californiani hanno deciso di operarlo gratuitamente per restituirlo a una "vita normale"
Micro-frammenti di pneumatici, danni alla salute
Micro-frammenti di pneumatici, danni alla salute
Non solo micro-polveri ma anche le sostanze prodotte da usura freni, le plastiche dei pneumatici possono causare gravi danni alla salute, secondo uno studio KCL di Londra. Ogni anno 9mila morti nella capitale Uk per aria inquinata
Non ha soldi, 'prigioniera' in ospedale
Non ha soldi,
Una 18enne in vacanza negli Usa (senza assicurazione) cade dallo scooter e si ferisce. Trasportata all'UCLA di Los Angeles è stata operata in terapia intensiva. Costo finale 150 mila dollari. Raccolta su GoFundMe per liberarla
Medico uccide 25 pazienti con il Fentanil
Medico uccide 25 pazienti con il Fentanil
Omicidi di massa in un ospedale dell'Ohio. Lui si difende: "Volevo solo lenire le loro sofferenze". Ma alcuni pazienti non erano malati terminali. Scoperto da un farmacista per le sue continue richieste di anti-dolorifici. Piaga oppioidi
Il laser che polverizza i tumori
Il laser che polverizza i tumori
Il macchinario è al momento in fase di studio all’interno di un centro di ricerca nei dintorni di Praga, ed è frutto delle ricerche di tre giovani scienziati italiani. Nel giro di cinque anni potrebbe essere pronto il primo prototipo
Effetto No Vax, morbillo boom
Effetto No Vax, morbillo boom
Record ad aprile con 299 casi in 4 mesi. Già 864 segnalazioni in 19 regioni. Prima vittima. Più alta l'età media dei contagiati. Rischio di superare quota 3000 nel 2019, in forte aumento rispetto al 2018
Siringhe infette, epidemia di Aids
Siringhe infette, epidemia di Aids
Su 1500 abitanti di Allah Dino Seelro, Pakistan, la metà è positiva all'Hiv, compresi decine di bambini. Sotto accusa gli aghi delle siringhe usati. Allarme delle autorità sanitarie. Arrestato pediatra, responsabile di 90 contagi
Epidemia oppioidi, Bigpharma sotto accusa
Epidemia oppioidi, Bigpharma sotto accusa
Grandi case farmaceutiche in Usa sotto accusa per l'epidemia di oppioidi utilizzati negli anti-dolorifici più diffusi. Risarcimenti miliardarie e proteste. Manca informazione corretta su rischi dipendenza
Malata ai polmoni, scala l'Aconcagua
Malata ai polmoni, scala l
Isabella, 55 anni, 5 figli, sulla più alta, quasi 7 mila metri, vetta delle Ande argentine. Ha tumore in fase avanzata, in piena terapia. Una sfida impossibile, con la figlia. La storia sul NYT