Mangia patatine per anni e perde la vista

| Un adolescente inglese che riusciva a mangiare soltanto patatine ha perso la vista per una grave mancanza di vitamine e minerali che ha compromesso i nervi ottici

+ Miei preferiti
Patatine tutti i giorni: un 14enne di Bristol, Inghilterra, non voleva altro. Per anni, fin dagli anni delle elementari, ignorando gli avvertimenti dei medici e le minacce dei familiari, il ragazzino aveva scelto di nutrirsi solo ed esclusivamente con patatine fritte: quelle fatte in casa, fritte nei negozi o quelle industriale nei pacchetti, poco importava, purché fossero patatine. A volte, ma molto raramente, i genitori riuscivano a convincerlo a mangiare qualche fetta di pane bianco e un po’ di insaccati.

In una delle ultime visite mediche, a cui si era sottoposto accusando una forma di stanchezza cronica, gli era stata riscontrata una pericolosa carenza di vitamine B12 e D, più mancanza di rame e selenio. Qualche tempo fa, il ragazzino ha iniziato ad accusare problemi alla vista: in ospedale gli hanno riscontrato una neuropatia ottica nutrizionale, un danno irreversibile alla vista, ormai compromessa da punti ciechi nella visione centrale.

Il suo caso è stato raccontato alla rivista medica “Annals of Internal Medicine” dall’equipe del Bristol Eye Hospital che ha seguito il caso da vicino. Secondo Denize Atan, un medico che lo ha visitato più volte, quelli del ragazzino non sono propriamente dei capricci, poiché “ha sviluppato un’avversione alla consistenza dei cibi, e le patatine erano una delle poche cose che riusciva a mangiare”.

Salute
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Lo scoppio di una malattia simil-influenzale potrebbe uccidere 80 milioni di persone in tutto il mondo in meno di due giorni. Lo dice un report di esperti che lancia l’allarme: il dovrebbe prepararsi
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Dopo 146mila casi e 622 morti accertate da gennaio a oggi, le autorità hanno proclamato l’allarme nazionale: colpite sette delle 17 regioni del paese asiatico