Mangia patatine per anni e perde la vista

| Un adolescente inglese che riusciva a mangiare soltanto patatine ha perso la vista per una grave mancanza di vitamine e minerali che ha compromesso i nervi ottici

+ Miei preferiti
Patatine tutti i giorni: un 14enne di Bristol, Inghilterra, non voleva altro. Per anni, fin dagli anni delle elementari, ignorando gli avvertimenti dei medici e le minacce dei familiari, il ragazzino aveva scelto di nutrirsi solo ed esclusivamente con patatine fritte: quelle fatte in casa, fritte nei negozi o quelle industriale nei pacchetti, poco importava, purché fossero patatine. A volte, ma molto raramente, i genitori riuscivano a convincerlo a mangiare qualche fetta di pane bianco e un po’ di insaccati.

In una delle ultime visite mediche, a cui si era sottoposto accusando una forma di stanchezza cronica, gli era stata riscontrata una pericolosa carenza di vitamine B12 e D, più mancanza di rame e selenio. Qualche tempo fa, il ragazzino ha iniziato ad accusare problemi alla vista: in ospedale gli hanno riscontrato una neuropatia ottica nutrizionale, un danno irreversibile alla vista, ormai compromessa da punti ciechi nella visione centrale.

Il suo caso è stato raccontato alla rivista medica “Annals of Internal Medicine” dall’equipe del Bristol Eye Hospital che ha seguito il caso da vicino. Secondo Denize Atan, un medico che lo ha visitato più volte, quelli del ragazzino non sono propriamente dei capricci, poiché “ha sviluppato un’avversione alla consistenza dei cibi, e le patatine erano una delle poche cose che riusciva a mangiare”.

Salute
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Lo scoppio di una malattia simil-influenzale potrebbe uccidere 80 milioni di persone in tutto il mondo in meno di due giorni. Lo dice un report di esperti che lancia l’allarme: il dovrebbe prepararsi
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Dopo 146mila casi e 622 morti accertate da gennaio a oggi, le autorità hanno proclamato l’allarme nazionale: colpite sette delle 17 regioni del paese asiatico
Trump e la strage delle puerpere
Trump e la strage delle puerpere
Nonostante le conoscenze e le tecnologie siano sempre più evolute, ancora oggi nel mondo si muore di parto. Nei Paesi in via di sviluppo è fondamentale il contributo del mondo occidentale messo in forse da politiche nazionaliste
In America è ormai sindrome da svapo
In America è ormai sindrome da svapo
Tre morti e oltre 200 persone ricoverate con problemi respiratori: finiscono sotto accusa le ricariche acquistate in canali non ufficiali e i mix artigianali con la cannabis
Morbillo, ragazza contagia anche Disneyland
Morbillo, ragazza contagia anche Disneyland
Allarme sanitario: a rischio chi è entrato in contatto con l'adolescente neozelandese che ha visitato le mete più popolari della California, Universal Studios compresi. La pubblicità dei NO VAX ha causato una grave epidemia di morbillo
Vaping, primo morto per intossicazione
Vaping, primo morto per intossicazione
Sedici Stati USA hanno segnalato 163 casi di persone ricoverate in ospedale per gravi problemi respiratori e cardiaci. Nessuno dei produttori sotto accusa, forse una partita di cartucce difettose. Ora c'è una vittima, in Illinois