Micro-frammenti di pneumatici, danni alla salute

| Non solo micro-polveri ma anche le sostanze prodotte da usura freni, le plastiche dei pneumatici possono causare gravi danni alla salute, secondo uno studio KCL di Londra. Ogni anno 9mila morti nella capitale Uk per aria inquinata

+ Miei preferiti

Lo sviluppo polmonare dei bambini potrebbe essere gravemente danneggiato dal rilascio di microplastica dai pneumatici delle auto, secondo un'indagine inglese. Le particelle tossiche emesse da tutti i veicoli, compresi i gas di scarico, la gomma e la polvere dei freni, stanno contribuendo alla cattiva qualità dell'aria nelle città, ha scoperto uno studio per Channel 4's Dispatches. I risultati provengono da un esperimento condotto dal programma e dagli scienziati del King's College London (KCL).

L'inquinamento atmosferico è legato alla morte precoce di circa 40.000 persone all'anno nel Regno Unito e causa problemi come malattie cardiache, polmonari e asma. Il professor Frank Kelly, della KCL, denuncia: "Sappiamo che alcuni dei componenti da usura dei freni, insieme alle micro-plastiche dei pneumatici, sono irritanti e causeranno reazioni nei polmoni, con un danno rilevante alla salute specie dei più giovani”. Ha aggiunto: "Non sapevamo nulladi questo problema. Questa è una nuova scoperta”. Secondo il programma, un bambino su tre respira aria pericolosa e lo pneumatico moderno è ora circa il 50% di plastica.

L'inquinamento atmosferico potrebbe colpire "ogni organo" del corpo umano. Lo studio Dispatches ha monitorato 50 studenti della Lordship Lane Primary School di Haringey, a nord di Londra, e ha scoperto che erano esposti a livelli elevati di biossido di azoto, un inquinante infiammatorio. Le misure che comprendevano la messa a dimora di siepi intorno alla scuola, l'installazione di reti alle finestre e l'installazione di un depuratore d'aria nelle aule hanno portato a una diminuzione dell'esposizione al biossido di azoto di circa un quinto, ha detto.

Secondo l'ufficio del sindaco, circa 9.000 londinesi muoiono prematuramente a causa dell'aria inquinata.

Salute
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
Il Regno Unito è uno dei primi Paesi a preoccuparsi degli effetti collaterali del coronavirus: le migliaia di malati di cancro rimasti senza cure e trattamenti
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
Il numero di casi di coronavirus in tutto il mondo supera i 90.000, e anche se al momento non si parla ancora di pandemia, l’unica strada possibile per adesso è il contenimento
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi