Molinette, un solo donatore salva nove pazienti

| Maratona operatoria nelle sale chirurgiche, catena di interventi coordinati dal Centro Regionale Trapinati

+ Miei preferiti
Un nuovo record per i trapianti della Città della Salute di Torino. Ieri mattina in poche ore un solo donatore ha salvato ben 9 persone. E' stata una vera e propria maratona chirurgica su più sale operatorie con ben cinque trapianti di questi effettuati presso l'ospedale Molinette ( senza dimenticare un sesto di fegato da un altro donatore). Un evento più unico che raro. Addirittura l'équipe di Cardiochirurgia si è divisa e coordinata contemporaneamente su tre sale operatorie limitrofe per trapiantare due polmoni ed un cuore su tre persone diverse. 

Quando si sviluppa un processo di donazione di organi o tessuti da un donatore deceduto, solitamente a beneficiarne sono 2 pazienti che ricevono i reni ed un paziente che riceve il fegato. Più raramente a questi organi trapiantati si aggiungono il cuore ed i polmoni. 

Quanto è capitato ieri è davvero particolare: da un soggetto deceduto sono stati prelevati organi di cui hanno beneficiato ben 9 riceventi di trapianto. Com'è possibile? Se per i reni è ovvio che possono beneficiarne 2 pazienti, com'è possibile per gli altri organi? In realtà anche per i polmoni, si può procedere al trapianto del polmone destro in un primo ricevente e di quello sinistro ad un secondo ricevente. E' poi possibile separare il fegato in 2 parti, una più piccola (il lobo sinistro) a favore di un bambino, e la restante parte ad un adulto. Che tutte queste opzioni capitino insieme è davvero unico. Ma è successo ieri, quando al Centro Regionale Trapianti della Regione Piemonte (coordinato dal professor Antonio Amoroso) è stato segnalato dal centro di rianimazione dell'ospedale della Carità di Novara il decesso -  a causa di una emorragia cerebrale - di una donna di 48 anni, di cui i familiari avevano testimoniato la volontà di donare gli organi.

Così da questo atto di generosità si sono intrecciati i destini di tanti pazienti in attesa di trapianto, di sesso ed età differenti, di regioni ed origini diverse, tutti accomunati dalla necessità di ricevere in dono un trapianto per poter continuare a vivere (è il caso dei trapianti di cuore, fegato e polmone) o per poter vivere con una prospettiva ed una qualità di vita migliore (come nel caso dei trapianti di rene e di cornea). Così persone diverse si sono ritrovate assieme in un destino comune:  

  • Per il cuore: a beneficiare del trapianto è stata una donna di 41 anni piemontese, in attesa di trapianto a  causa di una cardiopatia restrittiva.
  • Polmone sinistro: un maschio di 62 anni della Sardegna, affetto da fibrosi polmonare 
  • Polmone destro: una donna di 54 anni della Sardegna, affetta da bronco-pneumopatia  polmonare cronica ostruttiva (BPCO) 
  • Fegato sinistro: è stato trapiantato su un bambino, presso l'ospedale di Bergamo 
  • Fegato destro: un maschio di 67 anni della Campania, con una cirrosi epatica
  • Rene sinistro: una donna di 47 anni nata in Nigeria e residente in Piemonte, in dialisi a causa di una nefrosclerosi ipertensiva
  • Rene destro: un maschio di 47 anni della Sicilia, che ha ricevuto un secondo trapianto di rene in seguito alla perdita di funzione di un precedente trapianto, presso l'ospedale di Novara 
  • Cornee: le 2 cornee sono state avviate alla Banca delle cornee, che provvederà a valutarne l'idoneità e ad assegnarle a 2 pazienti in attesa di trapianto.
Tutti i trapianti sono stati effettuati presso le sale chirurgiche dell'ospedale Molinette della Città della Salute di Torino (con un notevole sforzo organizzativo e di personale per poter eseguire tutti questi trapianti possibilmente in contemporanea), ad eccezione del lobo sinistro di fegato trapiantato nel centro trapianti epatici dell'ospedale di Bergamo ed il rene destro nel Centro trapianti di rene dell'ospedale di Novara. 

E come se non bastasse in contemporanea l'équipe dei trapianti di fegato ha eseguito un prelievo di fegato ad un donatore di 83 anni deceduto a Perugia per trapiantarlo a Torino su un ricevente piemontese di 57 anni, affetto da cirrosi epatica. 

 

 

 

 



Salute
Forever young
Forever young
Ricerche mediche avanzate hanno portato alla scoperta nel nostro corpo di cellule zombie che non si riproducono e causano il nostro invecchiamento. Grazie ai nuovi farmaci senolitici sembra che il decadimento fisico possa essere rallentato
Candida Auris, la peste del nuovo millennio
Candida Auris, la peste del nuovo millennio
Se ne parla ancora troppo poco: è un fungo nato dalla resistenza dei batteri agli antibiotici. Sembra una semplice influenza, ma è in grado di uccidere nel giro di 90 giorni. Migliaia di casi in tutto il mondo
OxyContin, l’antidolorifico che crea dipendenza
OxyContin, l’antidolorifico che crea dipendenza
Prescritto soprattutto degli Stati Uniti, è accusato di migliaia di morti: sarebbe stato diffuso dalla Purdue Pharma sapendo che crea dipendenza, effetto curabile con un altro farmaco
Quando il traffico fa ingrassare
Quando il traffico fa ingrassare
Sono numerosi i metodi per evitare di aumentare di peso, alcuni decisamente bizzarri e poco probabili benché “certificati” da ricerche universitarie. Sembra che anche scegliere dove vivere aiuta a evitare di mettere su kg in eccesso
Aducanumab, Crenezumab e Solanezumab
Aducanumab, Crenezumab e Solanezumab
Sono i nomi degli anticorpi monoclonali utilizzati - senza successo - dai ricercatori per scoprire una cura all’Alzheimer. Secondo una recente indagine, mangiare due cucchiaini di frutta secca al giorno potrebbe rallentarne l’avanzamento
Seconda condanna, la Bayer crolla in borsa
Seconda condanna, la Bayer crolla in borsa
Per la seconda volta, un tribunale si è pronunciato ritenendo l’erbicida Roundup causa del cancro che ha colpito un agricoltore californiano. In tutti gli Stati Uniti altre 11.200 denunce attendono una sentenza
Burioni al leghista Fedriga: 'Dovevi vaccinarti!'
Burioni al leghista Fedriga:
Massimiliano Fedriga, governatore del Friuli è in ospedale con la varicella. Lui è contrario alle vaccinazioni obbligatorie. Il messaggio dello scienziato agli adulti: "Non vaccinarsi è un rischio, non solo per gli altri"
La verdura bio è davvero sana?
La verdura bio è davvero sana?
Prende sempre più piede la coltivazione biologica, da molti vista come la soluzione ai problemi di inquinamento, da altri semplicemente come un metodo meno efficace che non soddisferà i bisogni di cibo della popolazione del pianeta
"Ho la leucemia, la gara più difficile"
"Ho la leucemia, la gara più difficile"
La storia della campionessa di nuoto, la 18enne Rikako Ikee, ha commosso il Giappone. "E' più dura di quanto temevo". La solidarietà e la voglia di combattere. Gare sospese
Fumo, il nuovo mal d’Africa
Fumo, il nuovo mal d’Africa
Dalla Svizzera verde all’Africa nera, miliardi di sigarette dall’elevato contenuto di nicotina, catrame e monossido di carbonio. Secondo i produttori piacciono così, ma il dubbio è che ci sia l’intenzione di aumentare l’assuefazione