Nuova batosta per la Johnson & Johnson

| Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco

+ Miei preferiti
La giuria di un tribunale di Philadelhpia, Pennsylvania, ha condannato la “Johnson & Johnson” ad un risarcimento record che rischia di mandare in bancarotta il colosso farmaceutico americano: 8 miliardi di dollari. È la somma record che spetta a Nicholas Murray, 26enne del Maryland che dopo essersi sottoposto dal 2003 a diversi cicli di cura a base di “Risperdal”, un antipsicotico che combatte i disturbi della sfera autistica, ha accusato una grave forma di “ginecomastia”, l’improvvisa crescita anomala del seno.

Secondo gli avvocati del giovane, che aveva già ricevuto 680mila dollari di risarcimento provvisionali, “Le intenzioni della J&J erano intenzionali e dannose, con grave superficialità riguardo alla sicurezza dei soggetti più vulnerabili”.

Di diverso avviso il collegio difensivo del colosso farmaceutico, secondo cui si tratta di una “Condanna sproporzionata che sicuramente verrà ribaltata. Anche perché la giuria non ha valutato prove come il foglietto illustrativo del farmaco, che delinea in modo chiaro e appropriato i rischi e gli effetti collaterali associati al medicinale, al pari dei benefici che al contrario offre ai pazienti con disturbi mentali”. Lanciato nel 1994 su autorizzazione della Federal Drug Agency e incluso dall’OMS nell’elenco dei farmaci essenziali, il Risperdal è protagonista di 13mila azioni legali ancora da valutare nei soli Stati Uniti, e quello di Philadelphia è un pericoloso precedente.

È la seconda batosta, nel giro di pochi mesi, per la J&J, costretta a pagare 572 milioni per la dipendenza da oppiacei che causato 70mila morti.

Salute
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Lo scoppio di una malattia simil-influenzale potrebbe uccidere 80 milioni di persone in tutto il mondo in meno di due giorni. Lo dice un report di esperti che lancia l’allarme: il dovrebbe prepararsi
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Dopo 146mila casi e 622 morti accertate da gennaio a oggi, le autorità hanno proclamato l’allarme nazionale: colpite sette delle 17 regioni del paese asiatico
Trump e la strage delle puerpere
Trump e la strage delle puerpere
Nonostante le conoscenze e le tecnologie siano sempre più evolute, ancora oggi nel mondo si muore di parto. Nei Paesi in via di sviluppo è fondamentale il contributo del mondo occidentale messo in forse da politiche nazionaliste