Vaccini fantasma, processo all'infermiera

| Non avrebbe inoculato i vaccini contro morbillo e pertosse a decine di bambini che infatti risultano senza immunizzazione. Il caso a Treviso. Lei: Tutto falso, i bambini li ho vaccinati tutti, non sono No Vax"

+ Miei preferiti

Emanuela Petrillo, la 32enne assistente sanitaria trevigiana di 32 anni (nella foto) sospettata di aver finto di aver somministrato vaccinazioni ad alcuni bambini, prima nel distretto sanitario di Codroipo (Udine) dell'azienda sanitaria del Medio Friuli, e poi all'Usl 2 di Treviso va sotto processo il 24 settembre. Le prime udienze erano state sospese il 21 dicembre, in attesa della decisione della Corte di Cassazione - su richiesta della difesa che aveva presentato una istanza specifica - di rimessione del processo ad altro tribunale. Per la difesa, infatti, sussistevano «motivi di legittimo sospetto», per il «clamore mediatico senza precedenti» e per il «malcontento dei genitori» che, a giudizio dei difensori, avrebbero contribuito a creare un clima tale da «condizionare pesantemente le sorti del processo». Il ricorso è stato respinto ad aprile e il processo può essere celebrato a Udine. Si riparte dunque dall'udienza preliminare. Nel corso del processo si erano già costituite parte civile le due aziende sanitarie e le famiglie di alcuni bambini. Ma lei respinge tutte le accuseContinua a ribadirlo, difendendosi da tutti gli attacchi. Lei respinge le accuse: «Non sono contro i vaccini. A questa storia mancano tanti tasselli. Tante cose che devono essere chiarite. Io i bambini li ho vaccinati tutti e lo dico con forza alle mamme. Voglio verità come la vogliono loro...Ma quali bambini? Quando li avrei vaccinati? Di che lotto e partita si parla? E come sono stati fatti i test sierologici? Io tutti questi dati non li ho e quindi non riesco a spiegare perché abbiano dato questi risultati, non so nemmeno quali siano le colleghe che mi accusano, ma va detto che il clima lavorativo era un po’ teso, tanto che avevo chiesto di essere trasferita».

E i "non pianti" dei piccoli? «Ho sempre pensato che fosse un merito. Invece mi si accusa per questo, ma il pianto non può essere un elemento di valutazione. I genitori o i nonni erano presenti. Sotto l’anno d’età il vaccino si fa sulla coscia, con il bimbo in braccio alla mamma o al papà, ed è impossibile non si accorgessero di nulla. Senza contare che ho vaccinato anche adulti». L’azienda sanitaria decise di trasferirla a giugno 2016, quando presentò la prima denuncia ai Nas, al settore prenotazioni. Altra contestazione che le fanno è quella di non aver preso le prenotazioni dei richiami: «Ma questa questione era stata sollevata mesi fa e risolta. E sono rimasta lì fino a pochi giorni fa, se non li avessi presi mi avrebbero spostata prima».
Le prove che incastrano la donna: 133 provette su 159 risultano contenere sangue senza tracce di immunizzazione. Nell'84% dei casi i pazienti sottoposti a vaccinazione non avevano gli anticorpi contrastare malattie come il morbillo e la pertosse, fino al 90% i campioni di quelli vorrospindondevamo al periodo in cui la Petrillo ha prestato servizio all'Usl 2 di Treviso. Le 125 provette di confronto, corrispondenti invece a pazienti sottoposti a profilassi con identici lotti di vaccino ma somministrati da altri operatori, mostravano invece una negatività del 4%, in linea con quanto riportato dalla letteratura scientifica, secondo cui al vaccino non risponde una percentuale di persone variabile tra il 2 e il 5 per cento.

 

 

Salute
Gli 'attacchi sonori ' danneggiano il cervello
Gli
Studio cubano sul personale diplomatico esposto ad attacchi attraverso la diffusione di suoni e onde. Scoperte mutazioni "importanti" ma la scienza non ha ancora una risposta definitiva. I casi in Cina e Russia
Cibo-veleno in ospedale: 5 morti
Cibo-veleno in ospedale: 5 morti
Scandalo in UK, negli ospedali pubblici ritirati panini e insalate contaminati dalla listeria prodotti dalla società The Good Food Chain. Vittime pazienti debilitati. Timori anche in Italia, sequestrati formaggi di "Latteria Soresina"
Protesi al seno, rischio cancro: donna muore a Roma, sospetti su impianti testurizzati
Protesi al seno, rischio cancro: donna muore a Roma, sospetti su impianti testurizzati
La denuncia di Report. Intervento 12 anni fa, decesso in autunno. Ma solo a febbraio la documentazione è stata trasmessa al ministero della Salute. In Francia già ritirate le protesi Allergan. I dubbi degli esperti e le statistiche italiane
Regno Unito, terrore Candida Auris
Regno Unito, terrore Candida Auris
Il fungo giapponese che devasta la pelle identificato dieci anni in Giappone, scoperto in 25 ospedali inglesi con 276 casi accertati. Già otto i morti ma potrebbero essere di più. Resiste ai farmaci, si propaga velocemente
Depressione post-partum addio
Depressione post-partum addio
Dagli Stati Uniti arriva un nuovo antidepressivo che riduce i pericolosi effetti della sindrome che colpisce una nuova mamma ogni nove. A breve dovrebbe essere approvato anche nella UE
New York, guerra contro gli oppiodi
New York, guerra contro gli oppiodi
Clamorosa protesta alla Guggenheim, attivisti bloccano gli ingressi del museo per denunciare i finanziamenti della farmaceutica Purdue Pharmas che produce l'Oxycontin, un antidolorifico. Ogni giorno 200 morti per overdose
Paladina No Vax uccisa da influenza e meningite
Paladina No Vax uccisa da influenza e meningite
La triste storia della giornalista e conduttrice tv Bre Payton, 26 anni, che conduceva su siti e media di estrema destra una compagna contro le vaccinazioni "opera del diavolo". Stroncata da virus H1N e da una meningite
Arriva il Krokodil, la droga che divora la pelle
Arriva il Krokodil, la droga che divora la pelle
Provoca cancrena e colora i tessuti con macchie nere e verdi, da qui il nome Krokodil. Costa poco e si produce in casa. Nome tecnico desomorfina. Nata in Russia, primi casi in Inghilterra
Diagnosi sbagliata, donna rischia morte
Diagnosi sbagliata, donna rischia morte
In UK i medici del sistema sanitario nazionale sotto accusa per diagnosi frettolose e sballate. La storia di una 54enne con aveva un'infezione a un occhio a cui avevano detto di prendere un anti-infiammatorio. Gravi danni
"Il cancro si potrà bloccare ma non estirpare"
"Il cancro si potrà bloccare ma non estirpare"
I premi Nobel 2018 Honjo e Alison lanciano la sfida ai tumori, curabili attraverso l'immunoterapia. Entro il 2050 una cura in grado di bloccare la proliferazione delle cellule maligne