Seconda condanna, la Bayer crolla in borsa

| Per la seconda volta, un tribunale si è pronunciato ritenendo l’erbicida Roundup causa del cancro che ha colpito un agricoltore californiano. In tutti gli Stati Uniti altre 11.200 denunce attendono una sentenza

+ Miei preferiti
Il 12% in meno, 61,18 euro ad azione: è il dato di apertura alla borsa di Francoforte del titolo “Bayer”, trascinato verso il basso dalla seconda sonora sconfitta subita negli Stati Uniti dal colosso farmaceutico. Dopo nove giorni di dibattimento, il tribunale di San Francisco ha ribadito che fra le cause del cancro di Andrew Hardeman, un agricoltore californiano, c’era l’uso massiccio di “Roundup”, erbicida a base di glifosfato che in America è commercializzato dalla sua divisione agrochimica “Monsanto”. Nella seconda parte del processo, i giurati dovranno stabilire se il colosso farmaceutico tedesco fosse a conoscenza o meno dei rischi alla salute e soprattutto quantificare i danni. I precedenti non giocano a favore della Bayer: lo scorso mese di agosto, per il caso analogo del giardiniere scolastico Dewayne Johnson, colpito a 42 anni da linfoma non Hodgkin, un altro tribunale aveva condannato il colosso al pagamento di 289,2 milioni di dollari, poi ridotti a 78,5. L’azienda ha presentato appello, che è ancora in corso, ma la condanna aveva già azzoppato le azioni del gruppo farmaceutico, che per 63 miliardi di dollari si era assicurato l’acquisto della “Monsanto”, multinazionale di biotecnologie agrarie con sede a St. Louis, e del suo discusso diserbante, uno dei più utilizzati al mondo, commercializzato in 130 paesi per più di 100 colture.

E non è finita qui, perché nei soli Stati Uniti, attendono una decisione altre 11.200 denunce da parte di altri giardinieri, agricoltori e semplice clienti che accusano il Roundup di procurare effetti assai nocivi: per sei di questi il processo dovrebbe iniziare a breve.

La Bayer si difende, parlando di 800 studi realizzati in tutto il mondo che confermerebbero la sicurezza del prodotto, e dicendosi certa che quanto prima “la scienza arrivi a confermare che gli erbicidi a base di glifosfato non causano il cancro”. Pesa però il giudizio della “International Agency for Research on Cancer” dell’OMS, che nel 2015 aveva classificato il glifosfato come potenzialmente cancerogeno.

Salute
Due colossi farmaceutici alle corde
Due colossi farmaceutici alle corde
La tedesca Bayern e l’americana Johnson & Johnson alle prese con cause e denunce. La prima tenta di chiudere il 95% delle pendenze con 11 miliardi dollari, la seconda condannata a sborsare 2,1 miliardi per il talco cancerogeno
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
Il Regno Unito è uno dei primi Paesi a preoccuparsi degli effetti collaterali del coronavirus: le migliaia di malati di cancro rimasti senza cure e trattamenti
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
Il numero di casi di coronavirus in tutto il mondo supera i 90.000, e anche se al momento non si parla ancora di pandemia, l’unica strada possibile per adesso è il contenimento
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia