Si mangia le unghie, le amputano il dito

| Courtney, 20 anni, è riuscita a infliggersi delle ferite così profonde al pollice da scatenare una forma aggressiva di tumore. I medici sono stati costretti a intervenire in modo drastico

+ Miei preferiti
Scientificamente si tratta di un disturbo cronico chiamato “onicofagia” che porta a mangiare compulsivamente le proprie unghie e le pellicine circostanti. Un gesto inconscio, in cui spesso non ci si rende neanche più conto di portarsi le dita alla bocca, classificato nell’elenco dei “disturbi del controllo degli impulsi”. Un’abitudine che non va affatto sottovalutata, come ha scoperto a proprie spese Courtney Whithorn, una bella ragazza di vent’anni di Gold Coast, in Australia. La sua vicenda, raccontata dai media in questi giorni, è stata usata per mettere in guardia la popolazione da un disturbo molto diffuso e a torto ritenuto del tutto innocuo.

Courtney inizia a mangiarsi le unghie circa quattro anni fa, in un momento in cui si sentiva particolarmente stressata: capendo di aver preso un’abitudine malsana e poco estetica, ha tentato di nascondere gli effetti poco piacevoli con delle unghie finte.

Quando però ha visto che il pollice della mano destra era ormai in condizioni critiche e la colorazione nerastra impediva anche alle unghie finte di nascondere ogni cosa, ha chiesto aiuto alla famiglia. Sottoposta a visite, è arrivata la diagnosi: acral lentiginous melanoma subungua, un tumore aggressivo che rappresenta una delle conseguenze più estreme al gesto di mangiarsi le unghie.

“Quando ho scoperto che ero riuscita a provocarmi un cancro ero a pezzi: arrivare fino a questo punto è assurdo”. Ma il peggio di questa storia doveva ancora arrivare: i medici, valutati i rischi e le condizioni del dito, hanno avvisato Courtney e la sua famiglia che era necessario amputare il dito.

La ragazza è fuori pericolo, anche se deve sottoporsi a controlli regolari per tenere sotto controllo il male che l’ha aggredita. “Al liceo sono stata vittima di bullismo, e mordermi le unghie è diventato un gesto di difesa. Ma quello che è successo a me vorrei servisse a chiunque senta o legga la mia storia”.

Galleria fotografica
Si mangia le unghie, le amputano il dito - immagine 1
Si mangia le unghie, le amputano il dito - immagine 2
Salute
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
Il Regno Unito è uno dei primi Paesi a preoccuparsi degli effetti collaterali del coronavirus: le migliaia di malati di cancro rimasti senza cure e trattamenti
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
Il numero di casi di coronavirus in tutto il mondo supera i 90.000, e anche se al momento non si parla ancora di pandemia, l’unica strada possibile per adesso è il contenimento
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi