Smog, i veleni nei cuori dei bambini

| Una ricerca della Lancaster University lancia un allarme globale: miliardi di particelle inquinanti nel cuore e nel cervello anche dei giovanissimi. Potranno causare malattie cardiopatiche e altre patologie

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

La ricerca pubblicata sulla rivista Environmental Research, ha analizzato il tessuto cardiaco prelevato da 63 giovani, tra cui alcuni bambini, che erano morti in incidenti stradali ma che non avevano subito traumi al petto. Hanno vissuto a Città del Messico, che ha un elevato inquinamento atmosferico e aveva un'età media di 25 anni. Risultati da choc. I cuori dei giovani abitanti delle metropoli contengono infatti miliardi di particelle tossiche prodptte dall'inquinamento atmosferico, rivela una ricerca della Lancaster University. Anche nel soggetti più giovani dello studio, attorno ai 3 anni, si sono riscontrati danni nelle cellule dei muscoli cardiaci che contenevano le minuscole particelle ricche di ferro, prodotte dai veicoli e dall’industria. Potrebbero essere la causa alla base del legame statistico di lunga data tra aria inquinata e malattie cardiache. Gli scienziati hanno affermato che l'abbondanza di nanoparticelle potrebbe rappresentare una seria preoccupazione per la salute pubblica e che l'inquinamento atmosferico da particelle deve essere ridotto con urgenza. Più del 90% della popolazione mondiale vive immersa nell’aria tossica, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha dichiarato la questione una "emergenza sanitaria pubblica" globale. 

Gli scienziati hanno riconosciuto che non ci sono ancora certezze assolute, ma la Prof Barbara Maher, della Lancaster University, ha detto: "Questo è uno studio preliminare in un certo senso, ma i risultati e le implicazioni erano troppo importanti”. Maher e colleghi hanno scoperto nel 2016 che le stesse nanoparticelle erano presenti nel cervello umano ed erano associate a danni simili al morbo di Alzheimer, un'altra malattia legata all'inquinamento atmosferico.

Mentre tutte le età sono stati colpiti Maher ha detto che era particolarmente preoccupata per i bambini. ”Per i più giovani, le prove sono di danni in fase molto precoce sia nel cuore che nel cervello", ha detto Maher. L'inquinamento atmosferico può danneggiare ogni organo e praticamente ogni cellula del corpo umano, poiché le piccole particelle vengono inalate, entrano nel flusso sanguigno. Gran parte delle prove del danno, dal diabete alla riduzione dell'intelligenza e all'aumento degli aborti, è epidemiologica, poiché gli esperimenti dannosi sulle persone non sono etici. Ma uno studio del 2018 ha trovato particelle di inquinamento atmosferico nelle placente delle donne che hanno partorito.

La nuova ricerca è la prima prova diretta che nanoparticelle ricche di ferro possono causare malattie cardiache. Le minuscole particelle erano già note dai test di laboratorio per essere gravemente dannose per le cellule umane e per essere un componente significativo dell'inquinamento atmosferico stradale.

Maher ha detto: "Mettere un'abbondanza di nanoparticelle ricche di ferro direttamente nei componenti subcellulari del tessuto muscolare del cuore, non è dicerto salutare. Sono all'interno dei mitocondri, che sono danneggiati e appaiono anomali. I mitocondri sono fonte di energia, assicura che il tuo cuore pompa efficacemente".

 
Salute
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Lo scoppio di una malattia simil-influenzale potrebbe uccidere 80 milioni di persone in tutto il mondo in meno di due giorni. Lo dice un report di esperti che lancia l’allarme: il dovrebbe prepararsi
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Dopo 146mila casi e 622 morti accertate da gennaio a oggi, le autorità hanno proclamato l’allarme nazionale: colpite sette delle 17 regioni del paese asiatico