Sulla strada del passaporto vaccinale

| Si riuniscono le forze intorno ad un progetto comune: un documento di avvenuta immunizzazione che sia riconosciuto a livello internazionale. Nei prossimi mesi, potrebbe essere un passaggio necessario per riprendere una vita “normale”

+ Miei preferiti
La corsa al vaccino, per immunizzare quanta più parte del mondo sia possibile, ha rimesso in moto anche le speranze di un ritorno alla normalità con i viaggi, il turismo e tutto quello che fino ad un anno fa era la pura normalità.

Su altre scrivanie, gruppi di lavoro formati da esperti in salute e maghi della tecnologia dividono gli sforzi per arrivare ad un passaporto digitale sanitario che valga ovunque. Hanno di fronte uno scoglio assai difficile chiamato uniformità: qualcosa che deve necessariamente mettere d’accordo tutti ad accettare un documento certificato da altri paesi.

Presto o tardi, lo strumento che certifichi l’avvenuta vaccinazione sarà richiesto da tutti, a cominciare dalle compagnie aeree per finire alle dogane, e sulla questione lavorano da mesi aziende che tirano fuori dal cilindro app, idee e soluzioni. Mancava all’appello solo un dettaglio non da poco: la cooperazione verso uno standard comune.

È esattamente quello che sta succedendo, e per guidare l’alleanza verso un obiettivo che sia lo stesso è stata creata la “Vaccination Credential Initiative”, mega-contenitore di idee e tecnologie che al suo interno racchiude Microsoft, Oracle e Mayo Clinic, organizzazione no profit americana per ricerca medica.

La VCI si basa sul lavoro fatto finora da “The Commons Project”, fondo pubblico per lo sviluppo digitale del “World Economic Forum” finanziato dalla Fondazione Rockfeller e la Fondazione Gates, che ha studiato le caratteristiche di un certificato digitale potenzialmente accettato a livello internazionale. L’app creata dal Commons Project e adottata in fase di sperimentazione da United Airlines, Lufthansa e Jet Blue, è stata considerata la migliore per certificare la vaccinazione perché l’unica in grado di fornire informazioni sui diversi requisiti richiesti per l’ingresso nei Paesi stranieri, ma anche perché capace di funzionare come archivio per test e vaccinazioni. Il sistema, in grado di attingere alle cartelle cliniche digitali, è in fase di studio da parte di diversi governi, da cui si attende entro i prossimi mesi un’evoluzione dei requisiti di ingresso.

“Per tornare ad una vita “nomale”, chi viaggia dovrà produrre documenti di vaccinazione – commenta Paul Meyer, amministratore delegato di Commons Project – viviamo in un mondo connesso, e speriamo di poterlo riavere tale e quale a prima”. Ad ogni paese è concesso di stabilire le proprie regole partendo dai vaccini accettati e quelli no, mentre gli utenti avranno a disposizione i propri dati attraverso un codice QR o un portafoglio digitale.

Secondo gli esperti, a breve la necessità di un passaporto sanitario non sarà prerogativa solo del turismo o dei viaggi d’affari: è altamente probabile che gli organizzatori di eventi, spettacoli e concerti, scuole, università e centri sportivi,  richiedano la prova vaccinale come requisito fondamentale. Ma c’è già che invoca la privacy…

Salute
Due colossi farmaceutici alle corde
Due colossi farmaceutici alle corde
La tedesca Bayern e l’americana Johnson & Johnson alle prese con cause e denunce. La prima tenta di chiudere il 95% delle pendenze con 11 miliardi dollari, la seconda condannata a sborsare 2,1 miliardi per il talco cancerogeno
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
GB, i malati di cancro abbandonati al loro destino
Il Regno Unito è uno dei primi Paesi a preoccuparsi degli effetti collaterali del coronavirus: le migliaia di malati di cancro rimasti senza cure e trattamenti
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
L’OMS: “Siamo in un territorio inesplorato”
Il numero di casi di coronavirus in tutto il mondo supera i 90.000, e anche se al momento non si parla ancora di pandemia, l’unica strada possibile per adesso è il contenimento
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Individuato un nuovo ceppo dell’Hiv
Per la prima volta, in quasi due decenni, un team di scienziati ha individuato una nuova famiglia del virus. “Niente panico, ma la battaglia non è ancora vinta”, commentano gli esperti
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
Inghilterra, farmaci contro l’overdose distribuiti per strada
I dati statistici di morti per droga sono così drammatici impietosi da aver convinto l’Inghilterra a varare una fase di test per la distribuzione per le strade di farmaci che contrastano l’overdose
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Troppi neonati in crisi di astinenza da droghe
Un fenomeno allarmante che fa registrare casi in tutta Italia, ma molto difficile da affrontare. Le stime della Società Italiana di Neonatologia
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
Johnson & Johnson ritira 33mila confezioni di talco
L’agenzia di controllo federale FDA ha accertato la presenza di amianto in una confezione di talco per bambini. L’indagine partita da 13mila denunce di consumatori
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Nuova batosta per la Johnson & Johnson
Dopo i 572 milioni pagati per la crisi degli oppiacei, un tribunale di Philadelphia ha condannato al pagamento di 8 miliardi di dollari ad un giovane a cui è cresciuto il seno per colpa di un farmaco
È esplosa la psicosi “ranitidina”
È esplosa la psicosi “ranitidina”
Il ritiro di alcuni farmaci in commercio e l’ordine dell’agenzia europea di verificare i contenuti di tutti quelli in vendita ha avuto un effetto dirompente, aumentato dalla presenza di falsi elenchi messi in rete
Crescono le vittime delle e-cig
Crescono le vittime delle e-cig
Nove morti e più di 500 fra malori e problemi respiratori, mentre gli esperti non riescono a individuare la sostanza che sta lentamente scatenando un’epidemia