Un arrosto Euro Zero

| Secondo un ricerca universitaria, cucinare può essere dannoso per la salute, con elevate emissioni di polveri sottili, causa di malattie respiratorie e tumori ai polmoni

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Il premio “Ig Nobel” (conosciuto in Italia anche come Ignobel) è assegnato ogni anno a dieci scienziati autori di ricerche assurde, regolarmente divulgate con articoli pubblicati anche su riviste scientifiche autorevoli: per esempio, la dimostrazione che gli esseri umani eccitano sessualmente gli struzzi o l’affermazione che i buchi neri - per le loro caratteristiche - potrebbero essere il luogo dove effettivamente si trova l’inferno.

Scopo del riconoscimento (il cui nome è un gioco di parole tra premio Nobel e ignobile) è ricompensare l’insolito e stimolare l’interesse del pubblico per scienza, medicina e tecnologia con ricerche che a prima vista fanno ridere ma che in seconda battuta spingono anche a pensare.

I ricercatori dell’Università del Colorado che hanno cucinato un arrosto misurando i valori di inquinamento nella cucina, probabilmente faranno parte della “short list” tra cui i giurati dell’Ig Nobel sceglieranno i prossimi premiati: perché pensare che cucinare un arrosto possa inquinare fa indubbiamente sorridere, ma immediatamente dopo scatena qualche pensiero.

L’esperimento - condotto in un appartamento di tre stanze che è stato dotato di sensori anti-inquinamento - ha dimostrato che cuocere determinati cibi può riempire l’aria della cucina di polveri sottili, con risultati davvero dannosi per la salute umana.

Le polvere sottili sono classificate in base alla loro grandezza e più il numero è basso (quindi sottili sono le polveri) più sono pericolose per la nostra salute. Per esempio, se il PM 10 raggiunge “solo” le prime vie respiratorie, il PM 5 si spinge nei bronchi e nella trachea e il PM 2,5 è in grado di penetrare negli alveoli polmonari con eventuale diffusione nel sangue.

Ebbene, i ricercatori del Colorado hanno stabilito che i livelli di PM 2,5 nell’appartamento durante la cottura di un arrosto sono aumentati fino a raggiungere la soglia dei 200 microgrammi per metro cubo (µg/m3).

Per far comprendere la pericolosità di questi valori, basti pensare che una normativa europea stabilisce che, per la protezione della salute umana, la media giornaliera delle concentrazioni di PM 10 nell’aria non deve superare il valore di 50 µg/m3per più di 35 volte all’anno, e comunque la media annuale delle concentrazioni di PM 10 non deve superare il valore di 40 µg/m3. Mentre le PM 2,5 non devono superare nell’anno i 25 μg/m3.

Quindi, cucinando un arrosto l’aria di una cucina sarà contaminata come quella di Delhi: la città indiana è la più inquinata del mondo, con un’altissima percentuale di particelle di polveri sottili (319 µg/m3di PM 10 e 179 µg/m3di PM 2,5) causata dallo smog emesso dagli innumerevoli veicoli a motore e dalle emissioni industriali. Molto più di buona parte delle città italiane: per esempio a Torino, uno dei centri urbani più inquinati del nostro Paese, le concentrazioni di PM 2,5 in alcune tra le peggiori aree cittadine raggiungono anche i 30 µg/m3medi all’anno.

Tornando alla cucina e all’arrosto, secondo gli esperti dell’Università del Colorado le micro-particelle inquinanti sono rilasciate da sostanze organiche (olio e grassi animali) oltre che dalla fiamma del gas.

Come soluzione, i consigli degli scienziati spaziano dall’accendere sempre la cappa aspirante al provvedere alla pulizia dell’ambiente, dal tenere le finestre aperte al favorire comunque un forte ricircolo dell’aria. Nessun suggerimento per evitare la cottura perché, così come all’auto, ovviamente neppure all’arrosto si può rinunciare.

Salute
Si tatua sul petto la cicatrice del figlio cardiopatico
Si tatua sul petto la cicatrice del figlio cardiopatico
Un papà inglese: "Siamo guerrieri contro la malattia, orgogliosi delle cicatrici di chi ha subito operazioni a cuore aperto". Joey, 6 anni, afflitto da una patologia congenita, ora sta meglio
Bambini 'gobbi', colpa degli smartphone
Bambini
Gli ortopedici denunciano l'aumento del 700 per cento dei casi di cifosi per le ore trascorse con gli smarthpne in mano. Record di bambini curvi nelle scuole. Vertebre deformi, pochi tengono le spalle dritte. "Bomba sociale"
UK, nuovi farmaci contro il cancro
UK, nuovi farmaci contro il cancro
Entro un anno i farmaci saranno disponibili nelle strutture pubbliche, sono in grado di agire con successo contro rare forme di tumore ma presto anche per i più comuni. Prezzi accessibili e verifiche avanzate
Zecche in Italia, più 400 per cento
Zecche in Italia, più 400 per cento
A causa dell'aumento delle temperature i pericolosi insetti stanno invadendo anche le aree del Nord. Nuovi test diagnostici. Trasmettono malattia molto gravi
'Elephant Man' torna a sorridere
Il WP racconta la storia commovente di un 27enne paraguaiano affetto da neurofibromatosi. medici californiani hanno deciso di operarlo gratuitamente per restituirlo a una "vita normale"
Micro-frammenti di pneumatici, danni alla salute
Micro-frammenti di pneumatici, danni alla salute
Non solo micro-polveri ma anche le sostanze prodotte da usura freni, le plastiche dei pneumatici possono causare gravi danni alla salute, secondo uno studio KCL di Londra. Ogni anno 9mila morti nella capitale Uk per aria inquinata
Non ha soldi, 'prigioniera' in ospedale
Non ha soldi,
Una 18enne in vacanza negli Usa (senza assicurazione) cade dallo scooter e si ferisce. Trasportata all'UCLA di Los Angeles è stata operata in terapia intensiva. Costo finale 150 mila dollari. Raccolta su GoFundMe per liberarla
Medico uccide 25 pazienti con il Fentanil
Medico uccide 25 pazienti con il Fentanil
Omicidi di massa in un ospedale dell'Ohio. Lui si difende: "Volevo solo lenire le loro sofferenze". Ma alcuni pazienti non erano malati terminali. Scoperto da un farmacista per le sue continue richieste di anti-dolorifici. Piaga oppioidi
Il laser che polverizza i tumori
Il laser che polverizza i tumori
Il macchinario è al momento in fase di studio all’interno di un centro di ricerca nei dintorni di Praga, ed è frutto delle ricerche di tre giovani scienziati italiani. Nel giro di cinque anni potrebbe essere pronto il primo prototipo
Effetto No Vax, morbillo boom
Effetto No Vax, morbillo boom
Record ad aprile con 299 casi in 4 mesi. Già 864 segnalazioni in 19 regioni. Prima vittima. Più alta l'età media dei contagiati. Rischio di superare quota 3000 nel 2019, in forte aumento rispetto al 2018