USA: 14 giovani intossicati da e-cigarette

| È il totale dei ricoveri avvenuti in due stati confinanti, Wisconsin e Illinois: le autorità alzano la soglia di attenzione verso le sigarette elettroniche, i produttori si difendono: liquidi acquistati non in centri autorizzati

+ Miei preferiti
Quattordici persone, fra adulti e adolescenti, sono stati ricoverati in due stati americani, Wisconsin e Illinois, per problemi respiratori potenzialmente legati all’uso delle sigarette elettroniche.

In Wisconsin, un serio problema respiratorio ha interessato 11 persone che si sono rivolte agli ospedali, mentre in Illinois tre giovani sono stati ricoverati per aver accusato problemi respiratori dopo il “vaping”, l’equivalente italiano di “svapare”, neologismo nato con l’avvento delle sigarette elettroniche.

“I marchi dei dispositivi, così come il luogo in cui sono stati acquistati, sono ancora oggetto di indagine”, ha riferito il dipartimento della salute pubblica. 

Thomas Haupt, specialista in malattie respiratorie del Wisconsin Department of Health Services, ha affermato che i casi registrati nel suo stato sono avvenuti tra “giovani sani che di colpo hanno accusato gravi problemi respiratori, e in alcuni casi sono stati ricoverati presso l’unità di terapia intensiva e collegati a macchine per la ventilazione forzata. I casi si sono verificati anche in persone “che non presentavano problemi polmonari o deficit precedentemente diagnosticati”.

Ad un primo esame, i problemi sembravano causati da un’infezione, “ma ogni test è risultato completamente negativo”. Per quanto riguarda invece gli eventuali collegamenti tra i casi, “l’unico punto in comune a questo punto è il vapore, ma non sappiamo cosa hanno vaporizzato e dove hanno acquistato i liquidi vaporizzanti: dettagli che devono essere accertati al più presto”.

Chuck Warzecha, vice presidente del dipartimento di salute del Wisconsin, ha riferito che “tutti i pazienti ricoverati accusavano difficoltà respiratorie, affaticamento e dolore toracico”. I pazienti sono “generalmente in via di miglioramento”, ma non è chiaro quali effetti a lungo termine potrebbero svilupparsi.

La maggior parte dei casi del Wisconsin erano concentrati nella zona a sud-est dello stato, in Illinois, e i tre pazienti ricoverati provenivano dalla parte nord-orientale, al confine con il Wisconsin.

La dottoressa Ngozi Ezike, direttore del Dipartimento di Salute Pubblica dell’Illinois, ha riferito che il suo team è in contatto con i colleghi del Wisconsin per raccogliere dati e condurre test: “Ci sono ancora un sacco di domande senza risposta”.

Negli Stati Uniti, come in altre parti del mondo, c’erano dubbi sulla dannosità delle sigarette elettroniche anche prima dei recenti ricoveri. L’American Lung Association, ad esempio, si dice “molto turbata dall’evoluzione delle prove circa l’impatto delle e-cigarette sui polmoni”. L’organizzazione si è concentrata su analisi che sembrano dimostrare che gli ingredienti chiave dei liquidi possono danneggiare le cellule o contenere “sostanze chimiche pericolose che possono causare malattie polmonari e cardiovascolari”.

Un comitato di esperti delle accademie nazionali delle scienze, ingegneria e medicina, lo scorso afferma che manca ancora “la prova conclusiva che oltre alla nicotina, la maggior parte dei prodotti destinati alle e-cigarette contengano ed emettono numerose sostanze potenzialmente tossiche”. Gli scienziati non sono sicuri di come queste sostanze possano contribuire alle malattie polmonari: ci sono “prove moderate di aumento di tosse e respiro affannoso negli adolescenti che usano sigarette elettroniche”.

Gregory Conley, presidente dell’American Vaping Association, ha controbattuto, dicendo che “a meno che il Dipartimento non stia nascondendo informazioni, quello che sappiamo oggi non giustifica l’ipotesi di scoraggiare i fumatori adulti dall’uso di prodotti a vapore come alternativa alle sigarette. È vergognoso che i dipartimenti della salute stiano incolpando i vaping in modo generico, quando i fatti puntano su cartucce acquistate non in centri autorizzati come probabile causa dei ricoveri”. I notiziari locali hanno parlato di un paziente del Wisconsin ricoverato in ospedale dopo aver acquistato liquidi di ricarica per strada.

Ma i funzionari sanitari frenano, preferiscono identificare la causa comune dei vari casi, e al momento “non abbiamo indicato il THC come un problema”. Raccogliere informazioni è difficile, perché “abbiamo a che fare con i minori”. Ma è la prima volta che si registrano disturbi polmonari associati, “e chissà quanti altri casi vedremo”.

Salute
Il batterio le ha divorato il cervello
Il batterio le ha divorato il cervello
Morta una bimba di 10 anni in Texas, il batterio Naegleria Fowleri le è entrato ndalle narici dopo un bagno in un fiume e in pochi giorni l'ha uccisa. Decine i casi analoghi
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Gli esperti: il mondo rischia una pandemia
Lo scoppio di una malattia simil-influenzale potrebbe uccidere 80 milioni di persone in tutto il mondo in meno di due giorni. Lo dice un report di esperti che lancia l’allarme: il dovrebbe prepararsi
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Le Filippine in allarme per un’epidemia di dengue
Dopo 146mila casi e 622 morti accertate da gennaio a oggi, le autorità hanno proclamato l’allarme nazionale: colpite sette delle 17 regioni del paese asiatico
Trump e la strage delle puerpere
Trump e la strage delle puerpere
Nonostante le conoscenze e le tecnologie siano sempre più evolute, ancora oggi nel mondo si muore di parto. Nei Paesi in via di sviluppo è fondamentale il contributo del mondo occidentale messo in forse da politiche nazionaliste
In America è ormai sindrome da svapo
In America è ormai sindrome da svapo
Tre morti e oltre 200 persone ricoverate con problemi respiratori: finiscono sotto accusa le ricariche acquistate in canali non ufficiali e i mix artigianali con la cannabis
Mangia patatine per anni e perde la vista
Mangia patatine per anni e perde la vista
Un adolescente inglese che riusciva a mangiare soltanto patatine ha perso la vista per una grave mancanza di vitamine e minerali che ha compromesso i nervi ottici
Morbillo, ragazza contagia anche Disneyland
Morbillo, ragazza contagia anche Disneyland
Allarme sanitario: a rischio chi è entrato in contatto con l'adolescente neozelandese che ha visitato le mete più popolari della California, Universal Studios compresi. La pubblicità dei NO VAX ha causato una grave epidemia di morbillo
Vaping, primo morto per intossicazione
Vaping, primo morto per intossicazione
Sedici Stati USA hanno segnalato 163 casi di persone ricoverate in ospedale per gravi problemi respiratori e cardiaci. Nessuno dei produttori sotto accusa, forse una partita di cartucce difettose. Ora c'è una vittima, in Illinois
Morire per un corpo scultoreo
Morire per un corpo scultoreo
Tanti americani vanno nelle cliniche della Repubblica Domenicana per complicate operazioni estetiche ma 12 pazienti sono morti. Il corpo a forma di bottiglia di Coca Cola, sogno di molte donne. Ma i rischi sono alti
UK, ogni 7 giorni 40 morti di overdose
UK, ogni 7 giorni 40 morti di overdose
Livelli record in Scozia, Galles e Inghilterra. In pochianni un'impennata senza precedenti. Colpa anche del taglio dei servizi decisi dal governo e dall'ondata di nuove sostanze letali sul mercato