Alla Nasa le rocce lunari di mezzo secolo fa

| Una capsula del tempo decisa dall’ente spaziale americano ha conservato per mezzo secolo reperti portati dalle missioni Apollo. Ora saranno aperti e analizzati con le moderne tecnologie

+ Miei preferiti
Il “Programma Apollo”, quello che portò al leggendario sbarco del primo uomo sulla Luna, era stato concepito dalla “Nasa” durante la presidenza Eisenhower, anche se sarebbe iniziato soltanto nell’era Kennedy. In totale, fra il 1961 ed il 1975, Sotto il nome di “Apollo” furono 11 i voli con esseri umani a bordo, tutti lanciati dalla rampa 39A del “JFK Space Center” di Cape Canaveral, in Florida.

Nei loro viaggi A/R verso la Luna, gli astronauti portarono sulla Terra 381,7 kg di campioni lunari, molti dei quali conservati al “Lunar Receiving Laboratory” di Houston. Si tratta di reperti importantissimi, attraverso cui gli scienziati sono riusciti a stabilire una datazione addirittura antecedente alla Terra, in periodo addirittura antecedente allo sviluppo del Sistema Solare.

Ma la parte più curiosa, è che oltre mezzo secolo dopo, si scopre che la “Nasa” aveva nascosto tre sacchettini sigillati con cura contenenti rocce, sabbia e campioni di terriccio lunare. Un po’ come succede nei film dalla trama robusta, qualcuno più lungimirante degli altri dell’ente spaziale americano aveva previsto l’enorme sviluppo tecnologico attuale, preferendo conservare intatti quei reperti per chi sarebbe arrivato dopo. Una sorta di capsula del tempo, conservata con ogni riguardo a temperature controllate, da consegnare direttamente agli scienziati del futuro.

Così è stato. I tre sacchetti stanno per essere aperti e assegnati a team di ricerca dotati delle più moderne e sofisticate attrezzature tecnologiche, che li analizzeranno dando risposte che mezzo secolo fa non erano possibili. “La tecnologia disponibile negli anni ’60 e ’70 non era paragonabile a quello che possiamo fare oggi”, ha commentato Jessica Barnes, astronomo dell’Università dell’Arizona che farà parte dei team di analisi.

L’attesa è grande, perché i frammenti di rocce lunari potrebbero svelare segreti sul sistema solare e fornire indicazioni utilissime per le missioni spaziali future.

Scienza
SpaceX, missione ritorno
SpaceX, missione ritorno
A due mesi dalla partenza da Cape Canaveral, gli astronauti della prima missione congiunta fra la Nasa e un’azienda privata sta per concludersi. I due astronauti attesi nelle prossime ore al largo di Pensacola, in Florida
Gli Emirati Arabi si aggiungono all’esplorazione di Marte
Gli Emirati Arabi si aggiungono all’esplorazione di Marte
Lanciata con successo la “Hope Probe”, la prima missione del Paese arabo, con l’obiettivo di raccogliere dati e informazioni sull’atmosfera del pianeta rosso. Entro l’estate partiranno anche una missione americana e una cinese
Ci sono almeno 36 civiltà nella nostra galassia
Ci sono almeno 36 civiltà nella nostra galassia
Uno studio dell’università di Nottingham non esclude la possibilità che almeno 36 civiltà extraterrestri stiano tentando di comunicare con noi. Ma le tecnologie attuali richiedono migliaia di anni prima di ottenere una risposta
I cacciatori di virus
I cacciatori di virus
Squadre di virologi setacciano le caverne abitate dai pipistrelli a caccia di ceppi virali sconosciuti. Il Covid-19 era già stato individuato nel 2013, ma nel frattempo ha trovato un ospite che l’ha passato all’uomo
Il mistero del paziente zero
Il mistero del paziente zero
In Italia si tenta di individuare il responsabile dei due ceppi, in Veneto e Lombardia, e lo stesso cercano di fare i medici in Cina, per scoprire da chi è partita l’epidemia che ha travolto Wuhan. Ma storicamente, non è una ricerca facile
Segnali dallo spazio
Segnali dallo spazio
Gli scienziati stanno cercando di dare una risposta ad un fenomeno misterioso: dei potenti segnali radio provenienti dallo spazio più remoto che si ripetono ogni 16 giorni, seguendo uno schema fisso
Molto di nuovo sotto il sole
Molto di nuovo sotto il sole
La nuova missione “Solar Orbiter”, in collaborazione fra la Nasa e l’Esa europea, darà uno sguardo senza precedenti alla nostra stella
I misteriosi ronzii sentiti in tutto il mondo
I misteriosi ronzii sentiti in tutto il mondo
Sono andati avanti per mesi, preoccupando gli esperti. Una commissione è riuscita a stabilirne la causa: la formazione di un enorme vulcano sottomarino nell’arcipelago delle Mayotte, fra Madagascar e Mozambico
A new planet
A new planet
Si chiama TOI 700 d ed è il primo pianeta potenzialmente abitabile scoperto dalla missione della Nasa “TESS”: si trova a 100 anni luce dalla Terra
Eleni Antoniadou, il genio fasullo
Eleni Antoniadou, il genio fasullo
Il curriculum ne faceva una delle giovani donne più brillanti di sempre, un vero genio della bioingegneria che era piaciuta alla Nasa e alla Mattel, che sua volta aveva deciso di dedicare a suo nome una delle Barbie eroine