Eleni Antoniadou, il genio fasullo

| Il curriculum ne faceva una delle giovani donne più brillanti di sempre, un vero genio della bioingegneria che era piaciuta alla Nasa e alla Mattel, che sua volta aveva deciso di dedicare a suo nome una delle Barbie eroine

+ Miei preferiti
Il curriculum di Eleni Antoniadou è di quelli che lasciano senza fiato: oltre ad essere una bella figliola, alta e sexy, è un vero genio e soprattutto una speranza per il mondo intero, che a 31 anni appena era considerata un astro nascente della bioingegneria che perfino la “Nasa”, l’ente spaziale americano, aveva disturbato per avere il conforto scientifico nell’addestramento degli astronauti.

Eleni, classe 1988 da Salonicco, Grecia, nel 2009 si laurea in informatica, percorso di studi netto che completa con un master all’University College di Londra, e un altro ancora in bioingegneria in Illinois, negli Stati Uniti. Nel prestigioso curriculum sottolinea anche la creazione della “Transplants without Donors”, una sofisticata azienda dedita alla medicina rigenerativa specializzata in organi artificiali basati sulle cellule staminali dei pazienti. Il primo intervento chirurgico, così si legge, un successo clamoroso: un trapianto di trachea artificiale eseguito con la collaborazione di un chirurgo italiano.

Il nome di Eleni inizia a fare il giro del mondo: “Forbes” la include nell’elenco delle 100 donne più influenti del pianeta, mentre il Partito Popolare Europeo la convoca a Bruxelles per dichiararla una delle menti più brillanti della Grecia moderna. E visto che un successo tira l’altro, la “Mattel”, il colosso americano dei giocattoli, aveva deciso di dedicare a Eleni Antoniadou una delle proprie “Barbie” della prestigiosa collezione “Sheroes”, dedicata alle donne che hanno saputo dimostrare coraggio e talento. Non esattamente un Nobel, ma essere accanto all’astronauta Sally Ride, l’attivista Rosa Parks, l’artista Frida Kahlo e la matematica Katherine Johnson, era comunque un bel riconoscimento.

Ma qualcuno, in questo tripudio di genialità diffusa, ha sentito puzza di bruciato, decidendo di controllare un paio di cose, giusto per dormire sonni tranquilli. Per essere ancora più precisi, la “Greek Hoaxes”, una ong greca specializzata nella caccia e lo smantellamento delle bufale ha fatto qualche verifica, esattamente quello che a nessuno – da qualsiasi costa dell’oceano – era mai venuto in mente di fare. E le sorprese non sono mancate: Eleni Antoniadou, per cominciare, era stata coinvolta in modo molto marginale al celebre intervento alla trachea, peraltro finito con la morte del paziente a causa del rigetto della protesi, quindi non esattamente un successo. Poi la Nasa, dove Eleni ha frequentato un semplice “summer-camp” estivo di 10 settimane, per poi ripartire senza che nessuno le chiedesse un parere di alcun tipo. Per finire con la sua azienda, la Transplants without Donors, di cui non esiste traccia da nessuna parte.

Al momento, Eleni Antoniadou ha preferito non commentare in alcun modo. Pare si sia limitata ad ammettere che sì, alla Nasa non è che avessero pianto quando era andata via.

Galleria fotografica
Eleni Antoniadou, il genio fasullo - immagine 1
Eleni Antoniadou, il genio fasullo - immagine 2
Eleni Antoniadou, il genio fasullo - immagine 3
Eleni Antoniadou, il genio fasullo - immagine 4
Eleni Antoniadou, il genio fasullo - immagine 5
Eleni Antoniadou, il genio fasullo - immagine 6
Eleni Antoniadou, il genio fasullo - immagine 7
Eleni Antoniadou, il genio fasullo - immagine 8
Eleni Antoniadou, il genio fasullo - immagine 9
Eleni Antoniadou, il genio fasullo - immagine 10
Scienza
Il mistero dei crateri siberiani
Il mistero dei crateri siberiani
Spuntano all’improvviso dal 2013 e stanno facendo dannare gli scienziati, che dopo varie ipotesi sono sempre più convinti si tratti di un accumulo eccessivo di gas metano
Il Pentagono a caccia di UFO
Il Pentagono a caccia di UFO
Varata la divisione militare che ha il compito di investigare sul fenomeno UFO, ma anche sulle possibili interferenze di governi stranieri
SpaceX, missione ritorno
SpaceX, missione ritorno
A due mesi dalla partenza da Cape Canaveral, gli astronauti della prima missione congiunta fra la Nasa e un’azienda privata sta per concludersi. I due astronauti attesi nelle prossime ore al largo di Pensacola, in Florida
Gli Emirati Arabi si aggiungono all’esplorazione di Marte
Gli Emirati Arabi si aggiungono all’esplorazione di Marte
Lanciata con successo la “Hope Probe”, la prima missione del Paese arabo, con l’obiettivo di raccogliere dati e informazioni sull’atmosfera del pianeta rosso. Entro l’estate partiranno anche una missione americana e una cinese
Ci sono almeno 36 civiltà nella nostra galassia
Ci sono almeno 36 civiltà nella nostra galassia
Uno studio dell’università di Nottingham non esclude la possibilità che almeno 36 civiltà extraterrestri stiano tentando di comunicare con noi. Ma le tecnologie attuali richiedono migliaia di anni prima di ottenere una risposta
I cacciatori di virus
I cacciatori di virus
Squadre di virologi setacciano le caverne abitate dai pipistrelli a caccia di ceppi virali sconosciuti. Il Covid-19 era già stato individuato nel 2013, ma nel frattempo ha trovato un ospite che l’ha passato all’uomo
Il mistero del paziente zero
Il mistero del paziente zero
In Italia si tenta di individuare il responsabile dei due ceppi, in Veneto e Lombardia, e lo stesso cercano di fare i medici in Cina, per scoprire da chi è partita l’epidemia che ha travolto Wuhan. Ma storicamente, non è una ricerca facile
Segnali dallo spazio
Segnali dallo spazio
Gli scienziati stanno cercando di dare una risposta ad un fenomeno misterioso: dei potenti segnali radio provenienti dallo spazio più remoto che si ripetono ogni 16 giorni, seguendo uno schema fisso
Molto di nuovo sotto il sole
Molto di nuovo sotto il sole
La nuova missione “Solar Orbiter”, in collaborazione fra la Nasa e l’Esa europea, darà uno sguardo senza precedenti alla nostra stella
I misteriosi ronzii sentiti in tutto il mondo
I misteriosi ronzii sentiti in tutto il mondo
Sono andati avanti per mesi, preoccupando gli esperti. Una commissione è riuscita a stabilirne la causa: la formazione di un enorme vulcano sottomarino nell’arcipelago delle Mayotte, fra Madagascar e Mozambico