I batteri dell’Atacama,
una speranza per le malattie

| Un team scientifico ha isolato 46 molecole da batteri particolarmente resistenti: potrebbero aprire la strada alla nascita di nuovi farmaci, sempre più efficaci contro malattie e infezioni

+ Miei preferiti
È uno di posti più inospitali al mondo: 1.600 km di nulla fra la catena delle Ande e la cordigliera della Costa, nel Cile settentrionale. Il deserto dell’Atacama è arido 50 volte più della Death Valley californiana, considerata la fornace del pianeta: lo sbalzo delle temperatura fra il giorno e la notte è impressionante, ed è così protetto da vedere la pioggia ogni 10 anni, in media.

Ma proprio in quella distesa di polvere e sassi cotti dal sole, un team di ricercatori guidato da Juan Asenjo, professore dell’Universidad de Chile, ha fatto una scoperta scientifica che potrebbe rivoluzionare le tecniche mediche per combattere malattie come il cancro e alcune fra le peggiori e pericolose infezioni del corpo umano. Un anno fa, il team è riuscito a isolare 46 molecole da batteri che sottoposti ad analisi hanno mostrato enormi capacità antibiotiche, antivirali e anticancro. Uno, in particolare, ha sorpreso gli scienziati: appartiene alla famiglie degli “actinobacteria” ed è noto per la capacità di sconfiggere i microbi più aggressivi. Fu isolato per la prima volta nel 1944 ricavandone il primo trattamento medico per la tubercolosi, riuscendo a salvare la vita a milioni di persone.

“A rendere uniche le proprietà di quei batteri – ha commentato Michael Goodfellow, microbioliogo della Newcastle University che fa parte del team di ricerca - è proprio l’ambiente inospitale del deserto, in cui l’umidità è inesistente e il continuo martellamento delle radiazioni ultraviolette ha fatto il resto. Il punto di partenza della ricerca era esattamente questo: in condizioni così estreme, gli organismi devono essersi adattati nel corso del tempo per sopravvivere”.

Ma il deserto dell’Atacama non è l’unico posto al mondo su cui la comunità scientifica ripone la speranza di poter individuare molecole utili ai farmaci del futuro, sempre più efficaci: diversi team stanno studiando i crateri vulcanici dell’Islanda e il permafrost della Siberia alla ricerca di microorganismi resi forti dalle avversità.

A suggerire l’esplorazione scientifica in luoghi all’apparenza ostili alla vita era stato il ritrovamento fatto nel 1998 da un sommergibile giapponese che nella Fossa delle Marianne, a 11mila metri di profondità, aveva localizzato dei batteri in grado di sopravvivere a pressioni immense. Nel 2009, anche una microbiologa giapponese era riuscita a individuare nei ghiacci dell’Antartide alcuni microbi sopravvissuti milioni di anni.

Galleria fotografica
I batteri dell’Atacama,<br>una speranza per le malattie - immagine 1
I batteri dell’Atacama,<br>una speranza per le malattie - immagine 2
Scienza
Ci sono almeno 36 civiltà nella nostra galassia
Ci sono almeno 36 civiltà nella nostra galassia
Uno studio dell’università di Nottingham non esclude la possibilità che almeno 36 civiltà extraterrestri stiano tentando di comunicare con noi. Ma le tecnologie attuali richiedono migliaia di anni prima di ottenere una risposta
I cacciatori di virus
I cacciatori di virus
Squadre di virologi setacciano le caverne abitate dai pipistrelli a caccia di ceppi virali sconosciuti. Il Covid-19 era già stato individuato nel 2013, ma nel frattempo ha trovato un ospite che l’ha passato all’uomo
Il mistero del paziente zero
Il mistero del paziente zero
In Italia si tenta di individuare il responsabile dei due ceppi, in Veneto e Lombardia, e lo stesso cercano di fare i medici in Cina, per scoprire da chi è partita l’epidemia che ha travolto Wuhan. Ma storicamente, non è una ricerca facile
Segnali dallo spazio
Segnali dallo spazio
Gli scienziati stanno cercando di dare una risposta ad un fenomeno misterioso: dei potenti segnali radio provenienti dallo spazio più remoto che si ripetono ogni 16 giorni, seguendo uno schema fisso
Molto di nuovo sotto il sole
Molto di nuovo sotto il sole
La nuova missione “Solar Orbiter”, in collaborazione fra la Nasa e l’Esa europea, darà uno sguardo senza precedenti alla nostra stella
I misteriosi ronzii sentiti in tutto il mondo
I misteriosi ronzii sentiti in tutto il mondo
Sono andati avanti per mesi, preoccupando gli esperti. Una commissione è riuscita a stabilirne la causa: la formazione di un enorme vulcano sottomarino nell’arcipelago delle Mayotte, fra Madagascar e Mozambico
A new planet
A new planet
Si chiama TOI 700 d ed è il primo pianeta potenzialmente abitabile scoperto dalla missione della Nasa “TESS”: si trova a 100 anni luce dalla Terra
Eleni Antoniadou, il genio fasullo
Eleni Antoniadou, il genio fasullo
Il curriculum ne faceva una delle giovani donne più brillanti di sempre, un vero genio della bioingegneria che era piaciuta alla Nasa e alla Mattel, che sua volta aveva deciso di dedicare a suo nome una delle Barbie eroine
Gli scienziati creano un embrione uomo-scimmia
Gli scienziati creano un embrione uomo-scimmia
Il team è arrivato a creare embrione chimera, ma l’esperimento è stato fermato: l’obiettivo creare un bacino di organi trapiantabili. Lo scetticismo della comunità scientifica internazionale
La Nasa scopre un pianeta abitabile
La Nasa scopre un pianeta abitabile
Il telescopio Tess ne ha individuati tre, ma il più grande potrebbe presentare le condizioni sufficienti per garantire la vita umana