I batteri dell’Atacama,
una speranza per le malattie

| Un team scientifico ha isolato 46 molecole da batteri particolarmente resistenti: potrebbero aprire la strada alla nascita di nuovi farmaci, sempre più efficaci contro malattie e infezioni

+ Miei preferiti
È uno di posti più inospitali al mondo: 1.600 km di nulla fra la catena delle Ande e la cordigliera della Costa, nel Cile settentrionale. Il deserto dell’Atacama è arido 50 volte più della Death Valley californiana, considerata la fornace del pianeta: lo sbalzo delle temperatura fra il giorno e la notte è impressionante, ed è così protetto da vedere la pioggia ogni 10 anni, in media.

Ma proprio in quella distesa di polvere e sassi cotti dal sole, un team di ricercatori guidato da Juan Asenjo, professore dell’Universidad de Chile, ha fatto una scoperta scientifica che potrebbe rivoluzionare le tecniche mediche per combattere malattie come il cancro e alcune fra le peggiori e pericolose infezioni del corpo umano. Un anno fa, il team è riuscito a isolare 46 molecole da batteri che sottoposti ad analisi hanno mostrato enormi capacità antibiotiche, antivirali e anticancro. Uno, in particolare, ha sorpreso gli scienziati: appartiene alla famiglie degli “actinobacteria” ed è noto per la capacità di sconfiggere i microbi più aggressivi. Fu isolato per la prima volta nel 1944 ricavandone il primo trattamento medico per la tubercolosi, riuscendo a salvare la vita a milioni di persone.

“A rendere uniche le proprietà di quei batteri – ha commentato Michael Goodfellow, microbioliogo della Newcastle University che fa parte del team di ricerca - è proprio l’ambiente inospitale del deserto, in cui l’umidità è inesistente e il continuo martellamento delle radiazioni ultraviolette ha fatto il resto. Il punto di partenza della ricerca era esattamente questo: in condizioni così estreme, gli organismi devono essersi adattati nel corso del tempo per sopravvivere”.

Ma il deserto dell’Atacama non è l’unico posto al mondo su cui la comunità scientifica ripone la speranza di poter individuare molecole utili ai farmaci del futuro, sempre più efficaci: diversi team stanno studiando i crateri vulcanici dell’Islanda e il permafrost della Siberia alla ricerca di microorganismi resi forti dalle avversità.

A suggerire l’esplorazione scientifica in luoghi all’apparenza ostili alla vita era stato il ritrovamento fatto nel 1998 da un sommergibile giapponese che nella Fossa delle Marianne, a 11mila metri di profondità, aveva localizzato dei batteri in grado di sopravvivere a pressioni immense. Nel 2009, anche una microbiologa giapponese era riuscita a individuare nei ghiacci dell’Antartide alcuni microbi sopravvissuti milioni di anni.

Galleria fotografica
I batteri dell’Atacama,<br>una speranza per le malattie - immagine 1
I batteri dell’Atacama,<br>una speranza per le malattie - immagine 2
Scienza
Eleni Antoniadou, il genio fasullo
Eleni Antoniadou, il genio fasullo
Il curriculum ne faceva una delle giovani donne più brillanti di sempre, un vero genio della bioingegneria che era piaciuta alla Nasa e alla Mattel, che sua volta aveva deciso di dedicare a suo nome una delle Barbie eroine
Gli scienziati creano un embrione uomo-scimmia
Gli scienziati creano un embrione uomo-scimmia
Il team è arrivato a creare embrione chimera, ma l’esperimento è stato fermato: l’obiettivo creare un bacino di organi trapiantabili. Lo scetticismo della comunità scientifica internazionale
La Nasa scopre un pianeta abitabile
La Nasa scopre un pianeta abitabile
Il telescopio Tess ne ha individuati tre, ma il più grande potrebbe presentare le condizioni sufficienti per garantire la vita umana
Doug Lindsay, l’uomo che si è curato da solo
Doug Lindsay, l’uomo che si è curato da solo
Era un giovane universitario quando un male misterioso lo colpisce costringendolo a letto per gli 11 anni successivi. Quando si rende conto di essere affetto da una malattia rara, si è messo a studiare trovando una cura
Cosa succede quando si é vicini alla morte'>La luce, l'anima e l'incontro con i propri cari
Cosa succede quando si é vicini alla morte
La luce, lCosa succede quando si é vicini alla morte' class='article_img2'>
Ricercatori danesi hanno presentato uno studio condotto su persone che sono state prossime, o credevano di esserlo, alla morte. I risultati dell'indagine nel congresso dell'Accademia Europea di Neurologia
Nel cuore del bosco la 'fattoria dei morti'
Nel cuore del bosco la
Gli studiosi dell'Università del Sud della Florida studiano i cicli della decomposizione dei cadaveri in uno spazio verde protetto. Avvoltoi, mammiferi e insetti "trasformano" i corpi immersi nella vegetazione
Mistero sulla Luna
Mistero sulla Luna
Un enorme ammasso ferroso sotterraneo che si estende per circa 300 km individuato da alcuni scienziati. Per gli esperti si tratterebbe dei residui di un asteroide o di un’eruzione vulcanica, ma c’è già chi ci vede una base aliena
Il dramma delle malattie rare
Il dramma delle malattie rare
Sono una decina di milioni in Europa le persone colpite da patologie rare, alcune mortali. Chi non può usare l’acqua, chi invecchia precocemente, chi vede crescere a dismisura i muscoli: fino al caso unico delle gemelle Fields
Un dente di Neanderthal contro il razzismo
Un dente di Neanderthal contro il razzismo
Un piccolo reperto archeologico scoperto in un’area sui Balcani potrebbe permetterci di capire di più sui rapporti tra uomini di razze diverse. Cambiando l'idea secondo cui i Sapiens erano migliori delle etnie che invadevano
L’ultima verità su Lady Diana
L’ultima verità su Lady Diana
Richard Shephered, il patologo forense che si occupò dell’indagine sulla morte della principessa, racconta in un libro che la principessa avrebbe potuto salvarsi. I ricordi un mestiere difficile, con oltre 23mila casi esaminati