La voce inquietante del pianeta rosso

| I sensori della sonda Insight-Lander hanno registrato il vento che soffia costante su Marte per la prima volta nella storia. Gli scopi della missione che durerà due anni terrestri. Il video della Nasa con immagini e audio

+ Miei preferiti

Insight-Lander è felicemente atterrato su Marte il 26 novembre per condurre una lunga serie di esperimenti  e misurare i "marsquake", e ora ha registrato i primi fruscii dei venti marziani. Un rombo basso costante e anche lieve causato dalle vibrazioni del vento sul pianeta rosso.

"Catturare questo audio è stato un successo non previsto", ha detto Bruce Banerdt, uno dei responsabili NASA in questa missione. “Misurare il movimento su Marte, e naturalmente quello causato dalle onde sonore, fa parte della ricerca”. I venti che soffiano sulla navicella spaziale sono i primi suoni registrati da Marte, ha detto la NASA, rilevati da sensori e da un sismometro per misurare le onde sonore, poiché non ha un microfono a bordo.

"Il lander InSight si comporta come un orecchio gigante", ha detto Tom Pike, membro del team scientifico di InSight e progettista di sensori dell'Imperial College London: "I pannelli solari sui lati della sonda rispondono alle fluttuazioni di pressione del vento. E' come se InSight stesse alzando le orecchie per sentire il vento di Marte. Quando abbiamo guardato la direzione delle vibrazioni del lander provenienti dai pannelli solari, abbiamo capito che corrispondeva alla direzione del vento prevista nel nostro sito di atterraggio”. I sensori si comportano come la coclea, una parte dell'orecchio che converte le vibrazioni in segnali nervosi. La NASA ha diffuso il campione audio e uno più completo che può essere captato meglio dall'orecchio umano, specialmente attraverso computer portatili o altoparlanti mobili. “I suoni sono davvero affascinanti - ha detto Banerdt - hanno il suono, il sibilo del vento come nell’Oceano che ruggisce in sottofondo. Ma ha anche un sound ultraterreno".

Alle le 20:52:59 del 26 novembre scorso, il lander InSight è atterrato su Marte per la la prima missione in grado di portare a termine uno studio sistematico dell’attività geologica marziana: è equipaggiato con strumenti capaci di rilevare attività sismiche e geotermiche del pianeta rosso, oltre che magnetiche ed eoliche, con lo scopo di comprendere meglio i meccanismi di formazione e sviluppo dei pianeti di tipo terrestre all’interno del nostro sistema solare.

InSight, acronimo di Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport, è una missione spaziale per l’esplorazione di Marte con la dislocazione sul pianeta di un lander equipaggiato con un sismometro e un sensore termico, che verrà portato potenzialmente ad una profondità di 5 metri al di sotto della superficie. Obiettivo della missione è investigare sulla struttura interna di Marte allo scopo di ricavare degli indizi sulle fasi più remote della formazione dei pianeti terrestri, nella più ampia formazione del sistema solare.

La sonda interplanetaria ha viaggiato sei mesi per raggiungere Marte guidata dal StarTracker prodotto in Italia. L’atterraggio è avvenuto sull’Elysium Planitia, vasta regione vulcanica in prossimità dell’equatore di Marte. E’alimentata da pannelli fotovoltaici per l’approvvigionamento elettrico della strumentazione scientifica. Due gli anni terrestri previsti per scoprire struttura del pianeta. Un sismografo misurerà l’attività sismica mentre l'Heat Flow and Physical Properties Package (HP3), terrà sotto controllo termico un braccio estensibile che può arrivare ad una profondità di 5 metri. “Fra cinque mesi , il braccio robotico di InSight posizionerà il sismometro (SEIS) nel punto prescelto - scrivono gli esperti del bosone.it - circa una settimana dopo l’installazione del sismometro verrà posizionato l’HP3. Il braccio di InSight posizionerà la sonda di calore sul terreno e questa inizierà a scavare lentamente dalla sua posizione. Il sensore all’estremità della sonda-spia entra lentamente nel terreno come un chiodo automartellante. Scende per un massimo di quattro ore alla volta: ogni periodo è noto come un ‘ciclo di martellamento’. Mentre scende, si ferma approssimativamente ogni 50 centimetri per generare un impulso di calore. La sonda osserva come questo impulso attraversa il materiale sotto la superficie circostante, controllando quanto velocemente o lentamente il sensore-spia riscaldi il terreno circostante. Un principio noto per la misurazione della conducibilità termica del terreno”.

 
Video
Scienza
Cosa succede quando si é vicini alla morte'>La luce, l'anima e l'incontro con i propri cari
Cosa succede quando si é vicini alla morte
La luce, lCosa succede quando si é vicini alla morte' class='article_img2'>
Ricercatori danesi hanno presentato uno studio condotto su persone che sono state prossime, o credevano di esserlo, alla morte. I risultati dell'indagine nel congresso dell'Accademia Europea di Neurologia
Nel cuore del bosco la 'fattoria dei morti'
Nel cuore del bosco la
Gli studiosi dell'Università del Sud della Florida studiano i cicli della decomposizione dei cadaveri in uno spazio verde protetto. Avvoltoi, mammiferi e insetti "trasformano" i corpi immersi nella vegetazione
Mistero sulla Luna
Mistero sulla Luna
Un enorme ammasso ferroso sotterraneo che si estende per circa 300 km individuato da alcuni scienziati. Per gli esperti si tratterebbe dei residui di un asteroide o di un’eruzione vulcanica, ma c’è già chi ci vede una base aliena
Il dramma delle malattie rare
Il dramma delle malattie rare
Sono una decina di milioni in Europa le persone colpite da patologie rare, alcune mortali. Chi non può usare l’acqua, chi invecchia precocemente, chi vede crescere a dismisura i muscoli: fino al caso unico delle gemelle Fields
Un dente di Neanderthal contro il razzismo
Un dente di Neanderthal contro il razzismo
Un piccolo reperto archeologico scoperto in un’area sui Balcani potrebbe permetterci di capire di più sui rapporti tra uomini di razze diverse. Cambiando l'idea secondo cui i Sapiens erano migliori delle etnie che invadevano
L’ultima verità su Lady Diana
L’ultima verità su Lady Diana
Richard Shephered, il patologo forense che si occupò dell’indagine sulla morte della principessa, racconta in un libro che la principessa avrebbe potuto salvarsi. I ricordi un mestiere difficile, con oltre 23mila casi esaminati
A che ora è la fine dell’universo?
A che ora è la fine dell’universo?
Le ultime teorie degli astrofisici hanno spostato in avanti il momento in cui lo spazio cesserà di esistere. Ma con ogni probabilità sul nostro piccolo pianeta sarà già finito tutto miliardi di anni prima
Un meteorite ha sfiorato la Terra
Un meteorite ha sfiorato la Terra
Lo ha rivelato la Nasa: un frammento largo parecchi metri è esploso lo scorso dicembre a contatto con l’atmosfera, e i resti sono precipitati nel mare di Bering. Le nuove tecnologie per monitorare lo spazio
Il numero che fa girare il mondo
Il numero che fa girare il mondo
Il 14 marzo si festeggia la giornata del P (pi greco) sicuramente il numero - infinito - più famoso e conosciuto al mondo. Al momento i matematici hanno calcolato i suoi primi 9 mila miliardi di decimali
Zuckenberg VS Parkinson
Zuckenberg VS Parkinson
Il Ceo di Facebook e sua moglie Priscilla hanno finanziato con 5 miliardi di dollari il “Ward”, un device cerebrale esterno in grado di correggere i movimenti attraverso scariche elettriche