Luna, un mare di rifiuti

| Insieme alle celebrazioni per i 50 anni dello sbarco, riemerge il problema di migliaia di detriti abbandonati nello spazio. L’anno prossimo una spedizione tenterà di riportare qualcosa sulla Terra che possa servire agli scienziati

+ Miei preferiti
Almeno stavolta, la sindaca di Roma Virginia Raggi non c’entra, ma è una magra consolazione. Il problema, su cui da anni si discute senza trovare una soluzione, è la spazzatura lasciata nello spazio da 55 anni di missioni. Non si tratta di cannucce, piatti di carta e buste di plastica, ma di circa 19mila detriti a volte minuscoli come una moneta da due euro e altri grandi come un Tir, che fluttuano a 650 km di altezza.



A margine delle celebrazioni per i 50 anni dello sbarco sulla Luna, il problema è riemerso con forza sulla pagine di “Business Insider”, che al netto delle sei visite – per un totale di 16 giorni - è riuscita a calcolare sulla superficie lunare 70 veicoli, 5 bandiere americane, 2 palline di tennis, 12 paia di scarpe, attrezzatura fotografica, zaini, giornali, medaglie e statuette, a cui aggiungere 96 sacche di feci, urine e vomito: tutto in attesa di smaltimento. Roba dimenticata, abbandonata non per incuria ma per precisi calcoli di peso, che sono tornati di attualità quando Trump ha chiesto alla Nasa di tornare sulla Luna e colonizzare Marte. Il punto di partenza per capire le strategie e i limiti della sopravvivenza nello spazio è proprio la possibilità di raccogliere e studiare quei rifiuti, in particolare quelli umani, composti da batteri che non dovrebbero aver inquinato la Luna, priva di atmosfera e ozono ed esposta ai raggi magnetici.

Dare una spazzata alla Luna sarà uno degli obiettivi della spedizione prevista per il 2020, un po’ per liberare il satellite da 50 anni di rifiuti mai raccolti, e un altro per permettere agli scienziati di studiare gli effetti dello spazio sugli organismi umani. 

Ma il problema resta, come da tempo fa notare il “National Research Council”, che tempo ha inviato un report alla Nasa sulla massa incontrollata di scarti e rifiuti che fluttuano oltre le nostre teste. A dare una risposta ci aveva pensato la “Darpa”, l’agenzia di ricerca del Pentagono, che suggeriva soluzioni tecnologiche per raccogliere i detriti.

Galleria fotografica
Luna, un mare di rifiuti - immagine 1
Scienza
Ci sono almeno 36 civiltà nella nostra galassia
Ci sono almeno 36 civiltà nella nostra galassia
Uno studio dell’università di Nottingham non esclude la possibilità che almeno 36 civiltà extraterrestri stiano tentando di comunicare con noi. Ma le tecnologie attuali richiedono migliaia di anni prima di ottenere una risposta
I cacciatori di virus
I cacciatori di virus
Squadre di virologi setacciano le caverne abitate dai pipistrelli a caccia di ceppi virali sconosciuti. Il Covid-19 era già stato individuato nel 2013, ma nel frattempo ha trovato un ospite che l’ha passato all’uomo
Il mistero del paziente zero
Il mistero del paziente zero
In Italia si tenta di individuare il responsabile dei due ceppi, in Veneto e Lombardia, e lo stesso cercano di fare i medici in Cina, per scoprire da chi è partita l’epidemia che ha travolto Wuhan. Ma storicamente, non è una ricerca facile
Segnali dallo spazio
Segnali dallo spazio
Gli scienziati stanno cercando di dare una risposta ad un fenomeno misterioso: dei potenti segnali radio provenienti dallo spazio più remoto che si ripetono ogni 16 giorni, seguendo uno schema fisso
Molto di nuovo sotto il sole
Molto di nuovo sotto il sole
La nuova missione “Solar Orbiter”, in collaborazione fra la Nasa e l’Esa europea, darà uno sguardo senza precedenti alla nostra stella
I misteriosi ronzii sentiti in tutto il mondo
I misteriosi ronzii sentiti in tutto il mondo
Sono andati avanti per mesi, preoccupando gli esperti. Una commissione è riuscita a stabilirne la causa: la formazione di un enorme vulcano sottomarino nell’arcipelago delle Mayotte, fra Madagascar e Mozambico
A new planet
A new planet
Si chiama TOI 700 d ed è il primo pianeta potenzialmente abitabile scoperto dalla missione della Nasa “TESS”: si trova a 100 anni luce dalla Terra
Eleni Antoniadou, il genio fasullo
Eleni Antoniadou, il genio fasullo
Il curriculum ne faceva una delle giovani donne più brillanti di sempre, un vero genio della bioingegneria che era piaciuta alla Nasa e alla Mattel, che sua volta aveva deciso di dedicare a suo nome una delle Barbie eroine
I batteri dell’Atacama,
una speranza per le malattie
I batteri dell’Atacama,<br>una speranza per le malattie
Un team scientifico ha isolato 46 molecole da batteri particolarmente resistenti: potrebbero aprire la strada alla nascita di nuovi farmaci, sempre più efficaci contro malattie e infezioni
Gli scienziati creano un embrione uomo-scimmia
Gli scienziati creano un embrione uomo-scimmia
Il team è arrivato a creare embrione chimera, ma l’esperimento è stato fermato: l’obiettivo creare un bacino di organi trapiantabili. Lo scetticismo della comunità scientifica internazionale