Il rosso mistero di Ultima Thule

| La sonda New Horizons, lanciata nel 2006, si avvicinerà il 1 gennaio a soli 3.550 km dal pianeta più lontano dalla terra, Ultima Thule, di cui si sa pochissimo: solo il colore rosso e le dimensioni. Immagini visibili entro poche ore

+ Miei preferiti
La Nasa vuole conquistare Ultima Thule, la parte più lontana dell'universo che l'umanità possa mai esplorare. Il giorno di Capodanno, la sonda interplanetaria New Horizons passerà a sole 2.200 miglia dall'oggetto che è un miliardo di miglia più lontano da Plutone, il pianeta nano nella fascia di Kuiper, a quattro miliardi di miglia da noi. Ci vorranno due anni per inviare tutti i dati sull'oggetto ufficialmente conosciuto dal 2014 come MU69 ma soprannominato Ultima Thule, una frase latina che significa "oltre i confini del mondo conosciuto".
Alan Stern, il ricercatore principale della missione ha riferito che il 15 dicembre, il team ha stabilito che non c'erano anelli o lune nel percorso di New Horizons: "Ho informato la NASA che stiamo 'andando' ad Ultima Thule, seguendo la traiettoria migliore", ha scritto sul sito web della NASA. "Come risultato, New Horizons si avvicinerà a 3.500 chilometri (circa 2.200 miglia) all'inizio del giorno di Capodanno. Non c'è più alcuna possibilità di deviare verso una distanza di volo più lontana con immagini a bassa risoluzione". Ha aggiunto: "Cosa rivelerà Ultima? Nessuno lo sa. Per me, questa è la cosa più emozionante: l'esplorazione pura e la scienza fondamentale".
La NASA ha lanciato New Horizons nel 2006: ha le dimensioni di un pianoforte a coda per bambini e superato Plutone nel 2015, fornendo le prime immagini ravvicinate del pianeta nano. Per quanto distante, Plutone si trova a malapena nella cintura di Kuiper, la cosiddetta "zona crepuscolare" che si estende oltre Nettuno. A parte la distanza, non si sa molto di Ultima Thule: è stato solo nel 2014 che Marc Buie, uno dei creatori di New Horizons del Southwest Research Institute di Boulder, Colorado, ha scoperto Ultima usando il telescopio spaziale Hubble.  Nel 2016, i ricercatori hanno stabilito che è rossa. L'anno successivo, i telescopi Nasa ne hanno tracciato le dimensioni - circa 20 miglia di larghezza - e la forma irregolare, individuata quando è passata davanti a una stella, un evento chiamato "occultazione stellare".
Stern ha detto che la sonda - alle 12:33 del 1° gennaio - fornirà un'enorme quantità di informazioni. "New Horizons mapperà Ultima e la sua composizione superficiale, determinerà quante lune ha e scoprirà se è circondata da anelli o addirittura un'atmosfera, misurerà la temperatura e forse anche la sua massa. Nell'arco di un periodo di 72 ore, Ultima si trasformerà da un puntino di luce perso in lontananza, in un mondo visibile nei dettagli. Ci aspettiamo di avere un'immagine di quasi 10.000 pixel entro la notte, già visibile il 2 gennaio".
 
Scienza
Gli scienziati creano un embrione uomo-scimmia
Gli scienziati creano un embrione uomo-scimmia
Il team è arrivato a creare embrione chimera, ma l’esperimento è stato fermato: l’obiettivo creare un bacino di organi trapiantabili. Lo scetticismo della comunità scientifica internazionale
La Nasa scopre un pianeta abitabile
La Nasa scopre un pianeta abitabile
Il telescopio Tess ne ha individuati tre, ma il più grande potrebbe presentare le condizioni sufficienti per garantire la vita umana
Doug Lindsay, l’uomo che si è curato da solo
Doug Lindsay, l’uomo che si è curato da solo
Era un giovane universitario quando un male misterioso lo colpisce costringendolo a letto per gli 11 anni successivi. Quando si rende conto di essere affetto da una malattia rara, si è messo a studiare trovando una cura
Cosa succede quando si é vicini alla morte'>La luce, l'anima e l'incontro con i propri cari
Cosa succede quando si é vicini alla morte
La luce, lCosa succede quando si é vicini alla morte' class='article_img2'>
Ricercatori danesi hanno presentato uno studio condotto su persone che sono state prossime, o credevano di esserlo, alla morte. I risultati dell'indagine nel congresso dell'Accademia Europea di Neurologia
Nel cuore del bosco la 'fattoria dei morti'
Nel cuore del bosco la
Gli studiosi dell'Università del Sud della Florida studiano i cicli della decomposizione dei cadaveri in uno spazio verde protetto. Avvoltoi, mammiferi e insetti "trasformano" i corpi immersi nella vegetazione
Mistero sulla Luna
Mistero sulla Luna
Un enorme ammasso ferroso sotterraneo che si estende per circa 300 km individuato da alcuni scienziati. Per gli esperti si tratterebbe dei residui di un asteroide o di un’eruzione vulcanica, ma c’è già chi ci vede una base aliena
Il dramma delle malattie rare
Il dramma delle malattie rare
Sono una decina di milioni in Europa le persone colpite da patologie rare, alcune mortali. Chi non può usare l’acqua, chi invecchia precocemente, chi vede crescere a dismisura i muscoli: fino al caso unico delle gemelle Fields
Un dente di Neanderthal contro il razzismo
Un dente di Neanderthal contro il razzismo
Un piccolo reperto archeologico scoperto in un’area sui Balcani potrebbe permetterci di capire di più sui rapporti tra uomini di razze diverse. Cambiando l'idea secondo cui i Sapiens erano migliori delle etnie che invadevano
L’ultima verità su Lady Diana
L’ultima verità su Lady Diana
Richard Shephered, il patologo forense che si occupò dell’indagine sulla morte della principessa, racconta in un libro che la principessa avrebbe potuto salvarsi. I ricordi un mestiere difficile, con oltre 23mila casi esaminati
A che ora è la fine dell’universo?
A che ora è la fine dell’universo?
Le ultime teorie degli astrofisici hanno spostato in avanti il momento in cui lo spazio cesserà di esistere. Ma con ogni probabilità sul nostro piccolo pianeta sarà già finito tutto miliardi di anni prima