Un meteorite ha sfiorato la Terra

| Lo ha rivelato la Nasa: un frammento largo parecchi metri è esploso lo scorso dicembre a contatto con l’atmosfera, e i resti sono precipitati nel mare di Bering. Le nuove tecnologie per monitorare lo spazio

+ Miei preferiti
La Nasa ha rivelato che lo scorso dicembre, un’enorme palla di fuoco è esplosa entrando a contatto con l’atmosfera terrestre, la seconda più grande in 30 anni avvenuta dopo quella di sei anni fa sul cielo di Chelyabinsk, in Russia. Ma il fenomeno è passato in gran parte inosservato perché l’esplosione è avvenuta sul Mare di Bering, al largo della penisola russa di Kamchatka.

La roccia spaziale è deflagrata con un’energia 10 volte superiore a quella rilasciata dalla bomba atomica di Hiroshima. Lindley Johnson, ufficiale della difesa planetaria della Nasa, ha riferito che una palla di fuoco così grande non si verifica più due o tre volte ogni 100 anni.

Il fenomeno si è verificato verso mezzogiorno del 18 dicembre, quando un asteroide ha attraversato l’atmosfera ad una velocità di 32 km al secondo su una traiettoria di sette gradi. Avendo una dimensione di diversi metri, la roccia spaziale è esplosa 25,6 km sopra la superficie terrestre, con un’energia di impatto di 173 kilotons.

“Era il 40% di quella rilasciata a Chelyabinsk, ma è avvenuta sopra il Mare di Bering, quindi non ha avuto lo stesso tipo di effetto o non è apparsa nelle notizie”, ha confermato Kelly Fast, Earth objects observations programme manager della Nasa. “Questa è un’altra cosa che abbiamo a nostra difesa: sul nostro pianeta c’è acqua in abbondanza”.

L’ente spaziale americano ha riferito che la palla di fuoco ha attraversato un’area non troppo lontana dalle rotte utilizzate dagli aerei commerciali che volano tra il Nord America e l’Asia: gli scienziati hanno verificato con le compagnie aeree se ci fossero stati avvistamenti, ma la risposta è stata negativa. Nel 2005, il Congresso ha incaricato la NASA di individuare entro il 2020 il 90% degli asteroidi vicini alla Terra a partire da quelli che misurano 140 metri o più, ma gli scienziati stimano che ci vorranno altri 30 anni per soddisfare la direttiva del Congresso.

Una volta identificato un oggetto in arrivo, la NASA è in grado di calcolare dove avverrà l’impatto sulla Terra, sulla base di una precisa determinazione della sua orbita.

Nel giugno 2018, il piccolo asteroide 3 metri è stato individuato da un osservatorio in Arizona otto ore prima dell’impatto. Il Center for “Near-Earth Object Studies” presso il “Jet Propulsion Laboratory” (JPL) della Nasa ha poi effettuato una determinazione precisa della sua orbita, che è stata utilizzata per calcolare una probabile posizione di impatto. Questo ha dimostrato che la roccia poteva colpire l’Africa del sud. Poche ore dopo, una palla di fuoco è stata registrata sopra i cieli del Botswana da una telecamera di sicurezza di una fattoria. Frammenti dell’oggetto spaziale sono stati successivamente trovati nella zona.

Ma evento più recente dimostra che oggetti più grandi possono entrare in collisione con la Terra senza preavviso, sottolineando la necessità di rafforzare il monitoraggio. Attualmente è in fase di un potente telescopio chiamato “NeoCam”, destinato ad essere lanciato in un punto di equilibrio gravitazionale nello spazio, dove scoprirebbe e caratterizzerebbe asteroidi potenzialmente pericolosi di dimensioni superiori ai 140 metri. Ma se la missione non sarà autorizzata, le proiezioni suggeriscono che “serviranno molti decenni per arrivarci con le tecnologie di analisi attualmente esistenti”.

Scienza
Cosa succede quando si é vicini alla morte'>La luce, l'anima e l'incontro con i propri cari
Cosa succede quando si é vicini alla morte
La luce, lCosa succede quando si é vicini alla morte' class='article_img2'>
Ricercatori danesi hanno presentato uno studio condotto su persone che sono state prossime, o credevano di esserlo, alla morte. I risultati dell'indagine nel congresso dell'Accademia Europea di Neurologia
Nel cuore del bosco la 'fattoria dei morti'
Nel cuore del bosco la
Gli studiosi dell'Università del Sud della Florida studiano i cicli della decomposizione dei cadaveri in uno spazio verde protetto. Avvoltoi, mammiferi e insetti "trasformano" i corpi immersi nella vegetazione
Mistero sulla Luna
Mistero sulla Luna
Un enorme ammasso ferroso sotterraneo che si estende per circa 300 km individuato da alcuni scienziati. Per gli esperti si tratterebbe dei residui di un asteroide o di un’eruzione vulcanica, ma c’è già chi ci vede una base aliena
Il dramma delle malattie rare
Il dramma delle malattie rare
Sono una decina di milioni in Europa le persone colpite da patologie rare, alcune mortali. Chi non può usare l’acqua, chi invecchia precocemente, chi vede crescere a dismisura i muscoli: fino al caso unico delle gemelle Fields
Un dente di Neanderthal contro il razzismo
Un dente di Neanderthal contro il razzismo
Un piccolo reperto archeologico scoperto in un’area sui Balcani potrebbe permetterci di capire di più sui rapporti tra uomini di razze diverse. Cambiando l'idea secondo cui i Sapiens erano migliori delle etnie che invadevano
L’ultima verità su Lady Diana
L’ultima verità su Lady Diana
Richard Shephered, il patologo forense che si occupò dell’indagine sulla morte della principessa, racconta in un libro che la principessa avrebbe potuto salvarsi. I ricordi un mestiere difficile, con oltre 23mila casi esaminati
A che ora è la fine dell’universo?
A che ora è la fine dell’universo?
Le ultime teorie degli astrofisici hanno spostato in avanti il momento in cui lo spazio cesserà di esistere. Ma con ogni probabilità sul nostro piccolo pianeta sarà già finito tutto miliardi di anni prima
Il numero che fa girare il mondo
Il numero che fa girare il mondo
Il 14 marzo si festeggia la giornata del P (pi greco) sicuramente il numero - infinito - più famoso e conosciuto al mondo. Al momento i matematici hanno calcolato i suoi primi 9 mila miliardi di decimali
Zuckenberg VS Parkinson
Zuckenberg VS Parkinson
Il Ceo di Facebook e sua moglie Priscilla hanno finanziato con 5 miliardi di dollari il “Ward”, un device cerebrale esterno in grado di correggere i movimenti attraverso scariche elettriche
Il rosso mistero di Ultima Thule
Il rosso mistero di Ultima Thule
La sonda New Horizons, lanciata nel 2006, si avvicinerà il 1 gennaio a soli 3.550 km dal pianeta più lontano dalla terra, Ultima Thule, di cui si sa pochissimo: solo il colore rosso e le dimensioni. Immagini visibili entro poche ore