Zuckenberg VS Parkinson

| Il Ceo di Facebook e sua moglie Priscilla hanno finanziato con 5 miliardi di dollari il “Ward”, un device cerebrale esterno in grado di correggere i movimenti attraverso scariche elettriche

+ Miei preferiti
Probabilmente, Mark Zuckenberg non vuole passare alla storia come l’uomo che inventò il mondo di condividere foto di gattini e pettegolezzi, ma per qualcosa di più serio. O forse, da buon uomo d’affari sempre in cerca di nuovi spunti per fare soldi, cerca solo di arrivare per primo.

Ma a 35 anni, da tempo incluso nella lista degli uomini più ricchi e potenti del mondo, Mark ha pensato insieme a sua moglie Priscilla Chan, di curare il pianeta. Va detto: gli Zuckenberg hanno sempre aiutato il prossimo. Nel 2013 donano un miliardo di dollari in beneficenza, due anni dopo fa ancora di più, regalando 45 miliardi, la prima parte del 99% del valore delle azioni di “Facebook”, e 500mila euro alla Croce Rossa Italiana per il sisma che ha devastato il centro Italia nel 2016.

Ma questa volta, Mark e Priscilla vogliono fare ancora di più: hanno venduto 29 milioni di azioni di “Facebook”, la loro creatura più redditizia, per finanziare con cinque miliardi di dollari “Wand”, un ambizioso progetto di ricerca biomedica che sta studiando un dispositivo in grado di trasformare i pensieri in comandi.

Finanziato attraverso la “CZI” (Chan Zuckenberg Initiative) e il “Darpa”, il dipartimento scientifico del Dipartimento della difesa americano e realizzato con la collaborazione della start-up “Cortera”, il progetto è stato descritto sulla rivista “Nature Biomedical Engineering” come un dispositivo cerebrale wi-fi governato da un algoritmo in grado di registrare, stimolare e addirittura modificare le attività di 128 punti del cervello, influenzandoli attraverso delle scariche. Lo scopo: trattare e sconfiggere malattie neurodegenerative come il Parkinson, l’Alzheimer, l’epilessia e i traumi della spina dorsale.

Wand sarebbe già stato testato su una scimmia, permettendo al team di medici e scienziati di modificare i movimenti: il primate doveva seguire un puntino sullo schermo manovrando un joystick e Wand è stato in grado di capire in anticipo movimenti che avrebbe fatto la scimmia modificandoli attraverso una scarica elettrica.

“Una sorta di pacemaker cerebrale che nel giro di una decina d’anni potrebbe realmente diventare rivoluzionario nel campo delle neuroscienze, perché lascia libero il soggetto di muoversi e capisce da solo quando e come modificare i modificare i movimenti”, ha assicurato Rikky Muller, ricercatrice a Berkeley e tra i soci fondatori del progetto.

Scienza
Gli scienziati creano un embrione uomo-scimmia
Gli scienziati creano un embrione uomo-scimmia
Il team è arrivato a creare embrione chimera, ma l’esperimento è stato fermato: l’obiettivo creare un bacino di organi trapiantabili. Lo scetticismo della comunità scientifica internazionale
La Nasa scopre un pianeta abitabile
La Nasa scopre un pianeta abitabile
Il telescopio Tess ne ha individuati tre, ma il più grande potrebbe presentare le condizioni sufficienti per garantire la vita umana
Doug Lindsay, l’uomo che si è curato da solo
Doug Lindsay, l’uomo che si è curato da solo
Era un giovane universitario quando un male misterioso lo colpisce costringendolo a letto per gli 11 anni successivi. Quando si rende conto di essere affetto da una malattia rara, si è messo a studiare trovando una cura
Cosa succede quando si é vicini alla morte'>La luce, l'anima e l'incontro con i propri cari
Cosa succede quando si é vicini alla morte
La luce, lCosa succede quando si é vicini alla morte' class='article_img2'>
Ricercatori danesi hanno presentato uno studio condotto su persone che sono state prossime, o credevano di esserlo, alla morte. I risultati dell'indagine nel congresso dell'Accademia Europea di Neurologia
Nel cuore del bosco la 'fattoria dei morti'
Nel cuore del bosco la
Gli studiosi dell'Università del Sud della Florida studiano i cicli della decomposizione dei cadaveri in uno spazio verde protetto. Avvoltoi, mammiferi e insetti "trasformano" i corpi immersi nella vegetazione
Mistero sulla Luna
Mistero sulla Luna
Un enorme ammasso ferroso sotterraneo che si estende per circa 300 km individuato da alcuni scienziati. Per gli esperti si tratterebbe dei residui di un asteroide o di un’eruzione vulcanica, ma c’è già chi ci vede una base aliena
Il dramma delle malattie rare
Il dramma delle malattie rare
Sono una decina di milioni in Europa le persone colpite da patologie rare, alcune mortali. Chi non può usare l’acqua, chi invecchia precocemente, chi vede crescere a dismisura i muscoli: fino al caso unico delle gemelle Fields
Un dente di Neanderthal contro il razzismo
Un dente di Neanderthal contro il razzismo
Un piccolo reperto archeologico scoperto in un’area sui Balcani potrebbe permetterci di capire di più sui rapporti tra uomini di razze diverse. Cambiando l'idea secondo cui i Sapiens erano migliori delle etnie che invadevano
L’ultima verità su Lady Diana
L’ultima verità su Lady Diana
Richard Shephered, il patologo forense che si occupò dell’indagine sulla morte della principessa, racconta in un libro che la principessa avrebbe potuto salvarsi. I ricordi un mestiere difficile, con oltre 23mila casi esaminati
A che ora è la fine dell’universo?
A che ora è la fine dell’universo?
Le ultime teorie degli astrofisici hanno spostato in avanti il momento in cui lo spazio cesserà di esistere. Ma con ogni probabilità sul nostro piccolo pianeta sarà già finito tutto miliardi di anni prima