Facebook paga una multa per il caso Cambridge Analytica

| La piattaforma di Mark Zuckerberg chiude la battaglia con le autorità inglesi cavandosela con 645mila dollari di sanzione. “Da allora sono cambiate molte cose e molte altre ancora cambieranno per garantire privacy e sicurezza ”

+ Miei preferiti
La battaglia tra Facebook e l’autorità di regolamentazione dei dati del governo britannico sul caso “Cambridge Analytica” si è conclusa. Il colosso dei social ha accettato di pagare la sanzione di 500.000 sterline (645.000 dollari) imposta dall’UK Information Commissioner’s Office, che accusa l’azienda di non aver salvaguardato i dati sensibili degli utenti raccolti dalla società di consulenza politica fondata dall’ex stratega di Donald Trump Steve Bannon e da Robert Mercer. Tuttavia, Facebook non ammette alcuna responsabilità diretta.

L’accordo è stato raggiunto in queste ore, dopo che Facebook e il suo creatore, Mark Zuckerberg, hanno dovuto affrontare una spinosa inchiesta, scaturita quando Cambridge Analytica ha ottenuto i dati personali di ben 87 milioni di utenti del social più seguito. Facebook otterrà anche l’accesso ai documenti ottenuti dal governo britannico da Cambridge Analytica, che l’azienda utilizzerà per un’indagine interna.

In una dichiarazione, Harry Kinmonth, legale della piattaforma di Menlo Park, ha riferito che dopo lo scandalo, l’azienda ha apportato “grandi cambiamenti: proteggere le informazioni e la privacy dei suoi utenti è una priorità assoluta, e continuiamo a istituire nuovi controlli sempre più serrati per aiutare le persone a proteggere e gestire le loro informazioni private”..

James Dipple-Johnstone, Commissario delegato dell’ICO, , si è detto soddisfatto del risultato: “Siamo lieti di sentire che Facebook ha adottato e continuerà ad adottare misure significative per rispettare i principi fondamentali della protezione dei dati. È il principio fondamentale di ogni democrazia”.

Social
Facebook Pay, un like anche per pagare
Facebook Pay, un like anche per pagare
L’annuncio di Menlo Park certifica l’interesse dei colossi informatici verso i pagamenti elettronici. Quasi tutti sono al lavoro sulle loro idee
Zuckerberg contro la senatrice Warren
Zuckerberg contro la senatrice Warren
In una conversazione che doveva restare privata, il creatore di Facebook si dice certo che, in caso di vittoria alle presidenziali, Elizabeth Warren sarebbe “una rogna enorme”
Mark & Donald
Mark & Donald
“Costruttivo e disteso”, è stato definito l’incontro fra il fondatore di Facebook ed il presidente americano. Una fitta agenda di incontri per rasserenare la politica americana, ancora scottata dal caso Cambridge Analityca
Facebook, allarme Sarin
Facebook, allarme Sarin
Un pacco segnalato dai sistemi come positivo al gas nervino negli uffici postali del quartier generale del colosso californiano. Evacuati quattro edifici, polizia al lavoro
Moderatore dei social: l'anticamera dell'inferno
Moderatore dei social: l
Sono diverse migliaia di persone, costrette per ore a vedere immagini raccapriccianti che dovrebbero bloccare e segnalare. Molti di loro resistino pochi mesi, portandosi dietro danni psicofisici molto seri. E qualcuno è anche morto
Tutti i guai di Zuckerberg
Tutti i guai di Zuckerberg
In un fake video che circola in rete gli fanno dire di avere il controllo dei dati segreti di miliardi di persone. Ma il Wall Street Journal fa perfino peggio, pubblicando email che il disinteresse per la privacy
Facebook oscura 23 profili in Italia
Facebook oscura 23 profili in Italia
Utilizzando nomi fittizi, diffondevano fake news divisive e pericolose su vaccini, migranti e antisemitismo. Il colosso di Menlo Park ha annunciato di tenere alta l’attenzione in occasione delle elezioni europee
Donne contro altre donne, tutte contro Chiara
Donne contro altre donne, tutte contro Chiara
I social scatenati contro la donna che secondo gli inquirenti avrebbe assassinato Stefania Crotti, ex moglie del suo amante Stefano del Bello
Six4Three, la nuova grana di Facebook
Six4Three, la nuova grana di Facebook
Un’azienda esterna di sviluppatori ha citato in giudizio il social: sulla vicenda sono piombati i media, che hanno chiesto di poter divulgare un fascicolo considerato “imbarazzante” per Facebook
Jennifer da record su Instagram
Jennifer da record su Instagram
La Aniston debutta sul social e le basta un post per fare il giro del mondo e conquistare milioni di follower