Zuckerberg contro la senatrice Warren

| In una conversazione che doveva restare privata, il creatore di Facebook si dice certo che, in caso di vittoria alle presidenziali, Elizabeth Warren sarebbe “una rogna enorme”

+ Miei preferiti
Doveva essere una chiacchierata fra i collaboratori più stretti, ma per Mark Zuckerberg si è trasformata in una nuova tegola a pendere pericolosamente sulla sua testa, e soprattutto su quella di “Facebook”, la sua creatura più celebre.

Zuckerberg, lasciandosi andare a commenti politici sulla corsa alle presidenziali del 2020, stigmatizzava la figura di Elizabeth Warren, una delle candidate Dem più accreditate per dare l’assalto alla roccaforte trumpiana. “Per noi sarebbe una rogna enorme”, si sente nell’audio che qualcuno dei presenti ha registrato di nascosto, malgrado fosse vietato. Un audio risalente al luglio scorso, della durata di due ore, diffuso dal sito “The Verge”, che sta scatenando il putiferio. “Sarebbe una minaccia alla nostra sopravvivenza. È convinta che si debba fare lo spezzatino delle aziende: sono pronto a scommettere che se fosse eletta avremo una causa legale, e che la vinceremo”. Il riferimento è ad un post dello scorso marzo, quando la Warren si era dichiarata convinta della necessità di una legge per spacchettare i colossi tecnologici ed evitare concentrazioni di potere, un po’ come era stato fatto per Standard Oli, JPMorgan e AT&T, divise in società più piccole per non minacciare il mercato e azzerare il diritto di concorrenza. “Facebook, Amazon e Google hanno un enorme potere sulla nostra economia e sulla nostra democrazia, li usiamo tutti. Ma nella loro ascesa al potere hanno demolito la concorrenza e usato le nostre informazioni private a scopo di lucro”.

La risposta di Elizabeth Warren non si è fatta attendere: “La vera rogna sarebbe non sistemare un sistema corrotto che permette ai giganti tecnologici come Facebook di attuare pratiche competitive illegali, calpestare i diritti alla privacy ed eludere ripetutamente le loro responsabilità”. Parole che lasciano intuire dei brutti quarti d’ora per Zuckerberg, se mai la senatrice vincesse la sfida che porta alla Casa Bianca.

Elizabeth Warren, 69 anni, senatrice per il Massachusetts, si è scontrata molte volte con Trump, da lei definito un “bullo razzista e un ometto arraffa-soldi”. Ricevendo in cambio il soprannome “Pocahontas” per le lontane origini pellirosse della famiglia.

Social
Facebook Pay, un like anche per pagare
Facebook Pay, un like anche per pagare
L’annuncio di Menlo Park certifica l’interesse dei colossi informatici verso i pagamenti elettronici. Quasi tutti sono al lavoro sulle loro idee
Facebook paga una multa per il caso Cambridge Analytica
Facebook paga una multa per il caso Cambridge Analytica
La piattaforma di Mark Zuckerberg chiude la battaglia con le autorità inglesi cavandosela con 645mila dollari di sanzione. “Da allora sono cambiate molte cose e molte altre ancora cambieranno per garantire privacy e sicurezza ”
Mark & Donald
Mark & Donald
“Costruttivo e disteso”, è stato definito l’incontro fra il fondatore di Facebook ed il presidente americano. Una fitta agenda di incontri per rasserenare la politica americana, ancora scottata dal caso Cambridge Analityca
Facebook, allarme Sarin
Facebook, allarme Sarin
Un pacco segnalato dai sistemi come positivo al gas nervino negli uffici postali del quartier generale del colosso californiano. Evacuati quattro edifici, polizia al lavoro
Moderatore dei social: l'anticamera dell'inferno
Moderatore dei social: l
Sono diverse migliaia di persone, costrette per ore a vedere immagini raccapriccianti che dovrebbero bloccare e segnalare. Molti di loro resistino pochi mesi, portandosi dietro danni psicofisici molto seri. E qualcuno è anche morto
Tutti i guai di Zuckerberg
Tutti i guai di Zuckerberg
In un fake video che circola in rete gli fanno dire di avere il controllo dei dati segreti di miliardi di persone. Ma il Wall Street Journal fa perfino peggio, pubblicando email che il disinteresse per la privacy
Facebook oscura 23 profili in Italia
Facebook oscura 23 profili in Italia
Utilizzando nomi fittizi, diffondevano fake news divisive e pericolose su vaccini, migranti e antisemitismo. Il colosso di Menlo Park ha annunciato di tenere alta l’attenzione in occasione delle elezioni europee
Donne contro altre donne, tutte contro Chiara
Donne contro altre donne, tutte contro Chiara
I social scatenati contro la donna che secondo gli inquirenti avrebbe assassinato Stefania Crotti, ex moglie del suo amante Stefano del Bello
Six4Three, la nuova grana di Facebook
Six4Three, la nuova grana di Facebook
Un’azienda esterna di sviluppatori ha citato in giudizio il social: sulla vicenda sono piombati i media, che hanno chiesto di poter divulgare un fascicolo considerato “imbarazzante” per Facebook
Jennifer da record su Instagram
Jennifer da record su Instagram
La Aniston debutta sul social e le basta un post per fare il giro del mondo e conquistare milioni di follower