Bye bye bamboline

| La sede LumiDolls di Torino, il bordello delle bambole hot, chiude i battenti. Fra i motivi la necessità di prenotarsi solo dopo aver lasciato un documento

+ Miei preferiti
Quando le bambole hot erano arrivate a Torino, tutto faceva pensare ad un successo e soprattutto un futuro roseo: migliaia di prenotazioni da tutt’Italia di gente che voleva provare, almeno una volta, l’ebrezza di fare sesso con una bambola. Non erano mancate nemmeno le polemiche e le proteste, e dal popolare quartiere di Mirafiori, le bambole erano state trasferite in Borgo Vittoria. Poi si erano messi di mezzo l’Asl, i Vigili Urbani e un fermo amministrativo per un locale registrato ufficialmente come “affittacamere” e in realtà un bordello, 60 anni dopo la legge Merlin.

Nel dicembre scorso la riapertura, ma non è bastato: il tecno-bordello della “LumiDolls” chiude i battenti. I motivi dell’abbandono pare siano molti, a cominciare dalle procedure di prenotazione che con un cambio di rotta erano arrivate a prevedere la registrazione online con tanto di documento. Tracce fresche che chi ama questo genere di passatempi extraconiugali, in carne o in plastica che siano, in genere preferisce evitare. Poi anche i prezzi di Kate, Ilary, Molly, Alessandro ed Eva, questi nomi delle professioniste torinesi: 80 euro per 30 minuti, 100 per un’ora, 180 per due.

L’idea della prima succursale italiana della LumiDolls era stata di un gruppo di amici, che avevano giocato il jolly della fortuna investendo sogni e risparmi in un fenomeno che da altre parti del mondo andava come il vento. La curiosità aveva fatto il resto: prenotazioni per intere settimane, e bambole costrette a straordinari di cui però, non si lamentavano mai.

Galleria fotografica
Bye bye bamboline - immagine 1
Bye bye bamboline - immagine 2
Bye bye bamboline - immagine 3
Bye bye bamboline - immagine 4
Bye bye bamboline - immagine 5
Bye bye bamboline - immagine 6
Bye bye bamboline - immagine 7
Società
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
Razzismo e radicalismi sono parte di noi
È insito nella natura umana la presenza di odio e paure nei confronti degli altri e dei diversi, che tanti danni ha fatto alla nostra civiltà. L’arrivo della pandemia e i disastri ecologici potrebbero esacerbare xenofobia e nazionalismi
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
Rachel Slawson, la prima aspirante Miss USA bisex
In 68 anni di storia del concorso di bellezza più celebre d’America, la 25enne Miss Utah è stata ammessa alla finale malgrado la propria bisessualità. La sua è una battaglia per la comunità LGBT e per la lotta alla prevenzione dei suicidi
Un mondo fatto di diseguaglianze
Un mondo fatto di diseguaglianze
L’1% dei più ricchi al mondo possiede più del doppio della ricchezza di 6,9 miliardi di persone, ma non fa nulla per restituire la propria fortuna alla società in cui vive. L’Oxfam lancia l’allarme: è un mondo ingiusto
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
I ricchi vivono un decennio in più dei poveri
Sembra una battuta, invece è il risultato di un serissimo studio che mescola l’aspettativa di vita con la qualità dell’esistenza: chi ha disponibilità economiche, incontra più tardi i problemi dell’età
La parità di genere? Fra 100 anni
La parità di genere? Fra 100 anni
Secondo i risultati di uno studio, buona parte del mondo è ancora molto in ritardo sulla strada della parità sessuale e di genere. A parte i paesi nord europei, tutti gli altri hanno ancora molto lavoro da fare
UK: si separa la prima coppia di genitori gay
UK: si separa la prima coppia di genitori gay
Per essere considerati genitori anche sui documenti, Barrie Drewitt e Tony Barlow si erano battuti come leoni. Ma dopo 32 anni di matrimonio hanno deciso di separarsi, perché uno dei due si è innamorato del giovane ex fidanzato della figlia
Colorado: 5 anni di cannabis libera
Colorado: 5 anni di cannabis libera
Se le casse del primo Stato americano ad aver legalizzato la marijuana godono, non si può dire altrettanto per l’aumento degli incidenti stradali e dei casi di problemi mentali
Perché una donna non è proprietà
Perché una donna non è proprietà
Il “Progetto Alice”, ideato per le scuole secondarie di primo e secondo grado, ha come obiettivo educare le nuove generazioni a sentimenti che non si trasformino mai in violenza
Corea del Sud: i rehab per la smartphone-dipendenza
Corea del Sud: i rehab per la smartphone-dipendenza
Gli adolescenti sudcoreani sono fra i giovani più colpiti dalla sindrome da dipendenza che li rende apatici, distanti e isolati. Il governo ha creato per loro 400 campi di cura
Alessandra: suicida in Svizzera, ma era solo depressa
Alessandra: suicida in Svizzera, ma era solo depressa
La recente sentenza della Consulta "spegne" l'indagine di Catania sulla morte dell'insegnante morta a Zurigo. Ma i dubbi restano