Bye bye bamboline

| La sede LumiDolls di Torino, il bordello delle bambole hot, chiude i battenti. Fra i motivi la necessità di prenotarsi solo dopo aver lasciato un documento

+ Miei preferiti
Quando le bambole hot erano arrivate a Torino, tutto faceva pensare ad un successo e soprattutto un futuro roseo: migliaia di prenotazioni da tutt’Italia di gente che voleva provare, almeno una volta, l’ebrezza di fare sesso con una bambola. Non erano mancate nemmeno le polemiche e le proteste, e dal popolare quartiere di Mirafiori, le bambole erano state trasferite in Borgo Vittoria. Poi si erano messi di mezzo l’Asl, i Vigili Urbani e un fermo amministrativo per un locale registrato ufficialmente come “affittacamere” e in realtà un bordello, 60 anni dopo la legge Merlin.

Nel dicembre scorso la riapertura, ma non è bastato: il tecno-bordello della “LumiDolls” chiude i battenti. I motivi dell’abbandono pare siano molti, a cominciare dalle procedure di prenotazione che con un cambio di rotta erano arrivate a prevedere la registrazione online con tanto di documento. Tracce fresche che chi ama questo genere di passatempi extraconiugali, in carne o in plastica che siano, in genere preferisce evitare. Poi anche i prezzi di Kate, Ilary, Molly, Alessandro ed Eva, questi nomi delle professioniste torinesi: 80 euro per 30 minuti, 100 per un’ora, 180 per due.

L’idea della prima succursale italiana della LumiDolls era stata di un gruppo di amici, che avevano giocato il jolly della fortuna investendo sogni e risparmi in un fenomeno che da altre parti del mondo andava come il vento. La curiosità aveva fatto il resto: prenotazioni per intere settimane, e bambole costrette a straordinari di cui però, non si lamentavano mai.

Galleria fotografica
Bye bye bamboline - immagine 1
Bye bye bamboline - immagine 2
Bye bye bamboline - immagine 3
Bye bye bamboline - immagine 4
Bye bye bamboline - immagine 5
Bye bye bamboline - immagine 6
Bye bye bamboline - immagine 7
Società
Alessandra: suicida in Svizzera, ma era solo depressa
Alessandra: suicida in Svizzera, ma era solo depressa
La recente sentenza della Consulta "spegne" l'indagine di Catania sulla morte dell'insegnante morta a Zurigo. Ma i dubbi restano
Lettera di un un uomo che vuole morire con dignità ma nel nome del Signore
Lettera di un un uomo che vuole morire con dignità ma nel nome del Signore
Dopo la storica decisione della consulta, riprendono le polemiche sul vuoto legislativo di una politica che non sa decidere, stretta com'è da condizionamenti religiosi e dal timore di perdere consensi
"Adesso tutti liberi di scegliere il fine vita"
"Adesso tutti liberi di scegliere il fine vita"
Marco Cappato dopo la sentenza della corte costituzionale. L'associazione medici anestesisti cattolici (4mila iscritti) pronta ad appellarsi all'abiezione di coscienza contro i malati terminali decisi a porre fine alle proprie sofferenze
Giordania: rifugiati? Sì grazie
Giordania: rifugiati? Sì grazie
La grande quantità di profughi nella nazione mediorientale ha obbligato il governo a offrire nuovi servizi creando – anche grazie ad aiuti internazionali – nuovi posizioni di lavoro. Con positive ricadute sul bilancio economico del Paese
Gli antinatalisti: basta fare figli
Gli antinatalisti: basta fare figli
Si definiscono movimenti e sono in perenne lotta contro la sovrappopolazione del pianeta. Stanno raccogliendo firme per presentare alle Nazioni Unite una proposta: fermiamo le gravidanze
The perfect city
The perfect city
La giapponese Tokyo sembrerebbe – secondo The Economist – la città più sicura in cui vivere. Roma e Milano si piazzano a metà classifica. La volontà politica che manca per migliorare la sicurezza urbana in Italia
Prevedere il suicidio,
una sfida impossibile
Prevedere il suicidio,<br>una sfida impossibile
Con l’intelligenza artificiale si potrà aumentare la possibilità di capire chi ha mente di togliersi la vita, ma debellare definitivamente una delle principali cause di morte sarà difficile. Lo ha ammesso un’analisi psichiatrica australiana
Disobbedire civilmente contro le leggi ingiuste
Disobbedire civilmente contro le leggi ingiuste
Risale a quasi due secoli fa il saggio in cui Thoreau afferma che è necessario disubbidire a regole inique con una resistenza non violenta. Il caso Rackete fa comprendere quanto siano ancora attuali i concetti del pensatore statunitense
Vincent Lambert è morto
Vincent Lambert è morto
Otto giorni fa, su ordine del tribunale, gli erano stati interrotti i trattamenti di nutrizione e idratazione che da dieci anni lo tenevano in vita
Una famiglia arcobaleno
Una famiglia arcobaleno
Bruce Downe è stato l’ultimo a confessare la propria omosessualità: prima di lui la moglie Joanne e il figlio Tyler